lunedì 2 gennaio 2012

E' TEMPO DI RIDERE ........................................... ( o almeno sorridere ) .......................


rubrica a cura di I.O

nei post di questa serie saranno pubblicate barzellette, freddure etc trovate su internet o sentite in giro, possono essere nuove, vecchie, antiche etc , di solito vengono lette prima di essere pubblicate ma a volte ciò non succede quindi leggetevele voi e se ci sono degli errori o inesattezze comunicatelo  a chi di dovere .

p.s.
non a me

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


la confessione

Un tizio va a confessarsi: "Padre, siccome è tanto che non mi confesso dica i 10 Comandamenti e io rispondo "si'" o "no" a seconda se li ho rispettati o meno...".
"Ma che modo è di confessarsi? Quanti anni hai?".
"70".
"Da quanto tempo non ti confessi?".
"Mah, sarà dal mio matrimonio... circa una cinquantina d'anni".
"Ah, ma allora sei un peccatore di quelli grossi... Vieni con me...".
"Il prete esce dal confessionale, prende un candelabro, l'accende e porta l'uomo davanti ad un crocefisso: "Vedi la corona di spine? Tu gliel'hai messa coi tuoi peccati! Vedi il sangue che esce da costato? Tu glielo fai uscire coi tuoi peccati! Vedi i chiodi? Tu glieli hai messi coi tuoi peccati...".
"Scusi, padre, sposti la candela, perché se gli brucia le palle poi è colpa mia!!"

---------------------------------------------------------------------
fraintendimenti

"Pronto? C'e' Caviani Enrico?". "No. Non ancora".
"Non sa quando arrivera'?".
"E chi lo sa! Puo' essere domani, tra una settimana,
tra un mese, tra dieci anni...".
"Ma scusi, con chi sto parlando?".
"Con il guardiano del cimitero!"
---------------------------------------------
domande e risposte

Una signora passeggia sulla spiaggia con la figlioletta di 4 anni.
Ad un certo punto la bimba afferra la mano della mamma e le mostra un gabbiano morto che giace sulla sabbia.
"Mamma cos'e' successo a quel gabbiano?" chiede.
"E' morto ed e' andato in cielo" risponde la mamma.
La bimba ci pensa su un attimo e poi dice
"E Dio lo ha rigettato giu'??"
--------------------------------------------------
TASSI'!!

Il passeggero di un tassì dà una piccola pacca sulla spalla del conducente per porgergli una domanda.
Inaspettatamente, il tassista lancia un urlo e, perduto il controlla delll'auto, schiva per un pelo un autobus, salta sul marciapiedi evitando diversi pedoni per poi fermarsi finalmente a pochi centimetri dalla vetrina di un negozio.
Dopo alcuni momenti di imbarazzato silenzio,il tassista, ancora visibilmente scosso, esclama: "Sono spiacente ma lei mi ha terrorizzato toccandomi in quel modo!"
Il passeggero anch'egli spaventato si scusa, ma confessa di non aver compreso il perchè...
"No, non si scusi affatto, è tutta colpa mia -esclama il tassista-."Oggi è la prima volta che mi trovo alla guida d'un taxi.
 Ho guidato un carro funebre per gli scorsi 25 anni....."
------------------------------------------------------------------
L'ATEO IN PARADISO

Un ateo muore e va in Paradiso. S.Pietro lo accoglie a braccia spalancate e lui, evidentemente, rimane a bocca aperta convinto che si tratti di un errore. S.Pietro lo tranquillizza confermandogli che tutto è a posto e lo invita ad un giro nel luogo in cui trascorrerà il resto dell’eternità descrivendogli le varie aree del Paradiso:
- Qui è dove si trovano i Mussulmani......
-I Mussulmani? Qui?
-Beh, si! Che problema c’è?.... poi vedi laggiù ci sono gli Scintoisti…
-Gli Scintoisti qui?
-Si, e vicino a loro ci sono i Buddisti e dietro gli Induisti….
-Ma tutti qui?
-Si, che problema c’è? Adesso però, mentre passiamo vicini a quel muro stai zitto un attimo e attento a non fare rumore, dopodichè saremo arrivati alla zona degli Atei.
-Anche gli Atei sono qui?
-Si,sei il benvenuto!
- Belle sorprese in paradiso! Ma scusa, perché vicino a quel muro ho dovuto fare attenzione?
Ah, sai, ti ho fatto stare zitto perché al di là di quel muro ci sono i Cattolici e loro pensano di essere qui da soli !!!!
-----------------------------------------------------------------------------


L'ALDILA' E BERLUSCONI

Invitato da Rocco Bottiglione a leggere il Nuovo Testamento, Silvio Berlusconi ha chiesto: “Perché, sono compreso tra gli eredi?”.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nell’auto di Silvio c’è una piccola immagine di Gesù con scritto “Papà non correre”.
_______________________________________________________________


I TRE CONDOTTIERI. 

Dall’aldilà i tre più grandi condottieri della storia, Alessandro Magno, Giulio Cesare e Napoleone, ottengono di poter guardare sulla Terra gli attuali prodigi della scienza e della tecnica applicati all’arte della guerra. Vedendo i carri armati in Palestina, Alessandro Magno sospira: “Ragazzi, se io avessi avuto dei carri così, nemmeno un fazzoletto di terra sarebbe sfuggito al mio impero”. “Che cosa dovrei dire io allora?” esclama Giulio Cesare vedendo un poliziotto col giubbotto antiproiettile. “Se io avessi avuto quelle corazze, i congiurati li avrei sistemati per bene!”. Solo Napoleone resta zitto a fissare incantato un televisore, sintonizzato su Rete4, con Emilio Fede che intervista Berlusconi. Gli altri lo rimproverano: “Ma Napoleone, con tutte le armi interessanti che ci sono, che cosa stai a guardare quelle boiate?”.
E Napoleone: “Ma ragazzi, vi rendete conto? Se io avessi avuto una televisione così, di Waterloo non lo avrebbero neppure saputo!”.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Il Papa in limousine
Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l'autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede. "Mi scusi, Vostra Eminenza," dice l'autista, "Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?" "Beh, per dirti la verità" risponde il Papa, "Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia."
"Mi dispiace, ma non posso permetterglielo, perderei il lavoro se succedesse qualcosa!" protesta l'autista, desiderando di non essere andato al lavoro quella mattina. "Ci sarebbero degli extra non indifferenti per te", dice il Papa. Riluttante, l'autista sale dietro mentre il Papa si mette al volante. L'autista si pente della sua decisione appena usciti dall'aeroporto, vedendo il Pontefice spingere l'acceleratore portando la limousine a 170 Km/h.
"La prego, rallenti, Vostra Santità!!!", si dispera l'autista. Ma il Papa continua a tavoletta fino a quando si sentono delle sirene. "Oh no, mi ritireranno la patente!", piagnucola l'autista. Il Papa accosta e tira giú il finestrino. Il poliziotto si avvicina, dà un'occhiata, torna alla moto e prende la radio: "Devo parlare col capo..."
Il capo risponde alla radio e il poliziotto gli dice di aver fermato una limousine che andava a 170.
"Beh, sbattilo dentro!", dice il capo. "Non credo che vogliamo davvero farlo,é un tipo molto importante..." Dice il poliziotto. "Una ragione di piú!", esclama il capo.
"No, intendo DAVVERO importante..." Risponde il poliziotto.
Il capo allora chiede: "Beh, chi hai lí, il Sindaco?"
"Piú in alto!"
"Il Governatore?"
"Di piú!"
"Va bene...", dice il capo "Allora chi è?"
"Credo sia Dio!"
"Che cosa ti fa credere che sia Dio???"
"Ha il Papa per autista!!!"

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------