domenica 7 agosto 2011

CRACK MONDIALE e solidale , o crolliamo tutti o non crolla nessuno

a cura di a.s.s.m.

pensieri buttai lì a casaccio senza essere riletti , quindi pieni di errori ed incongruenze , come una discussione al bar o con gli amici da qualche parte ma senza contraddittorio , comunque sia pensieri che danno un quadro d'insieme di cosa passa per la testa ad uno squilibrato mentale senza niente da perdere se non il suo stemma preferito e comunque alla fine sempre i beneamati discorsi a bischero

il mondo ad un passo dal baratro

il mondo consi' come era conosciuto fino a ieri sta fallendo .. le potenze mondiali che finora guidavano i mercati finanziari ed oltre fanno i conti con decenni di politiche sbagliate di spese al di sopra delle proprie possibilita' , non v'e' paese della vecchia guardia che non navighi in cattive acque , quelle che erano le superpotenze mondiali vedono da vicino il crack avvicinarsi e stentano a decidere il da farsi, a trovare le mosse giuste che evitino problemi piu' grossi

alla fine è solo politica , alla fine sono semplici calcoli e se la matematica non è un ' opinione questi paesi sapevano gia' da tempo la situazione in cui si trovavano , i loro analisti , i loro ministri del tesoro etc. conoscevano lo stato delle cose , i loro politici sapevano cosa era necessario fare , è stato deciso cosi', è stato deciso di dare una smossa al mondo finanziario globale perche cosi' com'era il sistema non poteva continuare, accumulare debiti su debiti senza pensare prima o poi di cambiare direzione non poteva essere la soluzione anche se lo era stata fino a poco tempo prima , cosi' le dificoltà dei mercati. la caduta delle borse il calo di rating etc etc


e noi poveri spettatori di un " MONDO " di cui non capiamo i meccanismi possiamo solo sperare che le cose si aggiustino . noi cittadini senza colpa , che lavoriamo ogni giorno per arrivare a fine mese possiamo solo sperare che sti' Stronzi ( nel senso buono del termine ) che regolano tutto trovino un accordo e ci lascino vivere .............
le nuove realta' emergenti chiedono chiarimenti e attestati di sicurezza e nel contempo il cambio delle metodologie di misurazione e abbinamento a monete piu' al passo dei tempi oltre che piu' sicure , che limitino il rischi per interi paesi di andare vicino al baratro per colpa di una crisi proveniente da lontano di cui non hanno colpa e il bello è che hanno ragione a chiedere garanzie a voler sapere se i debiti saranno pagati se la fiducia che hanno dato risulterà un buon investimento o una grande fregatura

gli USA questa emerita potenza mondiale basata sul debito vedono per la prima volta il proprio impero finanziario scricchiolare sotto il peso di un debito stratosferico che non li schiaccia grazie ad accordi politici finora considerati validi oltre il necessario e ad una fiducia incondizionata su quanto promesso dai suoi rappresentanti , fiducia che pero' ora pare lentamente venir meno.......


l' EUROPA, il vecchio continente che s'e in gran parte unito in una specie di federazione di stato con un unica moneta attraverso la quale dominare la scena mondiale sta vedendo fallire le sue pretese , sta' facendo i conti con la realtà, sta vedendo che alla fine ogni paese partecipante sta pensando sotto sotto " ma chi ce l' ha fatto fare ? "
forse che il sogno era troppo grande per attuarlo davvero ?

l'Italia per una volta non sfigura e compare, in questa classifica, ben posizionata solo che in questo caso era meglio che non c'era che il suo debito pubblico non esistesse invece che esserci, invece che strangolarla ogni anno di piu'
ed è inutile ora cercare i colpevoli perche alla fine i colpevoli sono tutti i cittadini che compongono una nazione , alla fine i colpevoli siamo tutti noi che abbiamo permesso che tutto ciò accadesse senza fare niente , accennando solo qualche timida protesta , qualche coro accorato ma niente di piu' e con i discorsi non si va' da nessuna parte , da che mondo è mondo per far muovere le cose ai discorsi devono seguire i fatti sennò alla fine non cambia niente e i discorsi vengomno dimenticati

................. ripensandoci pero' almeno sapere a grandi linee qualche minimo dato non è che fa' così male , e serve anche a rinfrescare la memoria a ricordare bene che le colpe alla fine sono ben divise tra le varie parti politiche


.................. finalmente l' italia ha un nuovo record!!! è quello del debito pubblico che aumenta ogni mese di piu'!!!
e vvvvvvai!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Il debito pubblico raggiunge un nuovo record, ora siamo arrivati alla cifra stratosferica di 1890,6 miliardi di euro. Sono questi gli ultimi dati riportati dalla Banca d’Italia. La stima è stata fatta sul mese di aprile 2011 e segna un aumento del debito rispetto a marzo di ben 22 miliardi.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------
_______________________________________________________________________________________
almeno le previsoni fossero buone ma------ hey!!! se uno le guarda gli vien da piangere .....
ma un normale cittadino cosa può fare?, come reagisce a queste notizie che a volte si contraddicono una per l' altra ?

LA gente ormai non sà più a chi credere, non sàpiù che pesci pigliare e si arrangia come può, nei paesi piu' poveri alcuni hanno iniziato adirittura a mangiare gli alberi e guai se qualcuno s' avvicina che c'è il rischio di essere morsi e finire almeno in parte a far la parte del contorno

____________________________________________________________________________
fonti e articoli correlati e molto piu' veritieri e interessanti
:

link


questo è un esempio di come uno senza capirne niente puo fare un' articolo che esanimi anche se a grande linee la situazione economica odierna che costantemente viene denunciata attraverso ogni media possibile come se uno poi alla fine non sapesse da se se le cose vanno male o bene e se vanno male ( e vanno male ) non capisse da se che possono andare peggio . molto peggio e che alla fine sperare che cio' non succeda anche se non serve a niente non costa neppure nulla.