mercoledì 23 marzo 2011

Domani arriva in Italia la nube radioattiva di Fukushima



Lo annuncia l'Ispra che aggiunge: "Nessun problema per la salute della popolazione".
La nube radioattiva di Fukushima arriva in Italia tra domani e dopodomani, ma non ci dovrebbero essere problemi per la popolazione. Lo sostiene il responsabile del Servizio misure radiometriche del Dipartimento nucleare dell'Ispra, Giancarlo Torri.
In Italia ad intercettare la nube "sono i sistemi della Rete nazionale di sorveglianza della radioattività, una rete che è sempre e comunque attiva su tutte le regioni italiane", ha spiegato Torri, aggiungendo che fino "a stamattina non si rileva nessun segnale di incremento di radioattività né sull'Italia né sull'Europa".
Ad ogni modo, ha continuato Torri, "il valore della nube dipende da quanto materiale radioattivo è uscito, da quanto sta in alto e da quali fenomeni di diluizione è influenzato".
La dose attesa, comunque, dovrebbe essere tra mille e 10mila volte meno di quella che arrivò dopo Chernobyl.

Informazioni analoghe arrivano anche dall'Agenzia di sicurezza nucleare francese secondo cui ''masse d'aria leggermente contaminate, con livelli inferiori di 1.000 a 10.000 volte rispetto a quelli rilevati in seguito all'incidente di Chernobyl dovrebbero raggiungere mercoledì la Francia metropolitana senza alcuna conseguenza per la salute''.



le risposte di FOCUS :

# È vero che sta per arrivare sopra l’Europa e l’Italia una nube radioattiva?
Sì, si tratta di particelle di materiale radioattivo fuoriuscito nei giorni scorsi dalla centrale nucleare di Fukushima, trasportate dai venti che hanno interessato l’area orientale e nord orientale del Giappone verso l’Oceano Pacifico e gli Stati Uniti.

# Quando è atteso l’arrivo della nube?

Secondo quanto dichiarato ai media dai Giancarlo Torri, responsabile del Servizio misure radiometriche del Dipartimento nucleare dell'Ispra, la nube radioattiva è attesa nei cieli italiani tra mercoledì 23 e giovedì 24 marzo

# Che pericoli ci sono per la popolazione?

Assolutamente nessuno. Nel loro viaggio dal Giappone le masse di aria hanno perso gradualmente il contenuto iniziale di radioattività. Quando arriveranno in Italia avranno una concentrazione di radioattività così bassa da non essere rilevabile con i normali strumenti di misura.

fonte e continuazione
http://www.focus.it/Scienza/news/la-nube-radioattiva-di-fukushima-arriva-in-italia-le-cose-da-sapere_22032011_2355.aspx

http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_22/ispra-radioattivita_7bcfe5c0-5482-11e0-a5ef-46c31ce287ee.shtml
http://www.lettera43.it/benessere/11344/fukushima-arriva-in-italia.htm

dice Pippo che è meglio aver paura che toccarle ( in questo caso assorbirle )
________________________________________________________________________
annuncio commerciale

per gli appassionati sono gia pronti pacchetti gita in bus, aereo e/o elicottero , per i piu' facoltosi anche jet etc

per raggiungere i posti in cui la nube sara' piu vicina, ai collezionisti consigliamo di munirsi di aspiraaria o aspirapolvere a tenuta stagna e contenitori sempre a tenuta stagna ove introdurre parte della nube radioattiva che , ricordiamo , per ora è ancora abbatanza rara e difficile da rintracciare, almeno dalle nostre parti e con la nostra bella aria Italiana ; l' uso di un contatore Geiger è consigliato onde evitare di aspirare nubi non radioattive di cui pero garantiamo la Italianita' (n.b. solo sul territorio ITaliano )

nota bene
non occorre munirsi di carta igenica antiradiazioni in quanto lo stronzio eventualmente contenuto nella nube, che potrebbe venire a contato con la pelle etc , differisce dagli stronzi comunemente conosciuti non solo per la " i "in piu ma anche per la composizione chimica ed altri fattori eppoi non sporca , non puzza . è quasi invisibile i dannio che provoca vanno ben aldila' dielle possibilita di uno stronzo comune sia esso di origine umana che animale.