mercoledì 24 febbraio 2010

Emanuele Filiberto di Savoia

fonte - http://biografieonline.it/

Emanuele Umberto Reza Ciro René Maria Filiberto di Savoia nasce il giorno 22 giugno 1972 a Ginevra, in Svizzera, dove risiede con la famiglia esiliata come previsto dalla Costituzione repubblicana italiana. Rientra legalmente in Italia soltanto a fine 2002. Emanuele Filiberto è figlio unico di Vittorio Emanuele di Savoia e di Marina Ricolfi Doria, ed è nipote dell'ultimo re d'Italia, Umberto II di Savoia.

Emanuele Filiberto studia fino al 1990 al liceo Le Rosey di Losanna. Poi si trasferisce presso l'Istituto Gamma per conseguire il diploma.

Il 25 settembre 2003 Emanuele Filiberto sposa a Roma, nella basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, già luogo del matrimonio del bisnonno paterno, l'attrice francese Clotilde Courau, dalla quale ha due figlie: Vittoria Cristina Adelaide Chiara Maria di Savoia (2003) e Luisa Giovanna Agata Gavina Bianca Maria di Savoia (2006).

Emanuele Filiberto lavora inizialmente come consulente finanziario. All'età di 26 anni lanciato il fondo d'investimento Altin, quotato alla Borsa di Zurigo. La sua immagine pubblica è la sua notorietà sono però dovute soprattutto alle sue attività nel mondo dello spettacolo. E' ospite televisivo in numerose trasmissioni italiane, a partire già dalla metà degli anni '90. Nel 2002 è testimonial pubblicitario in uno spot tv dei sottaceti Saclà.

Nel 2001 crea la "Fondazione Emanuele Filiberto Charity Fund" e la "Fondazione Principe di Venezia"

Nel 2008 è membro della giuria nel talent show "Il ballo delle debuttanti" su Canale 5.

Nel 2009 partecipa come concorrente alla quinta edizione del talent show di Rai Uno "Ballando con le stelle" in coppia con la maestra di ballo Natalia Titova, ed il 21 marzo vince il concorso.

Il suo impegno per una ricerca di consenso popolare lo porta nel luglio del 2009, a contribuire alle cerimonie per il 150° anniversario dell'unità d'Italia inaugurando a Cortina d'Ampezzo la mostra "Casa Savoia, storia di una Famiglia italiana". Nella mostra sono presenti circa 150 oggetti appartenuti ai re ed alle regine d'Italia. L'evento è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Regione Veneto.

In campo politico fonda nel 2005 il movimento d'opinione "Valori e Futuro". Alle elezioni politiche italiane del 2008 si candida per essere eletto alla Camera dei Deputati con una lista denominata "Valori e Futuro con Emanuele Filiberto", presentandosi solo per la circoscrizione estera "Europa". Con soltanto lo 0,4% dei voti, il movimento si classifica come il peggior risultato della circoscrizione "Europa".

Alle fine del mese di aprile del 2009 presenta la sua candidatura per le elezioni europee del 2009 nelle file dell'UDC. Il suo nome figura terzo in lista dopo quelli di Magdi Allam e Luca Volonté. Anche questa volta, però, Emanuele Filiberto, pur raccogliendo circa ventiduemila preferenze, non viene eletto.

Il tema della successione ad Umberto II come capo del casato è oggetto di controversia tra i sostenitori di opposte tesi rispetto all'attribuzione del titolo a Vittorio Emanuele piuttosto che a Amedeo: infatti il 7 luglio 2006 la Consulta dei Senatori del Regno, con un comunicato, ha dichiarato decaduto da ogni diritto dinastico Vittorio Emanuele ed i suoi successori ed ha indicato duca di Savoia e capo della famiglia il duca d'Aosta, Amedeo di Savoia-Aosta, fatto contestato anche sotto il profilo della legittimità da parte dei sostenitori di Vittorio Emanuele.

Se da un lato la Repubblica Italiana non riconosce valore giuridico ai titoli nobiliari, è dubbio che, anche a monarchia vigente, Emanuele Filiberto avrebbe potuto fregiarsi di qualsiasi titolo. Il matrimonio contratto da suo padre senza l'autorizzazione di Umberto II (in violazione dell'art. 92 del vigente Codice civile del 1942 sulla validità dei matrimoni reali), infatti, lo priverebbe di qualsiasi diritto dinastico ed il suo status sarebbe, conseguentemente, quello di comune cittadino.

Qualora risultasse realmente concesso e registrato, il suo solo titolo sarebbe quello di principe di Venezia. Il trattamento di altezza reale, di cui Emanuele Filiberto fa largo uso, giuridicamente riservato ai soli principe reali, ed, eccezionalmente, ad altri principi del sangue, non gli sarebbe assolutamente riconosciuto.

Nel 2010 è co-conduttore nel talent show di Rai Uno "I Raccomandati" insieme al cantante e showman Pupo, Georgia Luzi e Valeria Marini.

Nello stesso anno partecipa al 60° Festival di Sanremo insieme a Pupo ed al tenore Luca Canonici con la canzone "Italia amore mio", il cui testo da lui scritto è una poesia musicata dal cantautore toscano. Il trio viene fischiato dalla platea del teatro Ariston, tanto che la canzone è la prima eliminata dalla gara. La canzone viene poi ripescata dal televoto popolare e riesce ad accedere alla finale del 20 febbraio posizionandosi sul podio nel secondo gradino, dietro il vincitore Valerio Scanu.

Italia amore Mio





Pupo, Emanuele Filiberto di Savoia e Luca Canonici


(Pupo) Io credo sempre nel futuro, nella giustizia e nel lavoro,
nel sentimento che ci unisce, intorno alla nostra famiglia.
Io credo nelle tradizioni, di un popolo che non si arrende,
e soffro le preoccupazioni, di chi possiede poco o niente.

(E. Filiberto) Io credo nella mia cultura e nella mia religione,
per questo io non ho paura, di esprimere la mia opinione.
Io sento battere più forte, il cuore di un’Italia sola,
che oggi più serenamente, si specchia in tutta la sua storia.

(L. Canonici) Sì stasera sono qui, per dire al mondo e a Dio, Italia amore mio.
Io, io non mi stancherò, di dire al mondo e a Dio, Italia amore mio.

(E. Filiberto) Ricordo quando ero bambino, viaggiavo con la fantasia,
chiudevo gli occhi e immaginavo, di stringerla fra le mie braccia.

(Pupo) Tu non potevi ritornare pur non avendo fatto niente,
ma chi si può paragonare, a chi ha sofferto veramente.

(L. Canonici) Sì stasera sono qui, per dire al mondo e a Dio, Italia amore mio
Io, io non mi stancherò, di dire al mondo e a Dio, Italia amore mio

(Pupo) Io credo ancora nel rispetto, nell’onestà di un ideale,
nel sogno chiuso in un cassetto e in un paese più normale.

(E. Filiberto) Sì, stasera sono qui, per dire al mondo e a Dio, Italia amore mio.


fonte - biografie online




--------------------------------------------------------------------------------------------
I SAVOIA storia e altro ( link etc da internet )
Cent'anni di Savoia



Carlo Alberto e i moti mazziniani

Sale al trono nel 1831 in piena epoca di restaurazione. Il nuovo re non ha una forte caratterizzazione. Figura complessa Carlo Alberto, si trova a vivere in un periodo di transizione, senza un chiaro programma politico salvo l'odio per l'Austria, il rispetto per la Chiesa e il desiderio di espandere i domini della sua casa. Nel 1821 aveva avuto una parte non molto chiara nei moti costituzionali avvenuti in Piemonte (organizzati dal conte Santorre di Santarosa sulla scia dell'insurrezione napoletana). Certamente egli era stato in contatto con i rivoltosi, ma all'ultimo si tira indietro mentre i cospiratori, in buona o in mala fede, continuarono a contare su di lui. In qualità di reggente aveva concesso la Costituzione nel 1821, ma il suo operato venne presto sconfessato dal re Carlo Felice. I suoi atteggiamenti avevano destato sospetti non solo nei carbonari - i quali lo accusarono di tradimento e per i quali divenne "l'esecrato Carignano" (Berchet) - ma anche presso i suoi amici di un tempo, agli occhi dei quali era reo di aver partecipato alla repressione della rivoluzione liberare spagnola.

Sul trono Carlo Alberto dimostra subito grande rigore nel reprimere qualunque tentativo di rivoluzione liberale, al pari dell'energia impiegata per riordinare lo Stato, risanare le finanze e promuovere lo sviluppo economico del regno. Nello stesso periodo monta l'anelito di libertà dallo straniero. Giuseppe Mazzini fonda a Marsiglia la "Giovine Italia", associazione politica che operava clandestinamente, secondo un programma di rinnovamento morale e politico degli Italiani ispirato a principi repubblicani. Mazzini avvia nel 1833 il suo primo tentativo insurrezionale. La vastità della congiura e l'aperta opera di propaganda, permettono però al governo sabaudo di venirne a conoscenza ancora prima che essa venga attuata. La repressione di Carlo Alberto fu spietata e feroce.

Nonostante la vena reazionaria, determinata più dallo spirito conservatore dinastico che da una effettiva concezione retrograda della politica, Carlo Alberto ha una sua teoria in base alla quale gli unici due sovrani legittimi d'Italia sono i Savoia ed il Pontefice: quando vede che quest'ultimo si schiera contro l'assolutismo e contro l'Austria ritiene giunto il momento di divenire la "spada d'Italia". Comincia appoggiando energicamente dapprima il Papa nel conflitto che questi ebbe con l'Austria per l'occupazione di Ferrara (estate 1847) e quindi il Granduca di Toscana nella controversia che questi ebbe con il Duca di Modena che era appoggiato da Vienna (autunno 1847).

Quando Ferdinando II, re di Napoli, concede la Costituzione, anche Carlo Alberto, il 4 marzo 1848, accorda, non senza crisi di coscienza e continui ripensamenti, lo Statuto albertino, costituzione ricalcata sulla carta francese del '30, che istituisce il governo costituzionale. Nello stesso mese scoppia a Milano il moto rivoluzionario antiasburgico, noto con il nome di Cinque Giornate. Anche in questa occasione Carlo Alberto esita, ma infine decide per l'intervento armato contro l'Austria. Dopo un primo successo l'esercito piemontese perde rovinosamente a Custoza. Colpa anche della scarsa destrezza del re come comandante e dell'incapacità del suo esercito. La sconfitta genera dubbi sulla lealtà del re, il quale l'anno successivo, sotto la pressione dell'opinione pubblica, riprende la guerra contro l'Austria. La campagna si risolve in soli tre giorni con la disastrosa battaglia di Novara. Nella stessa giornata, il 23 marzo 1849, abdica in favore del figlio.


Vittorio Emanuele II e l'unità d'Italia

Un giovanissimo Vittorio Emanuele II si trova di colpo sul trono di Sardegna, in un momento difficile per il paese. Impossibilitato a continuare la guerra, firma l'armistizio con gli austriaci il 24 marzo 1849. Il nuovo re è un uomo debole, di buon cuore e scaltro, ma rozzo e superstizioso, "possiede un carattere semplice, ma ben poco del lustro e dello splendore della maestà regia". Alla maniera dei suoi predecessori e di suo figlio poi, mantiene pubblicamente un'amante e dei figli illegittimi, convinto che da un sovrano ci si attenda una cosa del genere. Come re Vittorio Emanuele possiede una autorità più ampia della maggior parte dei monarchi costituzionali. L'articolo 65 dello statuto stabilisce che il "Re nomina e revoca i suoi ministri"; non ha nessun obbligo di seguire i loro consigli. Manifesta in più di una occasione la volontà di esercitare l'autorità regia, se non al di fuori, quantomeno all'estremo limite della correttezza costituzionale.

Nel 1850 Camillo Benso conte di Cavour diventa ministro, primo ministro nel 1852 e quindi a capo del governo quasi ininterrottamente fino al 1861. I rapporti tra i due non sono sempre facili e cordiali, sebbene Cavour sia devoto alla monarchia. In ogni caso il conte riesce a volgere a suo favore le ambizioni unitarie del re e, anche se Vittorio Emanuele è portato per carattere ad intervenire ripetutamente negli affari di governo, segue costantemente la politica di Cavour, così nel desiderio di restaurare la fama del suo esercito come nel caso dell'intervento in Crimea. Gli anni più favorevoli al regno di Vittorio Emanuele sono quelli dal '59 al '61. Partito in guerra contro l'Austria nell'aprile del '59 -ottenendo la Lombardia - meno di due anni dopo è acclamato re d'Italia da un Parlamento italiano. Alla rapida ascesa del monarca contribuisce in modo determinante l'opera di Cavour e di Giuseppe Garibaldi che, con la spedizione dei Mille, regala a Vittorio Emanuele II il grande regno meridionale; ma si deve riconoscere che in questi anni decisivi Vittorio Emanuele II sposa fermamente la causa dell'unità nazionale. Dopo il 1861 la posizione del re si indebolisce. Non è gradito ai repubblicani e alle altre dinastie, private del trono. La terza guerra di indipendenza (1866) porta alla corona il Veneto ma senza quella vittoria militare che il re desidera (la regione viene ceduta alla Francia che ha l'incarico di consegnarla all'Italia). Inoltre, al compimento dell'unità italiana mancava ancora Roma. Quando nell'estate del '70 scoppia la guerra franco-prussiana, Vittorio Emanuele II è più propenso di accorrere in aiuto di Napoleone III, antico compagno d'armi e di intrighi, ma si piega alla volontà dei suoi ministri che vollero cogliere l'occasione propizia per attaccare Roma e occuparla. Nella città si reca anche il re ma non si trova a suo agio. Non soggiorna mai al Quirinale preferendo ritirarsi in una residenza più modesta, con la moglie morganatica Rosa Vercellana, poi contessa di Mirafiori. Concluso il periodo eroico del Risorgimento, il re è un sopravvissuto, come tanti altri protagonisti dell'indipendenza e dell'unificazione. Nel 1876 vede allontanarsi dal governo per un voto contrario del Parlamento la Destra storica dalla quale erano usciti i suoi ministri più abili ed i suoi più fidati consiglieri. Ossequiente alle indicazioni del Parlamento, chiamò al governo la Sinistra storica. Ciò avveniva nell'anno della sua morte.

Umberto I e la repressione di Bava Beccaris

Nel 1878 gli succede il figlio, Umberto I. Maggiore è il senso del dovere e della dignità che Umberto dimostra rispetto al padre. Ma la situazione politica italiana è complessa e non sempre il re sembra comprenderla. Intanto, in Europa, l'equilibrio delle forze è cambiato: Umberto si predispone ad una riconciliazione con l'Austria-Ungheria, forse perché la madre e la nonna sono principesse austriache. Ma alla base ci sono anche ragioni più solide che consigliano di non spingere oltre le ostilità tradizionali perché se la Francia dopo il 1870 è una repubblica sconfitta, quindi indesiderabile come alleata, la Germania e l'Austria sono entrambe governate saldamente da sovrani conservatori. Nel maggio del 1882 l'Italia diventa membro di secondo piano della Triplice Alleanza: raramente riesce ad esercitare qualche influenza sulle azioni dei suoi alleati ma psicologicamente il farne parte colma il desiderio italiano di prestigio. Questo spinge l'Italia ad intraprendere una politica coloniale dispendiosa, pagata con l'aumento delle imposte. In questo intreccio di autoritarismo e imperialismo emergono le difficoltà incontrate dalla nascente nazione italiana in una fase di pesante congiuntura economica e politica. L'aggravarsi della crisi agraria, l'espandersi della crisi edilizia e i fallimenti della banche più esposte nel settore delle costruzioni fomentano la ribellione che scoppia nel 1898: l'esercito guidato dall'ufficiale Bava Beccaris interviene sedando la rivolta nel sangue.

L'impegno diretto di Umberto in politica estera lo rende impopolare non solo negli ambienti che spingono per una riduzione dei bilanci militari, ma anche agli occhi degli irredentisti ostili all'Austria. Re Umberto cade vittima di Gaetano Bresci, un anarchico, nel luglio del 1900.

Vittorio Emanuele III e all'abbraccio con Mussolini

Sale al trono Vittorio Emanuele III. Fisicamente delicato, afflitto da un complesso d'inferiorità, viene educato attraverso una rigida scuola militare, tale da soffocare qualsiasi spunto di vitalità. Il nuovo re ha gusti più sobri rispetto al padre, ma è anche più cinico e asociale e questo lo tiene lontano dal popolo. Anticlericale e irreligioso, non viene apprezzato né dall'aristocrazia nera, né dalla sinistra e neppure dalla società mondana. Il re è però un uomo di buon senso, modesto, e questo favorisce un periodo di stabilità ed equilibrio almeno fino a che "il suo amore per il quieto vivere non lo indusse a consegnare l'Italia ai fascisti". Vittorio Emanuele non ha un rapporto di amicizia con Giovanni Giolitti (politico progressista di spicco del panorama italiano dal 1890 al 1920; due volte alla guida del governo, nel 1892 prima e nel 1908 poi) e con nessuno dei suoi ministri, si sforza però di non apparire legato ad alcun gruppo. Questo permette il trascorrere di un periodo di calma e relativa prosperità, avallato dalle riforme giolittiane.

La storia italiana subisce una svolta determinante quando nel panorama politico si fa strada Benito Mussolini. Nell'ottobre del 1922 il governo Facta si avvia alle dimissioni e la situazione volge a favore della compagine fascista. Il re rifiuta di firmare lo stato d'assedio della città di Roma, meta della marcia compiuta dai fascisti. Il suo rifiuto non è solo una violazione della prassi costituzionale, ma è il fondamento del successo della marcia e dell'insurrezione. "Non v'è il minimo dubbio che il re cambiò idea nel corso della notte. Il suo brillante cugino, il duca d'Aosta, che forse aspirava segretamente al trono o comunque ad una posizione di primo piano, si era installato nei pressi di Perugia e, a quel che si diceva, aveva poco tempo prima passato in rivista i militi fascisti. Il re doveva pertanto andar cauto". E' la prima volta che Vittorio Emanuele rifiuta di attenersi al parere dei suoi ministri che, per quanto dimissionari, sono ancora in carica.Comincia così il ventennio fascista che travolgerà anche la monarchia; Vittorio Emanuele teme troppo Mussolini e si chiama fuori da qualsiasi decisione impegnativa che possa compromettere la dinastia (più volte Mussolini minaccia "di farla finita una volta per tutte con la monarchia"). Il re segue il corso degli eventi anche in questa occasione, senza prendere in considerazione la possibilità di ribellarsi all'uomo che proprio lui ha chiamato al potere. La monarchia si macchia, allo stesso modo del regime fascista dell'adozione delle leggi razziali prima e della guerra poi. Ma il re si macchia anche di un'altra colpa grave, la fuga dopo l'8 settembre 1943. L'Italia è abbandonata a se stessa mentre il re scappa a Brindisi. Se il re avesse abdicato nel 1943, la monarchia avrebbe avuto la possibilità di sopravvivere. Invece il re respinge l'accusa di tradimento dello statuto sotto Mussolini, argomentando che un sovrano costituzionale non ha nessuna responsabilità per le azioni dei suoi ministri e, giustificando la fuga con la necessità di dare all'Italia una continuità di governo, cosa che non sarebbe stata possibile se il re fosse caduto nelle mani dei tedeschi.

L'abdicazione giunge troppo tardi e Umberto II non è nelle condizioni di poter cambiare quello che sarà il risultato del referendum: la vittoria della Repubblica e l'esilio dei Savoia.

(fonte Valeria De Rosa/grandinotizie.it)









http://cronologia.leonardo.it/storia/biografie/reitalia.htMm

http://it.wikipedia.org/wiki/Casa_Savoia

http://cronologia.leonardo.it/savoia/savoia01.htm

http://www.storiain.net/arret/num53/artic1.htm


http://www.archiviostorico.info/index2.php?option=com_content&do_pdf=1&id=1008

http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2188&biografia=Emanuele+Filiberto+di+Savoia
http://www.contironco.it/savoia/indice.htm

http://www.storiain.net/arret/num53/artic1.htm
http://www.storiaxxisecolo.it/index.htm