giovedì 24 dicembre 2009

le ballate di Coverdale

LE CARE E VECCHIE BALLATE ALLA COVERDALE
Looking For Love DALL' ALBUM " 1987 "



Songwriters: Coverdale, David;Sykes, John

I’m tired of waiting
An’ closing my eyes
I’m asking myself
Why is it all my horizons
Are so far away

I look in the mirror
Don’t like what I see
In my reflection
A stranger is staring at me
Looking for love

The love of a woman
The needs of a man
I try so hard to belive
But I don’t understand
The search goes on

But over the mountains
Across the sea
I know love is waiting
I hear it calling to me
Calling my name

I’m looking for love all around me
Looking for love to surround me
The love that I need
To rescue the state of my heart

Alone again, it’s always the same
I’ve just been marking my time
Since the day I was born
With no one to blame

The candle is burning
It’s way down low
I just need someone
To show me the way to go
Which way to go.

I’m looking for love all around me
Looking for love to surround me
The love that I need
To rescue the state of my heart

I’m looking for love
An’ finding only heartache
Looking for love
An’ finding only heartache
I’m looking for love to rely on
Looking for love, a shoulder to cry on
I’m looking for love
To rescue the state of my heart...

© WHITESNAKE MUSIC (OVERSEAS);WHITESNAKE MUSIC LTD
-----------------------------------------------------------------------
IS THIS LOVE - Songwriters: Coverdale, David;Sykes, John


I should have known better
Than to let you go alone
It's times like these
I can't make it on my own
Wasted days, and sleepless nights
An' I can't wait to see you again

I find I spend my rime
Waiting on your call
How can I tell you, babe
My back's against the wall
I need you by my side
To tell me it's alright
Cos I don't think I can take anymore

Is this love that I'm feeling
Is this the love that I've been searching for
Is this love or am I dreaming
This must be love
Cos it's really go a hold on me
A hold on me

I can't stop the feeling
I've been this way before
But, with you I've found the key
To open any door
I can feel my love for you
Growing stronger day by day
An' I can't wait too see you again
So I can hold you in my arms


Is this love that I'm feeling
Is this the love that I've been searching for
Is this love or am I dreaming
This must be love
Cos it's really got a hold on me
A hold on me

Is this love that I'm feeling
Is this the love that I've been searching for

Is this love or am I dreaming


TESTO TRADOTTO
È Questo Amore?

Avrei dovuto capire meglio
piuttosto che lasciarti andar via sola.
In questi momenti
non ce la faccio da solo.
Giorni persi, e notti insonni
e non vedo l’ora di rivederti.

Mi trovo a passare il tempo
aspettando una tua chiamata.
Come posso spiegarti, bambina?
Ho le spalle al muro,
ho bisogno di averti vicino
per dirmi che tutto va bene
perché non penso di poter resistere ancora.

È questo amore che provo,
è questo l’amore che ho cercato a lungo?
È questo amore o sto sognando?
Questo deve essere amore
perché mi ha completamente catturato,
mi ha catturato.

Non posso fermare questo sentimento,
l’ho fatto in passato,
ma con te ho trovato la chiave
per aprire qualsiasi porta.
Sento il mio amore per te
rafforzarsi di giorno in giorno
e non vedo l’ora di rivederti
per tenerti fra le mie braccia.

È questo amore che provo,
è questo l’amore che ho cercato a lungo?
È questo amore o sto sognando?
Questo deve essere amore
perché mi ha completamente catturato,
mi ha catturato.

È questo amore che provo,
è questo l’amore che ho cercato a lungo?
È questo amore che provo,
è questo l’amore che ho cercato a lungo?
----------------------------------------------------------
Ain’t No Love In The Heart Of The City - (Price/Walsh)


Ain't no love in the heart of the city,
Ain't no love in the heart of town.
Ain't no love, sure 'nuff is a pity,
Ain't no love 'cos you ain't around.
Baby, since you been around.

Ain't no love in the heart of the city,
Ain't no love in the heart of town.
Ain't no love, sure 'nuff is a pity, child
Ain't no love 'cos you ain't around.

Every place that I go,
Well, it seems so strange.
Without you love, baby, baby,
Things have changed.
Now that you're gone
Y'know the sun don't shine,
From the city hall
To the county line, that's why

Ain't no love in the heart of the city,
Ain't no love in the heart of town.
Ain't no love, sure 'nuff is a pity,
Ain't no love 'cos you ain't around.

(Solo)

Every place that I go,
Well, it seems so strange.
Without you love, baby, baby,
Things have changed.
Now that you're gone
Y'know the sun don't shine,
From the city hall
Woman, to the county line, that's why

Ain't no love in the heart of the city,
There ain't no love in the heart of town.
There ain't no love, sure 'nuff is a pity,
Ain't no love 'cos you ain't around.

(Solo)

There ain't no love in the heart of the city,
There ain't no love in the heart of town.
Ain't no love, sure 'nuff is a pity,
Ain't no love 'cos you ain't around,
'Cos you ain't around.

TESTO TRADOTTO
Non C’è Amore Nel Cuore Della Città

Non c’è amore nel cuore della città,
non c’è amore nel cuore del paese.
Non c’è amore, è proprio un peccato,
non c’è amore perché non sei vicina,
bambina, da quando non sei più vicina.

Non c’è amore nel cuore della città,
non c’è amore nel cuore del paese.
Non c’è amore, è proprio un peccato,
non c’è amore perché non sei vicina.

Ogni posto in cui vado
beh, sembra così strano,
senza di te amore, bambina, bambina
le cose sono cambiate.
Adesso che te ne sei andata,
vedi, il sole non splende
dal municipio
sino ai confini della contea, ecco perché.

Non c’è amore nel cuore della città,
non c’è amore nel cuore del paese.
Non c’è amore, è proprio un peccato,
non c’è amore perché non sei vicina.

Ogni posto in cui vado
beh, sembra così strano,
senza di te amore, bambina, bambina
le cose sono cambiate.
Adesso che te ne sei andata,
vedi, il sole non splende
dal municipio
sino ai confini della contea, ecco perché.

Non c’è amore nel cuore della città,
non c’è amore nel cuore del paese.
Non c’è amore, è proprio un peccato,
non c’è amore perché non sei vicina.

Non c’è amore nel cuore della città,
non c’è amore nel cuore del paese.
Non c’è amore, è proprio un peccato,
non c’è amore perché non sei vicina,
perché non sei vicina.
---------------------------------------
Whitesnake — Only My Soul dall' album Snakebite del 1978

Songwriters: Coverdale, David



David Coverdale Only my Soul Lyrics:
(Coverdale)

Only my soul, stops me crying,
Wondering why I feel alone
And only my love keeps me from
Weeping, so bad,
Giving me strength, to carry on

Lead me on thro' restless waters,
Walk with me along the way
Live the moment, and tomorrow
For the Lord will take it all
On judgement day

Broken dreams lay all around me,
Sad eyed children of despair
Whispered voices in the distance
[ Find more Lyrics on http://mp3lyrics.org/Ihc ]
Call me on to who knows where

Lead me on thro' restless waters,
Walk with me along the way
Live the moment, and tomorrow
'Cos the Lord will take it
all on judgement day,
And the Lord will take it
all on judgement day

Hear me crying out for love
Hear me crying out for love
I'll never let you know it,
I can only show it in my song

Only my soul

Hear me crying out for love
Hear me crying out for love
I'll never let you know it,
I can only show it in my song
Only my soul...
---------------------------------------------------------- ( continua )

a proposito di David Coverdale


David Coverdale nasce a Saltburn, nello Yorkshire, il 22 settembre 1951. Prima del suo inserimento nei Deep Purple Coverdale non aveva mai militato in band professioniste, e ottenne l'ingaggio di Blackmore & soci dopo aver risposto ad un annuncio sul Melody Maker. Il giovane David, fino ad allora commesso di un negozio, non avrebbe mai immaginato che quel nastro consegnato alla segretaria di uno studio di produzione, registrato alla bene e meglio, in cui cantava brani dei Beatles e altri vecchi hit, sarebbe stato il "pass" per diventare il cantante della rock-band più popolare al mondo.Dopo lo scioglimento dei Deep Purple, nel luglio 1976, David Coverdale non accetta l’invito di unirsi al trio Paice Ashton & Lord e decide di intraprendere la carriera solista.
Nel 1978 David Coverdale, dopo due album solisti,”Whitesnake & Northwinds” veri e propri tributi al Blues, decide di dar vita agli WHITESNAKE (nome anche del primo album solista). La line-up era formata da 2 chitarristi: MICKY MOODY (ex Juicy Lucy) e BERNIE MARDSEN (ex Babe Ruth), dal bassista NEIL MURRAY (ex Colosseum 2), dal batterista DAVID DOWLE e dal Tastierista BRIAN JOHNSTHON, ma presto rimpiazzato da PETE SOLLEY.Verso la fine del 1978 esce il mini lp SNAKEBITE con solo 4 canzoni da cui spiccano però 2 vere propie hit per i concerti Live la prima è “COME ON” che apre tutti gli Show e la bellissima “AIN’T NO LOVE IN THE HEART OF THE CITY” che ancora oggi ripropongono coinvolgendo tutti i presenti. Vedendo che il terreno era pronto e consolidato con l’entrata nella band del mitico JON LORD la band era pronta, Coverdale e soci incidono il primo LP “TROUBLE”, primo lavoro di durata in cui l’hard blues tanto voluto DAVID si stabilizza. Non male come inizio, anche qui troviamo brani importanti tra tutti la title track per proseguire con LIE DOWN, TAKE MI WITH YOU, a questo punto Coverdale ha le idee chiare e decide subito di incidere un nuovo album sempre nello stesso anno incidono uno dei dischi più belli “LOVE HUNTER” questi ha tutti gli ingredienti per rimanere un capitolo importante nella storia del gruppo a partire dalla copertina quasi pornografica oltre ovviamente a canzoni memorabili come WALKING IN THE SHADOW OF THE BLUES, LOVE HUNTER.MEDICINE MAN.YOU AN’ ME,WE WISH YOU WELL davvero un grande disco che apre le porte al gruppo sia nel regno unito che nel resto dell’Europa, inoltre dopo la registrazione David aggiunge la ciliegina sulla torta con l’ingresso nella band di un altro DEEP PURPLE IAN PAICE,(fu lo stesso PAICE a confidare all’amico Mike ralpfh che gli sarebbe piaciuto entrare nei WS, CHIARAMENTE David lo chiamo immediatamente) questo punto piovono le offerte per suonare ovunque soprattutto nei grandi festival estivi il primo e Reading dove il gruppo sfodera una prestazione da brividi, con il pubblico in delirio. L’anno successivo è la volta del capitolo ancora più importante per la Band entrano in studio nel 1980 e incidono l’album che li lancia definitivamente : READY’ N WILLING. In questo album, registrato con la migliore line up che David desiderasse ne nasce una miscela sonora fantastica dove le sonorità diventano incandescenti Coverdale si esprime al meglio dando vita a dei mega-classici : Fool for your loving,singolo che entrerà presto nella top 40 in UK, Ready’ n Willing, BLACK AN’ BLUE BLINDMAN (cover dal suo primo disco solista) Ain’t Gonna Cry No More, sweet talker insomma un vero e proprio capolavoro.Pochi mesi dopo l’uscita di questo stupendo disco, esce il disco dal vivo LIVE….. IN THE HEART OF THE CITY, registrato all’HAMMERSMITH DI LONDRA 1980 che testimonia la grandezza del gruppo anche Live ormai tutta la stampa e tutti i critici si trovano concordi nel dire “GLI Whitesnake sono i nuovi Deep Purple.” Le performance Live dimostra tutta la bravura dei 6 musicisti la ritmica precisa e potente di MURRAY & PAICE, MOODY E MARSDEN si alternano i loro riff con grande efficacia, il maestro mister JON LORD delizia con i suoi assoli, insomma la band stà vivendo il classico magic moment. Si va avanti all grande tutto funziona a meraviglia suonano tantissimo dal vivo, ma è necessario anche registrare un nuovo album e la volta di “COME’ N’ GET IT” (1981) la band è assolutamente matura il sound e preciso e riconoscibile altra grande prestazione del gruppo forse non bello come il precedente ma sicuramente significativo anche qui grandi classici che diventeranno delle hit per i concerti live della band “DON’T BRAK MY HEART AGAIN, WINE WOMEN AN’ SONG,HOT STUFF, ma come sempre accade quando tutto sembra andare per il meglio …nella band qualcosa comincia scricchiolare i primi dissidi dovuti alla forte personalità di David comincia a farsi sentire, saltano delle date in Europa la band ha un inizio di crisi tanto che alla fine del 1982 Bernie Marsden , Ian Paice Micky Moody abbandonano la band, Bernie e Ian vengono allontanati da David, mentre Micky decide che per lui è il momento di fermarsi, ma poi viene convinto da David e decide di restare, la band prima del divorzio incide SAIN’T AN’ SINNER unica novità e che le parti vocali dei cori vengono affidate a Mel Galley che poi entrerà a far parte del gruppo. Cosi finisce il primo periodo degli Whitesnake in cui la sintesi di Rock n’Blues si era mostrata al meglio infatti da questo periodo in poi Coverdale darà una sferzata al suo stile verso un sound più moderno. Durante tutto il 1983 Coverdale cerca nuovi componenti con cui continuare l’avventura del Serpente Bianco.Alla fine decide di riassemblare la band attorno al batterista COZY POWELL (ex Rainbow), unico drummer in grado di sostituire nel cuore dei fan Ian Paice.Inoltre conferma l’ingaggio del chitarrista MEL GALLEY (ex Trapeze) che tra l’altro aveva partecipato alla registrazione di Saint’ n Sinners, e il bassista COLIN HODGKINSON, completano la Band JON LORD & il fido MICKY MOODY, Con questa formazione viene incisa la prima versione di SLIDE IT IN (1984) che diventa subito un successo in Europa, il disco e un misto tra vecchio sound e nuove sonorità che David voleva fortemente.David però vuole avere successo anche in America e finalmente ottiene e firma un contratto con la Geffen Records tramite il nuovo manager della major John David Kalodner, che decide di pubblicare Slide it in negli Stati Uniti, ma in una versione aggiornata e rimasterizzata dal produttore della Geffen Keit Olsen.Coverdale, sperando in un successo maggiore, acconsente e si prepara ad andare in studio per aggiornare il suond di Slide it in, secondo il manager il disco ha una grossa potenzialità ma ha bisogno di sonorità più potenti a questo punto Moody, non essendo d’accordo con il singer, decide che questo è il momento di lasciare la band..David a questo punto decide di sacrificare anche il COLIN HODGKINGSON e decide di richiamare il bassista dei tempi d’oro Neil Murray e affidando il posto vacante di Moody alla giovane promessa delle sei corde JOHN SYKES (ex Thin Lizzy).Con questa formazione aggiornata, Coverdale riesce ad aggiornare Slide it in, che viene ri-stampato con le parti di chitarra di John Sykes e di basso di neil murray .Grazie ad Olsen il suono di questa versione è più potente Murray non fa rimpiangere Hodgkinson. Per quanto riguarda le parti di chitarra Galley e Sykes sono molto affiatati, però non se la sentono di riincedere le parti in slide di Moody, che rimangono anche sulla versione americana e per fortuna perché sono l’ultimo aggancio degli Whitesnake con il loro passato Blues.Questo passaggio alle sonorità americane caratterizzeranno il proseguo della band verso il periodo più heavy del gruppo lo stile stà cambiandoCoverdale, con questa formazione, si lancia in un nuovo tour europeo e anche in America ottiene delle date importanti, durante il tour David si ritrova con un altro problema Jon Lord, dopo sette anni di fedeltà torna nei riformati Deep Purple, ma si prosegue lo stesso reclutando un tastierista provvisorio giusto per finire il tour, ma altra tegola arriva sul gruppo Mel Galley si fa male ad una mano cadendo dalle scale e si ritrovano senza un chitarrista a questo punto si decide di proseguire il tour con una sola chitarra, del resto il talento di Sykes e così grande che david decide che da solo può dare l’apporto di 2 chitarre. Alla fine del tour gli WS sono chiamati a sostituire di Def Leppard al festival di Rock in Rio dopo una prestazione a livelli altissimi (per me una delle più grandi performance live) Cozy powell decide di abbandonare andando a completare il super trio con Keith Emerson e Greg Lake. Molti pronosticarono a questo punto la fine degli Whitesnake, ma, dopo la tanto sospirata operazione alle corde vocali, Coverdale torna più forte e sicuro dei suoi mezzi e, tenendosi stretti Murray e soprattutto Sykes e dopo aver ingaggiato dietro le pelli AYNSLEY DUNBAR (ex Jefferson Airplane), decide che questo è il momento giusto per provare a realizzare quello che secondo lui potrà essere il disco della svolta investe tutti i suoi soldi rimanendo praticamente al verde ma, tutto questo sarà premiato dando alla luce il capolavoro degli Whitesnake soprattutto per le vendite.A questo punto la Band si prepara ad andare in tour ma, Dunbar, Murray e soprattutto Sykes lasciano la band.David decide che ha questo punto bisogna creare un super-gruppo con i migliori strumentisti del momento e così con il suo manager e la Geffen la selezione e concentrata sui nomi di: ADRIAN VANDERBERG (ex Vanderberg) e di VIVIAN CAMPBELL (ex Dio) e ad una ritmica da urlo composta dal bassista RUDY SARZO (ex Quiet Riot ed ex Ozzy Band) e TOMMY ALDRIGE (ex Ozzy Band e Pat Travers) alla batteria . Il tour ha un successo strepitoso le prime date Americane sono di supporto ai MOTLEY CRUE LE SUCCESSIVE SONO Headliner e ci mostra un Coverdale cambiato: biondo molto acceso contornati da un costume di scena pieno di fronzoli e lustrini.
I nuovi Whitesnake hanno successo ovunque, anche perché sorretti dalla casa discografica che li appoggia con pubblicità e a tutto quello che serve.
La band ha un disco che vende pieno di HIT Still of the Night, Is this Love,Here i go again, Crying in the Rain,bad boys.
Il capitolo successivo inizia con il problema Vivian Campbell che decide di abbandonare la Band, David non si preoccupa più di tanto e inizia la stesura dei nuovi pezzi insieme al solo Adrian Vandemberg
Campbell lascia il gruppo per divergenze musicali e altro sembra… in ogni caso Coverdale non si scompone e si prepara ad incidere il nuovo album. Poco dopo l’entrata in sala d’incisione Vanderberg accusa problemi di tendinite (si dice a causa di esercizi pianistici). Coverdale, allora per completare le incisioni decide di cercare il meglio, la scelta cade su STEVE VAI (ex Frank Zappa e David Lee Roth), gli basta una chiacchierata per capire che STEVE è il chitarrista che in quel momento meglio si adatterà alle parti di chitarra per il nuovo disco. Con questa formazione Coverdale completa le incisioni e alla fine del 1989 esce SLIP OF TONGUE: grande disco sia musicalmente che qualitativamente (ancora oggi il disco sembra attuale), non siamo ai livelli del predecessore (1987), ma potente aggressivo anche perché lo stile di Steve Vai è molto Heavy e innovativo rispetto all’impronta lasciata da SYKES in studio e da Vandenberg e Campbell dal vivo.Diciamo subito che questo disco è stato bistrattato dalla stampa che inspiegabilmente ha fortemente criticato la scelta di David sulla scelta di STEVE, in verità questo disco che ha diviso anche i Fans ha dei gioielli di grande fattura come THE DEEPER THE LOVE, SALINIG SHIP, NOW YOUR GONE e la rivisitazione di FOOL FOR YOUR LOVING. Alla fine del tour mondiale David decide di prendersi una pausa scioglie la Band provvisoriamente, nel periodo che corre tra il 1991 & 1992 da alla luce il progetto insieme al mitico JIMMY PAGE nel 1993 esce il disco COVERDALE/PAGE bellissimo ma sfortunato, sono tante le componenti di un progetto non riuscito per i Manager non certo per la critica che definisce uno dei dischi più belli dell’anno, ci sono tante cose non chiare, ma certo che David quando ricorda l’esperienza con Jimmy ha sempre qualcosa da dire al manager di Jimmy Page. Finito il capitolo con Jimmy Page David decide che questo è il momento di riformare gli WS la voglia di tornare on the road è tanta è d’accordo con la casa discografica nel 1994 esce il GREATEST HITS in cui vengono proposte solo le canzoni da Slide it in in poi, questo per sopportare il tuor dove toccheranno EUROPA & GIAPPONE, David richiama i fidi Vanderberg, e Sarzo e tre nuovi componenti che sono DANNI CAMASSI (batteria), WARREN DE MARTINI (ex Ratt) alla seconda chitarra e PAUL MIRKOVICH (ex Nelson) alle tastiere. Dopo altri 3 anni di assoluto silenzio esce RESTLESS HEART in cui il singer è accompagnato dal solito Vandeberg alla chitarra e dal batterista del precedente tour Camassi e da GUY PRATT (basso) e BRETT TUGGLE (tastiere) questi ultimi avevavo già lavorato con David nel tour giapponese COVERDALE/PAGE . Coverdale prima dell’inizio della nuova tournee annuncia alla stampa e ai Fans che quello sarà l’ultimo tour a disco per gli Whitesnake e che alla fine opterà per la carriera solistica, ma questo non impedisce a David di regalarci un disco bellissimo riportando la band alle radici blues dei primi anni ogni brano di restless heart potrebbe essere inserito in un qualsiasi precedente album da trouble a come an get it, insomma sembra essere tornati indietro di 20 anni, questo è molto apprezzato dai vecchi fans un po’ meno dalle generazioni successive che avevano conosciuto i ws con 1987 e slip of the toungue, anche qui ci troviamo di fronte a delle vere gemme canzoni come don’t fade away, too many tears, restless heart e l’incredibile cryin (che ricorda vagamente mistreated) rimaranno nella storia della band. Dopo l’annuncio dell’addio David è pronto per una nuova line up chiamando TONY FRANKLIN al basso, STEVE FARRIS Chitarra,DEREK HILLAND tastiere e naturalmente il fido ADRIAN VANDENBERG e l’amico fraterno DENNY CARMASSI, il tour, che ebbe un discreto successo, vengono riproposti, dopo anni, pezzi del periodo Blues del Serpente Bianco riproposti live dopo un lungo periodo di assenza non mancano quindi le stupende canzoni blues del primo periodo (walking,love hunter ready an willing) oltre a presentare i grandi successi degli ultimi periodi, ma senza dimenticarsi delle canzoni del nuovo album che si integrano perfettamente al primo periodo.Ma Coverdale prima di chiudere definitivamente con gli Whitesnake, decide di fare un regalo ai fans e pubblica, come conclusione di 20 anni di carriera un live acustico chiamato STARKERS IN TOKYO. In questo disco, che è una specie di Greatest Hits, Coverdale accompagnato dal solo Vanderberg, ripropone, ad un gruppo di affezionati (giapponesi), tutti i pezzi più belli degli Whitesnake completamente riarrangiati e in versione acustica. Una perla che consiglio a tutti anche a chi non conosce i WS sentire la voce blues di Coverdale è un esperienza unica, David si trova a suo agio e la sua voce e da brividi. Come già detto Coverdale opta per la carriera a suo nome e pubblica nel 2000 INTO THE LIGHT, a mio avvisi disco bellissimo qui troviamo un banchetto di prelibatezze sul quale possiamo gustare ballate, rock, blues, oltre che un bellissimo duetto vocale con una fanciulla insomma grande lavoro osannato dalla stampa e dai fans ma poco supportato, specie dalla casa discografica.
Ma ecco che nel Dicembre del 2002 la clamorosa notizia: gli Whitesnake ritornano!,un sospiro di sollievo per tutti i fan, La nuova formazione vede Doug Aldrich (ex Dio) e Reb Beach (ex Dokken) alle chitarre, Timothy Drury (ex Eagles) alle tastiere, Marco Mendoza (ex Sykes, Thin Lizzy e presente anche nel disco solista di Coverdale) al basso & Tommy Aldrige alla batteri
---------------------------------------------------------------------------------------


--------------------------------------------------------------------------------
DAVID COVERDALE racconta primi anni. dal sito ufficiale www.whitesnake.com

1^ parte

Bene, bene, bene...25 anni...e qualche volta sembra che sia solo ieri (notare la lenta e terribilmente sentimentale musica)...ma che bellissimo viaggio.
Contro ogni probabilità, qualcuno direbbe...
Oltre alla splendido pubblico che ci ha sostenuti sin dall'inizio...in forma ridotta dove eravamo...Non riesco a ricordare QUALCUNO che pensava che avremmo avuto una sola possibilità di farcela...Erano i tardi anni '70...Londra era invasa da band punk...molte di loro non erano veramente in grado di suonare, Dio li benedica...e non aveva veramente importanza che non potessero farlo...era tutto atteggiamento...frustrazione...ribelline...spille di sicurezza, vaselina...un'unica moda...e perchè no???
Per me, che venivo dai Deep Purple...una conosciuta band di "superstars"...sentirmi dire che ero troppo vecchio per fare rock a 25 anni...era a dir poco scoraggiante, come minimo...
Dopo gli eccessi di una band definita dalla stampa "di dinosauri" ("colpevole" mio Dio) la ribellione punk era stata amabilmente abbracciata dalla maggior parte della stampa inglese...alcuni di loro provavano un piacere perverso a mettere pub band completamente sconosciute sulle copertine dei settimanali.
Questo è stato il periodo nel quale stavo mettendo insieme il primo capitolo dei Whitesnake...
Anche dopo aver fatto parte di una delle più grandi band nella musica rock contemporanea...i sempre favolosi Deep Purple...una MEGA-band di dinosauri, come diceva la terribile stampa alla moda...ho avuto difficoltà a trovare un contratto discografico decente...e concludere con dozzine di piccole etichette in giro...EMI, con la quale sono stato fino al 2001, quasi 30 anni, non era sicura che ci fosse un mercato in quel periodo per una hard-rock blues band...
(scioccante, veramente, quando pensi a quanto eravamo in forma!!!)...
Eventualmente, parlammo di registrare un EP di 4 pezzi..."Snakebite"...contenente la grande canzone di Bobby Bland, "Ain't no love in the heart of the city"...dal suo album "Dreamer" (assolutamente da avere se amate le canzoni rhythm and blues).
Micky Moody ed io riarrangiammo la canzone, e la rallentammo per far provare il groove e il feeling dei potenziali membri. L'ep di 4 pezzi su vinile bianco divenne un pezzo da collezione.
Originariamente non avevo intenzione di registrare "Ain't no love in the heart of the city"...se potete crederci..una canzone che è entrata così nel profondo di molti che ancora la suono oggi, 25 anni dopo, in concerti attraverso l'Europa fino al Giappone, e non ho sinceramente il coraggio di toglierla dalla scaletta!!
Come ho detto alcuni anni fa...la canzone non appartiene più alla band...appartiene al Whitesnake Choir...
Volai a Londra nel 1977 per iniziare la ricerca dei musicisti...Micky Moody è stato il primo 'Snake...
Abbiamo lavorato insieme ai miei primi due album solisti "Whitesnake" e "Northwinds"...e ci conoscevamo da anni...Infatti, lui era un mio eroe locale, tornando a Teesside, nel Nord dell'Inghilterra (cade una lacrima di nostalgia dai miei occhi)...posso ricordare di averlo visto sul palco, suonare con grinta, una Telecaster color crema, con pick up Gibson che si rumoreggiava fosse appartenuta a Jeff Beck...io credevo in Micky e pensavo che avesse un tremendo potenziale da chitarrista rock blues slide...era il momento giusto per incoraggiarlo...
In quel periodo lui lavorava con Frankie Miller, un grande cantante soul scozzese...io avevo detto a Micky che sarei andato a vederli suonare da qualche parte a Londra...(forse al Rainbow???)...ed è stato a quel concerto che mi sono imbattuto nel figlio più piccolo della Signora Marsden, Bernie... Avevo incontrato Bernie casualmente a Monaco quando lui era con Paice Ashton Lord...Lui chiese cosa facevo in città e immediatamente offrì il suo aiuto...
Sagace il vecchio Bernie, all'inizio non ero sicuro...non avevo deciso se volevo o meno avere due chitarristi, o se potevo permettermi di pagare due chitarristi!!!...Comunque, lui venne alle prove...classica Les Paul in mano...e il resto, come si dice, è storia...
Il primo vero problema era trovare un bassista...Tutti quelli che provavamo erano invasi dal punk, magri con capelli sparati e pieni di brillantina...tutti hanno provato...ma, è triste dirlo, non potevano suonare altro che la corda del SOL ...ma lo facevano con GRANDE atteggiamento!!!...purtroppo, su qualcosa come "Ain't no love", con il suo sottofondo e il suo groove, quell'approccio non funzionava...Bernie mi parlò di un amico che viveva vicino...e probabilmente sarebbe venuto ad aiutarci...
Entra dal lato destro del palco...Mr. Neil Murray...un altro musicista che pensavo che non sarebbe andato bene al primo ascolto...molto bravo, ma un tipo molto pulitino...ma, lavorando di più insieme, divenne ovvio e nuovamente, il fato ci ha messo mano...un prezzolato e amabile musicista, il suo lavoro notevole stile melodico ancora oggi resiste ancora oggi senza ombra di dubbio...SI!!!
Non ricordo come David "Duck" Dowle sia diventato il nostro batterista...diventando un membroin piena regola del CRAFT CLUB (Non ricordo una ca** di cosa)
So che originariamente ero interessato alla sezione rhythm del bassisti come Alan Spenner, DeLisle Harper, Chrissie Stewart o Mickey Feat e un devastante batterista Graham Broad...e io penso che sia stato Mr. Feat, o Graham a suggerire Duck. Si un altro musicista sul quale non ero sicuro al primo colpo. Il suo modo di suonare era leggero, ma croccante ed eccellent...la sua giovane età mi preoccupava, ma era una persona dolce e nonostante tutto molto entusiasta...
Un bell'insieme di spostati...
Così...questi erano i primi Whitesnake...o, come erano originariamente chiamati...David Coverdale's Whitesnake...
La nostra prima missione come band era promuovere il mio secondo album solista, "Northwinds"...e, poichè nessuno credeva veramente nel mio nome come garanzia di vendita di biglietti, è diventato chiaro che per salvare "la faccia" avremmo dovuto imbarcarci in un tour in piccoli club e modesti teatri.
Scoprii che qualcosa non andava quando alla maggior parte dei concerti c'era più gente fuori di quanta potevo contarne dentro!!!
Era quasi un completo disastro dall'inizio visto che le date erano state stampate sbagliate sui giornali musicali!!!
Oh, comunque...credo che il primo show dei Whitesnake sia stato al Lincoln Politech (Politecnico???) e NON al Nothingham "qualcosa"....o ovunque dica una biografia non autorizzata...Oh si....e il furgone si ruppe al ritorno verso Londra!!!
Dopo il tour, Micky, Bernie e io affittamo una piccola cantina, giusto dietro l'angolo dell'ufficio dei Deep urple, al 25 di Newman Street..alla periferia Ovest di Londra...Immediatamente la chiamammo "La cantina del piscio di gatto"....orrido...ma ci permise di lavorare più in fretta...in modo da poter uscire da lì...respirare...e precipitarci in strada verso il Newman Arms (???) ...un bel buco umido...e presto vennero le canzoni; "Come one"..."Bloody Mary"..."Trouble"..."The time is right for love"..."Lie Down, I think I love you", "Steal Away"..."Don't mess with me" ecc...iniziavamo a prendere forma...e scoprimmo che era divertente comporre, un elemento sconosciuto a me nel periodo Deep Purple....fare un buon lavoro e divertirsi allo stesso tempo...un concetto non troppo difficile che ancora abbraccio oggi...
Infatti passare bene il tempo e ridere era un enorme fattore nei primi giorni dei Whitesnake...e aiutava enormemente a superare i molti ostacoli messi sulla nostra strada...Eravamo veramente compagni di armi..
E' in quel periodo che ho introdotto il concetto di prendere i soldi delle edizioni di una canzone per album e dividerla equamente con tutta la band...così, se qualcuno dei vecchi album avesse avuto un successo commerciale, la gestione delle pubblicazione avrebbe avuto più senso...Un piccolo incentivo, un extra. Bene questa era l'idea.
Comunque, la ragione maggiore era che ero a disagio con il modesto budget che avevo da offrire ai musicisti in quei giorni...I primi stipendi non erano molto da portare a casa, ma era il massimo che potevo fare...e come qualcuno disse...era meglio che avere un "vero" lavoro!!!
Tutti i vecchi albums dei Whitesnake vennero registrato e/o mixati ai Central Studios...e sauna!!!In Denmark St, vicino a Charing Cross Roard.
Venni presentato in studio quando io e Roger Glover facemmo alcune registrazioni per il mio secondo album, "Norhwinds"...che per un insieme di sfortunate ragioni contrattuale non può essere rappresentato qui in questo splendido pacchetto...
Purtroppo, anche se "Northwinds" era il modello della direzione musicale originale dei Whitesnake...ma, sapete questi vecchi contratti... (si, io lo so!!!).
Martin Birch, mio vecchio amico dei giorni nei Purple, accettò di produrci. Ragazzi, si moriva di caldo in quello studio!!!...Non il posto più salubre, molto piccolo, ma aveva tutto quello che ci serviva per buttare su nastro le nostre performances...
La sala regia era sopra lo studio...persone simpatiche passavano di lì, Stash Yeadon...Freddie...e Dio li benedica...avevavo un contratto principesco... Quando Jon Lord si unì a noi durante le registrazioni dell'album "Trouble" l'intero posto tremò per la potenza del suo suono...
Mi ricordo chiaramente Micky Moody scioccato di quanto "heavy" suonava...e io ero deliziato!!!...Non c'è nessuno...NESSUNO...con il suo suono...l'abilità di scuotere le montagne, amico!!!
Se ricordo bene...registrammo e mixammo l'album "Trouble" in soli 10 giorni!!!...Cosa accadeva in quei giorni???
....Comunque...a parte le cose live...era senza dubbio l'album più veloce che abbia mai registrato...
Per l'album "Lovehunter" ci spostammo nella bellissima foresta di Dean in Glocestershire...Clearwell Castle...la scena di vecchie glorie con i sempre-favolosi-deep...accompgnati da un vecchio e fidao amico....
"Signore e signori...battete le mani...lo studio di registrazione mobile Rolling Stones!!!"...o Caffè Mobile come venne chiamato, essenzialmente un piccolo, ma completamente funzionante studio costruito dentro ad un camion...Pefetto per le registrazioni live...Il team compositivo Coverdale, Marsden e Moody stava decisamente migliorando...


2^ parte

L'identità musicale della band si iniziava a vedere...
anche meglio di quanto sperassi!!! I primi spetaccoli dal vivo e l'incredibile reazione positiva del pubblico ovunque suonavamo creò un certo grado di confidenza con i compagni e questo si notò nella composizione e nel loro approccio in studio di registrazione...come individui...e come gruppo...
"Walking in the shadow of the blues"..."Lovehunter"..."We wish you well"...canzoni che sarebbero diventati punti fondamentali dei concerti dei Whitesnake per gli anni a venire.
Per qualche ragione, catturavamo l'attenzione di alcuni elementi della stampa, che ci godevano ad attaccarci e ad accusare me di sessismo...rispondevamo "CHI... NOI ???" ..." MAI !!!"...rispondevamo indignati...e subito dopo chiedevamo ad un artista, Chris Achilleos, di creare una appropriata copertina sessista giusto per infastidirli ancora...e funzionò!!!...
Giusto prima della realizzazione di "Lovehunter", il mio vecchio collega, lo straordinario batterista, Ian Paice, disse a Jon Lord che sarebbe stato contento di far parte della band...WOW...sapevo che sarebbe stata la cigliegina sulla torta del mio compleanno!!!
Senza mancare di rispetto al vecchio Duck...una persona squisista e un ottimo musicista, Jon, Bernie, Micky, Neil ed io sentimmo che le registrazioni di "Lovehunter" avevano come punto debole la sezione ritmica...non sentivo la solidità, il motore come doveva essere...e stava diventando palese che c'era un bel po' di differenza tra noi...
Così...Duck andò via e arrivò Paicey...ero veramente dispiaciuto di non aver convinto il mio manager a ri-registrare le parti di batteria dell'album con Paicey...ragioni economiche mi disse, stronzate pensai...sarebbe stata una grossa differenza in positivo per quell'album...
Con Ian all'interno della band...sentivo che era veramente l'inizio dei Whitesnake...molte persone pensavano che io stessi in qualche modo pianificando di riformare i Purple con il nome Whitesnake, ma, non ci ho mai veramente pensato, ero molto più felice con i Whitesnake di quanto lo sia mai stato con i Deep Purple.
La sezione ritmica di Ian Paice e Neil Murray era incredibile...imbattibile...era una gioia cantare con loro...e era completamente naturale...come se fosse sempre stato così. Il modo di suonare di Neil è sempre stato eccezionale sin dall'inizio, ma lavorando con Ian assunse un nuovo livello...Mr. Murray era sempre stato uno che dava qualcosa in più alle canzoni...e Paicey era infuocato!!!...
Devo dire che prima dell'arrivo di Paicey, i Whitesnake mi ricordavano un hotel spagnolo, bello a vedere, ma con le fondamenta traballanti...
Era quello che ci voleva per trasformare i Whitesnake in una band di livello mondiale...
Gli altri musicisti continuavano a solidificare e migliorare il loro stile personale all'interno della band...Bernie faceva degli incredibili assoli melodici...precisi e personali...che mi deliziano ancora oggi (AMO gli assoli di chitarra che posso cantare...e Bernie merita una menzione speciale)...sempre appropriati...portando avanti il tema emozionale della canzone mentre la voce prendeva una pausa...
Le gloriose tastiere di Jon Lord... CHE SUONO!!!Unico e indimenticabile...la sua eleganza...
Lo slide di Micky aumentava di forza...pieno di umorismo....e aiutava a rendere il suono dei Whitesnake identificabile e unico rispetto alle altre bands...certamente meritava la mia stima in lui...
A parte le leggendarie glorie di Jon e Ian con i Deep Purple, devo dire che noi tutti suonavamo al meglio...e probabilmente molto più ispirati di prima...giocavamo meglio il nostro gioco, non c'è nessun dubbio, ispirandoci l'un l'altro e divertendoci allo stesso tempo...
Quando ci trovammo insieme per preparare "Ready and Willing"...Bernie decise di partire per l'Africa...o da qualche parte....Io tornai dalle mie vacanze in Belize con un sacco di idee e rimasi male di non trovare tutta la band.
Ci spostammo ai Ridge Farm Studios, fuori Londra e iniziammo a lavorare sull'album...Su ogni traccia Ian e Neil misero una solida base sul quale costruire il nostro maldetto Hotel!!!SOLIDO!!! "Ain't gonna cry no more", "Black and blue", "Carry your load", "Loveman"...Micky ed io lavorammo sulla titletrack che presentammo come canzone della band e una prima versione di "Hit an' Run" che intitolammo "Love for sale"...ma il meglio doveva ancora venire...
A me e Moody venne una bella idea per una canzone che aveva bisogno ancora di qualcosa per essere completa...il ritorno di Bernie portò quello che mancava...e "Fool for your loving" fu creata...
Originariamente scritta per BB King, credeteci o no, ma dopo aver messo a posto le tracce non rimase nessun dubbio, Birchy e io decidemmo di tenerla per noi...e divenne il nostro primo successo da top twenty (penso).
Bernie ed io componemmo in fretta la musica che divenne "Sweet Talker"...e l'album fu completato...SI, BABY!!!
Con la realizzazione dei seguenti singoli di successo e album, le cose stavano andando bene, grande pubblico...grazie molte...e le personalità all'interno della band andavano d'accordo...Ahh...cosa poteva andare male??? Ogni cosa nel giardino sembrava andare avanti spedito amici miei...e ancora una volta sull'onda...
Oh si...grazie...
L'albym "Come and Get It", registrato al Tittenhurst Park, Ascot...la casa...di John Winston Lennon e domicilio part time di Ring Starr (in quel periodo)...dimostrò di essere uno splendido studio-residenza...e andammo avanti a comporre positivamente e le performance della band erano ottime...individuali e collettive...cosa poteva andare meglio...si...la vita è bella!!!
Ahh...in confidenza...senza arroganza...il suono melodico del basso di Neil era il perfetto complemento per lo straordinario drumming di Ian, dava a noi molto di più di una solida base sulla quale costruire. Infatti...da quel giorno...io guardo "Ready and willing" e "Come and get it" come le cose migliori che i primi Whitesnake potevano offrire alla nostra storia...e come sempre il bel tempo stava passando...
In realtà ho sempre sentito che i Whitesnake erano,e continuano ad essere, meglio in concerto di quanto fossimo in grado di catturare in registrazione...se la gente non riusciva a "cogliere" dalle registrazione...i concerti mostravano loro senza ombra di dubbio chi eravamo...
Ricordo di aver tenuto sveglio Neil una notte intera suonando su un piano acustico vicino alla sua stanza...
Suonando quello che sarebbe diventato "Don't break my heart again"...e parlando di Neil...lui mi chiese se volevo ascoltare qualcosa dei suoi demo...ovviamente...cose veramente belle...un po' troppo jazz rock per i vecchi Whitesnake sfortunatamente, ma una traccia aveva un riff dirompente, anche se troppo veloce...lo rallentammo...le passammo a Bernard...e VOILA!!!...la canzone "Girl" fu creata...
Attualmente molte dei testi parlavano di mia figlia Jessica...non le solite canzoni sessiste, sesso non stop...inebrianti esperienze...(se vogliamo essere gentili)
Ahh...i doppi sensi...LI AMO! La maggior parte della stampa ce l'aveva con me per questo...e più io ne scrivevo...
E questo mi ricorda.....come potevo dimenticare "Would I lie to you"...giusto per entrare nei tuoi...ehm..."pantaloni"...bene...sapete il resto...questa particolare ispirazione mi è venuta da una spilla che mi è stata donata da una adorabile fan della band...una amabile bionda se la memoria mi assiste...
Pezzi come "Child of Babylon"..."Lonely Days"..."Til The Day I die"..."Hit an' Run"...tra le mie personali favorite e..."Wine Women and Song"...
Corkers such as 'Child Of Babylon'.'Lonely Days'.'Til The Day I Die'.'Hit an' Run'.still a personal fave.and 'Wine Women and Song'.
Era normale per noi, alla fine delle registrazioni di un album, fare un po' di festa...come alla fine della scuola...fine della pressione...tempo di fare un po' di casino...ecc...e insieme ad alcuni degli affascinanti, favolosi impiegati dei Beatles che si unirono alla festa...abbiamo veramente battuto i Fab Four questa volta... UNA TOTALE CAOTICA...FESTA!!!
Sono ancora sorpreso, riflettendoci che qualcuno di noi sia sopravvissuto...al nostro onorabile Craft Club, credo che molti dei presenti siano ancora vivi da qualche parte in qualche forma...ma l'unica cosa che mancava???Fellini, amici miei...e la sua telecamera...
Oh si e ancora una volte...le filosofia "divertititi" continuava..imbattuta...anche se ad essere onesti un po' di fatica iniziava a farsi sentire...
La voglia di "divertirsi" stava iniziando a segnare una linea tra le canzoni "serie"...e alla fine dello spettacolo con cose come "fondi le mie labbra baby"...cose divertenti...iniziavano a disturbarmi un po'...
Il mio contratto in quel periodo prevedeva ancora due album in un anno...si...DUE!!! Così dovevo avere la mia penna, il mio quaderno dei testi, una chitarra e un registratore ovunque andassi...qualsiasi idea...non importa quanto modesta...era messa su nastro per completarla più tardi...faccio ancora così ora...ma con "giocattoli" migliori...
Così quando finì il tour promozionale di "come and get it", iniziai a mettere insieme idee per il nostro prossimo lavoro...
Avevo previsto un po' di vacanze "compositive"...solitamente in qualche posto esotico dove la mia famiglia poteva stare al sole e io potevo lavorare sulle canzoni...
Per "ready and willing" ero andato sulle piccole isole sulla costa del Belize...per "Come and Get it", Beverly Hills era la scelta...e molte delle canzoni di "Slide it in" si sono manifestate a Santa Lucia, nei Caraibi...mmm...chi dice che c'è bisogno di una piccola cantina per comporre???
Così il successivo album...lo composi a Algarve...in Portogallo...

3^ parte

In questo periodo,il mio primo matrimonio iniziava a mostrare la stanchezza dovuta al mio costante lavoro...e, tristemente, eravamo entrambi stanchi di provare a nosconderci dietro civili scuse...era un periodo difficile per entrambi...e in particolare cercavamo di proteggere la nostra bellissima figlia, Jessica, da un dolore non necessario...I silenzi erano assordanti...un periodo duro emotivamente per ogni cosa...
Attraverso questo piccolo dramma, in quel periodo, era necessiario riversare tutto sulla mia creatività...producendo i testi per "Crying in the rain"...e..."Here I go again" tutto documentava la fine della mia relazione.
Ritornare in Inghilterra e tornare al lavoro era una distrazione necessaria per me...ma questa volta l'umore della band era notevolmente cambiato...L'energia era calata alle prove ed era evidente che l'entusiasmo del gruppo era basso.
Il suggerimento di andare a bere qualcosa era accolto meglio che quello di provare i nuovi pezzi...Forse eravamo annoiati...non lo so...Ma, spesso invece di scavalcare gli ostacoli li buttavamo giù...Questa volta richiedeva molto molto sforzo...e l'elemento "divertimento" era sforzato...
La preparazione per le registrazioni prese posto in una sala prove a Londra...Nomis...e ancora una volta decidemmo di utilizzare il camion di Stone...e tornammo al familiare sfondo del Clearwell Castle per iniziare le registrazioni di quello che divenne l'album "Saints and Sinners" e una separazione per alcuni di noi...
Le registrazioni vedevano raramente, se non mai, tutti i musicisti presenti...Tutti sembravano aver qualcosa di più "importante" da fare che venire alle registrazioni...eccetto Neil, io e un nuovo fonico che iniziamo a provare, chiamato Guy Bidmead. Era una situazione scomoda, difficile, e invece di crescere artisticamente, di andare avanti...ci eravamo fermati...Anche in termine di vendite stavamo calando...tutti questi fattori contribuivano a farmi sentire che era ora di fare un cambiamento...un significativo cambiamento...
Stavamo ripetendo essenzialmente quello che avevamo già realizzato, una cosa fastidiosa per me. Lo potevo sentire nelle performance della band...un ben chiaro calod i interesse nel cercare di fare del nostro meglio nelle idee per le nuove canzoni...e non si sentiva la vecchi passione... Alla fine quando sentii l'album...trovai un sacco di pigrizia e dovetti prendere forza per risolvere quella situazione scomoda di nuovo...sembrava che alcuni di noi fossero contenti di viaggiare nel nostro stato dorato...e io ero affamato di procedere oltre...
Tutto questo contribuì alla mia decisione di mettere i Whitesnake in "pausa" fino a che non avrei deciso come risolvere le cose...
In un certo senso, io continuavo a credere nella band, e sicuramente nelle nuove canzoni che stavamo provando...ma quando iniziammo a registrare...posso dirlo "il fuoco" mancava completamente...
Mi mancava anche il mio vecchio amico e compagno di vecchie battaglie, Martin Birch...uno che sapeva come creare il giusto feeling, mancava l'incredibile naturale "divertimento" che avevamo con lui e quello che davamo per scontato era notevolmente diminuito...Ora, invece di lavorare bene, creare divertendoci...trasformare l'ordinario in straordinario, si era trasformato in un "lavoro" che nessuno voleva fare...triste, veramente, chissà perchè queste cose accadono (riguardo alla musica)..."perchè le cose belle non durano?".
Nessuno disse nulla, ma io sono sicuro che non ero l'unico a sentirlo...so solo che comunque non volevo lavorare o creare in una situazione come questa...ero stato in una situazione simile in precedenza...alla fine del mio periodo con i Deep Purple...e non ero di certo pronto a riviverlo di nuovo...
Riuscimmo a comporre cose decenti come "Youngblood"..."bloody luxury"..."Rough and ready"..."Love and affection"...non il meglio che potevamo fare, ma nemmeno male...e appena le tracce base furono suonate chiesi di fermare tutte le registrazioni e tornare a casa...Curiosamente, nessuno chiese come mai non finivamo l'album...
Le circostanze debilitanti del mio matrimonio non potevano essere ignorate a lungo e insieme alle incertezze professionali...il proverbiale "colpo doppio"...avevo bisogno di prendere le distanze da tutte queste responsabilità...così lasciai...(fuggii in altre parole)...e andai in un modesto cottage nella costa inglese del North Yorkshire per riflettere su tutto.
Un delizioso villaggio chiamato Baia di Robin Hood...con un delizioso pub...
Ero abbastanza distratto dalle prove e dai problemi della mia vita quando ricevetti una chiamata urgente che diceva che la mia adorata figlia aveva contratto una forma di meningite batterica...un'orribile, potenziale malattia fatale...
Tornai immediatamente a casa e passai momenti di paura con lei e con la sua instancabile madre al Amersham Children's Hospital, dove grazie a Dio, e grandi dottori, lei guarì completamente.
Fu in quel momento che capii che avevo paura di affrontare la mia situazione professionale e il drastico ma necessario cambiamento...semplicemente non avevo le palle per fare nulla a riguardo...Ero "impegnato"...a distrarre me stesso con questo e quello, semplicemente per evitare di avere a che fare con queste cose...e in quel momento seduto accanto a lei, sperando, capii che doveva assolutamente essere l'unico momento in cui avrei provato una cosa simile...senza avere il controllo della situazione...su ogni altra cosa della mia vita con la quale avevo a che fare...
In quel momento ho trovato la forza di affrontare la situazione, così dopo che mia figlia si ristabilì completamente, chiamai i miei avvocati e la band...
La malattia di mia figlia mi dette il coraggio di cambiare la mia vita...
Tutti vennero all'incontro tranne Micky...lui disse che aveva da fare, probabilmente un tornei di freccette nel suo pub...
Jon Lord fu quello che tentò di battersi per la band più di ogni altro...e mi affrontò con passione e convinzione...
Fu dura lasciare andar via Ian Paice...veramente dura...lo amavo come persona e come musicista...Non ho mai dimenticato, e non dimenticherò mai, l'opportunita che lui, e gli altri membri dei Deep Purple, mi hanno concesso...e per questo sarò eternamente grato...
Ma per qualche ragione Ian era molto distante e fuori fuoco durante le registrazione, e non importa quanto io tentai...non riuscii a fargli dire cosa lo distraeva...non era il Paicey che conoscevo...
Qualcosa era cambiato...in verità è stata dura far andar via ognuno di loro... Avevamo passato grandi e meravigliosi momenti insieme...spingendoci l'un l' altro attraverso ostacoli posti sulla nostra carriera...era stato un gran team...ma come in ogni relazione...bisogna scegliere...stare insieme rischiando di essere infelici...o...cambiare aria...
Entrambe le scelte prevedono sofferenza...
E' stato in quel periodo che Cozy Powell, che che aveva sentito parlare dello scontento all'interno dei Whitesnake, mi chiese di considerare la possibilità di suonare con lui e la Michael Schenker Band...ovviamente, io suggerii che forse lui e Michael avrebbero potuto suonare con me!!!
Ero sinceramente impressionato da Cozy...lui aveva sempre un sacco da dire...per essere un batterista!!!....Non posso dire onestamente di averlo sentito come un migliore batterista rispetto a Ian...ma lui presentava un interessante insieme di cose...un uomo con molti aspetti diversi...entusiasta...addirittura contagioso...e questo elemento mi era mancato di recente...
Abbiamo subito legato come persone sin dall'inizio...eravamo sulla stessa onda...o almeno eravamo all'inizio del nostro rapporto...e così dopo alcune chiaccherate decidemmo di suonare insieme nel prossimo capitolo dei Whitesnake...
Jon Lord aveva lavorato con un nostro vecchio amico, Pete York, il batterista della Spencer Davis Group, ora residente in Germania, e attraverso Peter avevo incontrato un altro eroe locale della mia giovinezza a Nord...il bassista Colin Hodkinson...
Ero un ammiratore della sua band, un trio jazz-rock locale chiamato Backdoor...e li avevo visti suonare ogni volta che potevo. Per qualche ragione non pensavo che Neil avrebbe suonato bene con Cozy come con Paicey, e Cozy anche sentiva che un cambiamento sarebbe stato appropriato e così stavo cercando un altro bassista...
Quando Jon raccomandò Colin, sinceramente non me lo immaginavo in una rock band, ma Jon fu veramente acuto...Così trovai una maniera subdola per fargli un'audizione...Cozy stava registrando il suo album solista "Octopus" con Mel Galley, che si era di recente unito a noi, collaborando alla chitarra...
Amavo il modo organico di suonare la chitarra di Mel, e l'avevo considerato all'inizio del primo capitolo dei Whitesnake...assieme al suo compagno dei Trapeze, il batterista Dave Holland, non ricordo come mai non accadde...forse era destino...
Cozy accettò di fare un'audizione a Colin in studio...e immediatamente mi chiamò "E' un fott**o teppista come noi!!!" fu la prima reazione di Cozy al modo di suonare di Colin...
Così tutto stava mettendosi insieme...e grazie a Dio, perchè avevo un tour tutto esaurito da fare nel Regno Unito...e non avevo una band con il quale farlo!!!
Fu in quel periodo che ricevetti una chiamata da Micky Moody che mi chiese di incontrarmi e mi disse che voleva tornare...OK...dissi...e molto presto la nuova versione della band era pronta per le prove...
Accettai di finire l'album "Saints and sinners" alle condizioni di poter divorziare dal mio manager Mr.John Coletta...che era uno dei manager originali dei Deep Purple...
Con quella premessa, e dopo aver accettato la responsabilità di pagare tutti i debiti esistenti dei Whitesnake, ero libero di fare nuovi contratti e più che pronto ad andare avanti con un il nuovo capitolo dei Whitesnake...
L'album successivo era il mio primo con la Geffen Records, una relativamente piccola ma prestigiosa etichetta americana, retta da David Geffen con il suo team personalmente scelto da ogni posto!!!
Fu anche il mio primo incontro con l'illustre John David Kalodnar...un A&R (Artisti&Relazioni) Man, che mi avevano detto aveva le migliori orecchie per il rock commerciale nel music business...
JDK definitivamente abbraccia una sua personale filosofia...diversamente dagli altri uomini delle etichette, che essenzialmente accettano qualsiasi inferno gli proponi.
Infatti, io non ho mai lavorato così vicino a qualcuno di un'etichetta, eccetto per i tour promozionali...
John volò in Germania per sentire la nuova band in concerto...e non gli piacque per niente!
Aveva la noiosa abitudine di girare con un notes in mano durante lo spettacolo, scrivendo...
Lo trovai al miglior piccolo cathouse di Amburgo dopo lo show ...il nostro primo meeting creativo fu nell'ufficio di Madam...dove lui stava selvaggiamente distruggendo la band "Se tu porterai questa band in studio...sarà un GROSSO errore" mi disse...sentiva che avevo bisogno di un "guitar-hero" nel mio gruppo e che Mel, Colin e Micky semplicemente non funzionavano...
Oh cavolo, pensai, ma questo tizio chi pensa di essere? Non è stato di certo il miglior inizio tra me e JDK...
Affittai la bellissima casa di Jon Lord a Oxfordshire, "Chagham Hall"...completata da un piccolo campo da cricket, per provare per il successivo album...e ignorai completamente i suggerimenti di Mr Kalodnar di cambiare elementi della band...
Ero VERAMENTE felice di come stavano andando le cose insieme...non era l'insieme di felici musicisti che avevo prima...ma un solido equipaggio nondimeno...
Micky sembrava esser tornato quello di una volta, e il suo modo di suonare e interagire andava bene...le nuove canzoni prendevano a calci...e funzionava tra i musicisti...
Puoi sempre dirlo quando c'è feeling in una band...lo puoi sentire...Insieme cercavano la struttura della canzone e provavano ancora a migliorarla e questo andava più che bene per le mie modeste composizioni alla fine...
Volevo elementi blues e un po' più di "rock"...non ho mai visto i Whitesnake come una pura, tradizionale blues band, anche se amo il blues volevo un misto di soul...rock...blues...e musicalità...
Anche se non era proprio un chitarrista blues, Mel Galley aveva un'ottima sensibiltà per il rock melodico....una bella voce...e amava la musica soul...come me...e questo aiutava immensamente nel nostro corto, ma buon periodo di composizione insieme...e ovviamente, potevo sempre inserire il mio blues e soul in ogni stile musicale...
Così...dopo una coppia di decadenti ma creative settimane nella ospitale casa di Jon, volammo in Germania...in una vecchia tana dei Deep Purple...Musicland studios per iniziare il nuovo album nell'ospitale Monaco.. Riuscimmo a lavorare bene in questa seduttiva e amabile città???Ovviamente lo facemmo e ci piacque un casino farlo!!!


4^ parte

Mr. Kalodnar ha fatto capire senza mezzi termini che a lui non importava nulla dello stile di produzione di Martin Birch...e ha raccomandato "vivamente" di lavorare con il produttore Eddie Kramer...più conosciuto per il suo lavoro con l'alieno Jimi Hendrix...così con lui al timone abbiamo iniziato a lavorare e divertirci...DURAMENTE!!!
Si...un la mentalità da scolaro che è presente sotto la superficie di ogni musicita con il quale ho lavorato stava venendo fuori...Cozy lavorava e suonava al massimo...dentro e fuori dal suo drumkit...Dopo un bel po' di giorni di lavoro pieno in studio, lui e Mel hanno scoperto di avere molte cose in comune...particolarmente il GORDON GIN!
Non avevo nulla da ridire...tutto andava per il meglio in studio...vivevamo 24 ore al giorno insieme...bruciando la nostra candela fino alla fine...e questo OGNI GIORNO!
"Slow and Easy" registrata alla 4 del mattino dopo una notte di pazzie...molte delle parti vocali erano dal vivo jammando sui testi...ho manipolato dopo i testi cercando di dare un senso...
"Love ain't no stranger" mostrava uno dei migliori assoli di Micky...suonato attraverso un aggeggio chiamato "Rockman"..."Slide it in"..."Guilty of love"..."Standing in the shadow"...tutte cose buone...
Onestamente, nessuno dava molta retta a Mr. Kramer, personalmente o professionalmente...lui aveva un modo di fare troppo da "insegnante" come produttore...e i miei compagni non ne avevano bisogno...Lui era essenzialmente "tollerato"...lo capiva, così discuteva ogni idea con me e se io le ritenevo appropriate...le passavo...
Sfortunatamente non riusciva a cogliere il feeling dei musicisti come faceva Birchy...e io penso che se avesse dato ancora qualche suggerimento a Cozy, credo che Cozy gli sarebbe saltato addosso...
Le registrazioni presero più tempo di quanto previsto...e avevamo il 1983 Donington Festival...conosciuto anche come "Monsters of Rock" in arrivo...
Speravo di avere il cd in tempo per lo show...ma...non fu così...
Mel ed io mixammo il singolo "Guilty of love" con Mr.Kramer...l'approccio di Eddie al mixaggio era inusuale...per dire com'era...mixava un pezzettino...circa un minuto...poi chiedeva cosa ne pensavamo..questo ci creava confusione...e questo ci meravigliava...era così che facevano negli Stati Uniti?Pazzi...
Comunque...tornammo tutti nel Regno Unito per prepararci al "Monster" dove io e Cozy
decidemmo i "Costumi"...si...volevamo avere un'are decorata come un'unita di MASH...e tutti erano incoraggiati a vestirsi con tute mimetiche e cose militari...
I Whitesnake Commandos Baby!!!
Era divertente...molto espansivo e ancora una volta un sacco di divertimento dietro le quinte...e un sacco di bevande furono consumate...e...ehm..forse troppe!
Una cosa interessante riguardante lo spettacolo di Donington...nel 1982, Mel Galley aveva aiutato alla costruzione del palco come carpentiere...e l'anno dopo...1983 era un membro della band headliner!!!...YEAH!!!
Accettai anche di filmare l'evento come primo video live dei Whitesnake...
Il manager di Micky, Alan Crooks, mi chiamò dicendo che Micky si sentiva escluso dalla composizione...e non era felice della situazione...non mi sorprese affatto...si era sposato di recente...e stare lontano da casa così tanto...sicuramente non lo rendeva felice...non era quello che voleva un menestrello felice...ne parlammo e insieme decidemmo che era ora di separarci...
E così ancora una volta il vecchio Michael Joseph Moody era fuori...e io mi guardavo in giro per cercare qualcuno che portasse una ventata di novità nella band...
Adrian Vandenberg e Michael Schenker...MOLTO differenti come musicisti da Micky Bernie e Mel...
Incontrai Adrian e Michael...mi piacevano entrambi e pensavo che almeno uno avrebbe potuto essere adatto al ruolo...
In quel tempo credevo che Adrian sarebbe stato l'ultimo "problema" (senza mancare di rispetto a Michael)...e lui mi confessò di essere un ammiratore della band (sempre un bonus) e aveva familiarità con la nostra musica...
Lo chiamai dallo studio a Monaco per vedere se poteva volare da Tulipanolandia per provare con gli 'Snakes...Lui era molto eccitato per quanto gli stava accadendo...la sua band i Vandenberg avevano un hit negli Stati Uniti..il loro eccellente singolo "Burning Heart" così, comprensibilmente declinò la mia offerta...
Mi disse dopo che fu una delle decisioni più dure da prendere...ci augurammo il meglio l'un l'altro e rimanemmo in contatto...
Non avevo dubbi nella mia mente che Mr.Vandenberg ed io saremmo stati destinati a lavorare insieme, ma "quando" era un altro paio di maniche...
Il mio buon amico e agente, Rod McSween della ITB mi chiese se avevo mai sentito un chitarrista chiamato John Sykes...un musicista che lui pensava fosse perfetto per la band...e a quel tempo io non l'avevo mai sentito..
Avevo un paio di festival europei da fare, così trovai il modo di avere gli eccellenti Thin Lizzy con noi in tour per poter vedere e ascoltare questo Mr.Sykes...e lo osservai abbastanza per vedere il suo potenziale...
Brian Downey, il gentile batterista dei Lizzy incoraggiò John a venire con me, per alcune ragioni...Io dissi che potevamo aspettare fino a che non sarei ritornato in studio e John poteva venire a Monaco per vedere cosa stavamo facendo...
Presi il suo numero di telefono e ci lasciammò così..
Dopo il tour, Mel ed io volammo a New York per finire le voci dell'album...Mr. Kramer aveva prenotato al Hit Factory...un GRANDE studio e io dividevo la stanza delle voci con un certo Mr.Jagger . Ci alternavamo per 12 ore e così non ci siamo mai incontrati...
Comunque per farla breve...non funzionava...per qualche ragione Eddie non riusciva a catturare la piena dinamica della mia voce su nastro...e Mel, Dio lo benedica, mi assicurò che non era colpa mia...
Così dopo aver accettato che la situazione non stava migliorando, chiamai John Kalodnar e gli dissi che avevo deciso di lasciare che Mr.Kramer fosse libero da ogni obbligo verso l'album...
Insistei anche per riavere Martin Birch come mio produttore...così chiamai Martin e gli chiesi se voleva essere coinvolto nel progetto, e grazie al cielo accettò...
Ci mettemmo d'accordo per trovarci a Monaco, nuovamente ai Musicland Studio che ormai sentivo come una seconda casa, e alla fine l'album venne realizzato con qualcuno del quale avevo piena fiducia...
Ahh...per favore versatemi un LUNGO cognac e coca grazie....
Una volta iniziato, chiamai John Sykes e lo invitai...
Lui volò da noi...gil piaceva e jammò su alcune delle tracce che avevamo registrato...
Sfortunatamente...Martin, Cozy e Mel non erano impressionati...Non posso dire che fu il migliore inizio per John...certamente non c'era nessun indizio di come avrebbe suonato John in alcuni anni a venire...
Ma ancora una volta il mio intuito mi disse che era quello giusto...
Lui tornò in Inghiterra e negozziammo parecchio al telefono...
Durante questo periodo cresceva la distanza con Colin...e onestamente mi mancava il modo di suonare di Neil Murray...
Mr. Kalodnaer non rispose al mixaggio che io e Martin gli mandammo per via aerea a Los Angeles ogni pochi giorni...e in poco tempo capimmo che non aveva intenzione di accettare il mixaggio di Birchy...
Oh beh...affrontai questa situazione dopo....
Decidemmo di stampare con la certezza che il nostro lavoro avrebbe visto la luce del giorno con la EMI...e come pensammo la Geffen mi invitò a Los Angeles per discutere il progetto...
Ero più che felice di andarmene da loro a quel tempo...e mi era stato offerto un contratto con la Atlantic Records, una compagnia che ho sempre ammirato...e, per essere onesti avevo parlato con un telegramma con Doug Morris e Ahmet Ertegun che mi avevano invitato a diventare parte della famiglia della Atlantic...
Comunque...JDK fu veramente persuasivo nella sua descrizione ...e mentre ero a LA, sentii una grande radio rock...e potevo realmente sentire quando "datato" fosse il nostro approccio alla registrazione...sicuramente datato per il mercato americano...
Mr.Kalodnar mi presentò Keith Olson, un produttore americano di successo e mi suggerì di usarlo per il mixaggio, Ok, dissi...farò un contratto con te...se tu mi farai sovraincidere John Sykes e Neil Murray sulla versione US dell'album...
Firmammo...
Così alla fine ci furono due versioni dello stesso album...
Quando sentii il mixaggio della versione US per la prima volta fui talmente arrabbiato che lanciai la cassetta contro il muro...dopo Cozy la calpestò distruggendolac completamente...e questa era la nostra opinione..
Sembrava che Mr.Kalodnar avesse focalizzato al sua attenzione su tre particolari canzoni..:"Slide it in"..."Slow and easy" e "Love ain't no stranger" e il resto dell'album era mixato così così...
Neil era su ogni traccia...ma John non appariva tanto quanto io speravo...
Interruppi la comunicazione con la Geffen, pensando che la festa fosse finita prima di partire...presi un drink...o due...e mi preparai per un paio di date promozionali in US...
Fu in quel momento che sentii "Slide it in" suonata su una radio fm americana...
Potevo sentire la differenza del sound...le tracce suonavano incredibili!!!ENORMEMENTE!!!
...così pensai di me stesso...tu puoi insegnare nuovi trucchi ad un vecchio cane...ma solo se lui vuole veramente impararli...
Anche Cozy fu d'accordo...e per aggiungere la cigliegina sulla nostra torta, si stava mormorando in giro qualcosa riguardo alla band...la Geffen non poteva sentirlo...ma io si...
I Whitesnake stavano prendendo piede in America...
L'album "slide it in" divenne il primo di alcuni album multi-platino per i Whitesnake...e valeva lo sforzo di aver aspettato...
L'universo stava girando a nostro favore...alla fine!!!
Devo dire...che mentre stavo compilando quest'album, come un bonus al cd "25th silver anniversary"...sono tornato indietro nel tempo non solo con la musica che non ascoltavo da tempo...ma anche con un sacco di ricordi di quegli anni...e molti di questi sono bei ricordi...devo ammetterlo...e si, a riguardo di quanto è stato detto o quanto è successo fra me e alcuni dei miei colleghi in questi anni...sono felice di averli conosciuti e aver avuto il piacere di creare e lavorare con loro in quel periodo della mia vita...si...e anche grandi persone,musicisti, membri dello staff con i quali abbiamo collaborato e hanno diviso il loro particolare talento con noi per procedere...e aiutare i Whitesnake da un punto all'altro...nelle circostanze più difficicili...John Coletta...le persone della EMI che sono passate negli anni...Cliff Busby..Rupert Perry...Tony Russell...Rob Dickens. Adrian Hopkins. Rod MacSween. the two Johns at Concert Publishing. Robbie Dennis. Allassone Lewis. Tina Beans. Stephen Ross. Peter Solley. Brian Johnston. Magnet. Willy (Fifi) Fyffe. Jimmy Eyers. Paul Newman. Adrian Selby. Joe Brown. Gary Marks. Steve Payne. Ossy Hoppe. Stuart Wickes. Laurie Quigley. Ashley Williams. Davey Patterson. Barry Evans. Gungi Patterson. Big Mick. Big John. The Denim Brigade... Beryl. Catholic Chris. Telegram Sam. Lord Snooty. Elsie. non dimentichiamo il dolce Jack ZZ Magill, e Barry Newman, che abbiamo tristemente perso. Così tanti compagni e compagne. troppi da menzionare, ma che terrò sempre nel mio cuore...e alla fine...ma non per importanza...voi...il pubblico che ci ha sostenuti sulle proprie spalle e nei propri cuori...gli straordinari "Whitesnake Choir"...alzo il mio calice a voi...che Dio e gil Angeli sorridano e vi benedicano...alla salute!!!


David Coverdale
Lake Tahoe.Novembre 2003

fonte - whitesnakeitalia
--------------------------------------------------------------------------------
le ultime su David e i Whitesnake
Whitesnake: problemi per Coverdale
Dopo la cancellazione dello show dei Whitesnake qualche sera fa, David Coverdale è stato visitato da uno specialista.

Sfortunatamente all’Anfiteatro Red Rocks di Denver i Whitesnake hanno dovuto interrompere la loro performance dopo circa quattro canzoni a causa del forte dolore provato da David Coverdale alle corde vocali.

Dopo la visita dallo specialista a Coverdale è stato imposto di cancellare i concerti delle prossime due settimane e in seguito ripetere la visita.

Secondo i medici non ci sono danni irreversibili alle corde vocali ma i whitesnake hanno dovuto annullare il resto del U.S. tour con i Judas Priest.

I Whitesnake sono sinceramente dispiaciuti per la delusione che l’evento ha creato nei numerosi fans.

fonte: www.classicrockmagazine.com