sabato 21 settembre 2013

youtube magazine Settembre 2013

YOUTUBE MAGAZINE  *****   YOUTUBE MAGAZINE  *****   YOUTUBE MAGAZINE  *****  YOUTUBE MAGAZINE  *****

raccolta di video trovati su internet e linkati qui - la loro provenienza è quanto mai variabile e comprende video di tutti i tipi ospitati da vari canali e/o pagine web, il riferimento al solo  youtube ne titolo pagina  è qui usato solo a titolo esemplificativo del tipo di rubrica che andrete a vedere /leggere

a cura di a.s.s.m.

***********************************************************************************************************************
speciale candid camera osè etc


venerdì 20 settembre 2013

la verita dei proverbi, detti popolari etc

la saggezza popolare include dentro di se molte cose , vi si rova un po di tutto consigli sul mantenimento dei cibi, cure naturali per ogni genere di malattie, considerazioni sulla vita, sentenze varie , proverbi etc, forse non tutto corrisponde a verità ma è un fatto che ciò che è nato nei millenni abbia una certa considerazione comunque, vediamo qualche frutto di questa saggezza scaturita dall'esperienza umana e tastiamone la verità sia essa intera , metà e metà oppure completamente errata e basata su convincimenti infondati


" più grande diventi più scemo diventi " è vero? 

spesso 'sta frase viene usata rivolgendosi a persone che commettono errori madornali, dicono cose che per noi sono senza senso o completamente sballate, sicuramente nella realtà le cose non stanno proprio così, difatti l'essere umano fino ad una certa età più cresce . più apprende, il suo cervello immagazzina nozioni, dati  etc che lo rendono più consapevole ed intelligente. e questo per un bel po di tempo, la frase trova corrispondenza in determinati soggetti che malgrado siano anche intelligenti scelgono di percorrere vie che con l'intelligenza hanno poco a che fare oppure compiono gesti , dicono cose di cui sono anche convinti ma che non stanno ne in cielo ne in terra oppure semplicemnete decidono di vivere la vita in maniera contraria alle comuni convinzioni e non perché non si possa vivere la vita in maniera alternativa ma perché gli eventuali errori che commettono sono evidenti anche a loro stessi ciò nonostante perseveranp nella loro visione del tutto ingarbugliandosi sempre più nel caos generato da loro stessi ora senza analizzare caso per caso saltiamo questo genere di persone ed andiamo diretti a capie quando una persona inizia veramente a non avere più logica in quello che dice o fa, quando cioè il suo cervello inizia a dare i primi segni di cedimento , a non ricordare  ad inviare comandi al suo corpo che risultano errati e via così discorrendo, questo succede nella maggioranza dei casi in età avanzata , ad un certo punto in taluni soggetti la memoria inizia ad incepparsi, il bagaglio di dati immagazzinati nel cervello durante la vita viene oscurato ritornando  a galla quando va bene solo a tratti e per piccoli momenti, e in questa triste fase che l'essere umano corrisponde alla frase detta ad inizio post, anche se non si tratta di scemenza vera e propria è comparabile per modalità del dire e fare, purtroppo nei casi in cui il soggetto viene colpita da quanto detto esso non ha colpe , proprio non si rende conto del suo stato, mentalmente è solo un ricordo di quanto era fino a poco tempo prima, ed anche se da qualche parte della sua mente il suo vero io pensante esiste ancora ormai esso è imprigionato da una coltre d'ombra talmente fitta e densa che difficilmente riuscirà a tornare in superficie, ....

comunque per testare il nostro stato possiamo leggere il piccolo testo sotto , se troveremo in eso corrispondenze in quanto da noi fatto abitualmente od anche occasionalmente forse dovremo iniziare a preoccuparci e magari iniziare a fare esercizi mnemonici etc onde tentare di evitare il processo che in maniera strisciante ,invisibile è iniziato in noi ........

test per capire a che livello siamo arrivati nella corrispondenza in noi riguardo il detto popolare " più grande diventi , più scemo diventi "

Decido di lavare la macchina.
Andando verso il garage, vedo che c’è posta sul tavolino dell’ingresso.
Decido di dare un’occhiata alle lettere prima di lavare la macchina.
Lascio le chiavi della macchina sul tavolino, vado a buttare le buste vuote e la pubblicità nel bidone della spazzatura e mi rendo conto che è pieno.
Decido di lasciare le lettere, tra le quali c’è una fattura, sul tavolino e andare a svuotare il bidone nel contenitore.
Tiro fuori dalla tasca il libretto di assegni e vedo che ne è rimasto solo uno.
Vado nello studio a prenderne un altro e vedo sul tavolo la Coca cola che stavo bevendo e di cui mi ero dimenticato.
Prendo la lattina perché non si rovesci sulle carte e noto che si sta scaldando, perciò decido di portarla in frigo.
Andando in cucina osservo che il vaso da fiori sul comò dell’entrata è senza acqua. Lascio la Coca Cola sopra il comò e scopro gli occhiali per leggere che stavo cercando da tutta la mattina.
Decido di portarli sul mio scrittoio nello studio, e poi mettere acqua ai fiori.
Porto gli occhiali in studio, riempio una caraffa d’acqua in cucina e, subito, vedo il telecomando. Qualcuno lo aveva lasciato sul tavolo di cucina.
Mi ricordo che ieri sera lo stavamo cercando come matti.
Decido di portarlo in salotto, dove deve stare, dopo che avrò messo l’acqua ai fiori.
Verso un pochino di acqua ai fiori e la maggior parte finisce per terra. Pertanto, torno in cucina, lascio il telecomando sul tavolo, prendo degli stracci per asciugare l’acqua. Vado in entrata, cercando di ricordare cosa volevo fare con questi stracci…
Alla fine della serata la macchina non è lavata, non ho pagato la fattura, il bidone della spazzatura è pieno, c’è una lattina di Coca Cola calda sul comò, i fiori sono senz’acqua, c’è un solo assegno nel mio libretto, non riesco a trovare il telecomando, né i miei occhiali per vedere da vicino, c’è una brutta macchia sul parquet dell’entrata e non ho la minima idea di dove sono le chiavi della macchina.
Mi soffermo a pensare come può essere che senza aver fatto niente in tutta la giornata sia stato continuamente in movimento e mi senta tanto stanco.
Ho ricevuto questo messaggio e ve lo inoltro, anche perché non mi ricordo più a chi l’ho già mandato…

Grazie non so di cosa a tutti ... io ( mi firmo così perché in questo momento non ricordo il mio nome
**************************************************************************************
fateci sapere a che punto siete !!!!! ( sempre che ve lo ricordiate )
sapendo anche che se lo farete comunque sia non siete così avanti nel processo di regressione mentale come alla fine della lettura avevate pensato

daraganabuch! o yehah !

la prima penna che scrive in 3d al mosndo



Avreste mai pensato di poter semplicemente alzare la penna dal foglio e vedere il disegno diventare un vero e proprio oggetto tridimensionale? Grazie alla 3Doodler Pen di WobbleWorks ora il vostro desiderio è realtà.

Una penna che rende capace l'utilizzatore di portare nel mondo tridimensionale la propria idea, il proprio doodle, utilizzando plastica ABS (materiale utilizzato da molte stampanti 3D). Molto più economica di una stampante 3D, compatta ( solo 10×5 cm per 200 grammi di peso) e facile da usare, non richiede alcuna installazione di software o computer, è sufficiente inserirla in una presa di corrente ( gli ideatori hanno già pensato ad un alimentatore universale).

Dopo poche ore di pratica artisti o amatori saranno in grado di realizzare oggetti complessi e/o opere d'arte , grazie anche al kit di stencil scaricabile gratuitamente dal sito web , o dilettarsi nella personalizzazione di oggetti d'uso quotidiano ( custodie smartphone, pc portatili, la stanzetta del bimbo/a etc) .

La portata rivoluzionaria di 3Doodler è tale che molti artisti, come Bud Bullivant, Ruth Jensen (Sparkflight), Nakisha e Ele McKay, hanno deciso di collaborare con loro per la realizzazione di pezzi d'arte.

La penna utilizza un filo di plastica -30 cm per ogni ricarica - disciolta e poi raffreddata molto velocemente in filamenti più sottili che rimangono rigidi anche quando si tracciano linee verticali.

I fondatori, Peter Dilworth e Max Bogue, nascono come disegnatori di giocattoli e vantano importanti collaborazioni ma ora hanno deciso di dedicare tutte le loro energie per creazioni personali e , a giudicare dal successo riscosso da 3Doodler, non hanno avuto torto

fonte - vai
******************************************************************************************************

CROZZA SHOW


******************************************************************************************************
così parlo BERLUSCONI  ( e non è una barzelletta purtroppo)

n.b. è un monologo ma non si capisce se bisogna ridere o se bisogna piangere si consiglia comunque ai più impressionabili di non vederlo nè sentirlo che non si sa mai

poi dice che in Italia siamo tutti uguali  e abbiamo+ tutti gli stessi diritti m partiamo tutti con le stesse posibilità; prova un po te a fare un messaggio in cui dici quel che pensi e poi a mandarlo in onda in tv etc  


si vabbè ma che dù ............................
*******************************************************************************************************
e alla fine Bigazzi tornò alla prova del cuoco 



fu cacciato perché diede una ricetta sul come cucinare un gatto in umido , ora è stato reintegrato perché con questa crisi imperante dia ricette poco costose anche similari ma magari lasciando perdere i gatti che oltre a aver 7 vite se son neri dice portan sfortuna e poi se s'arrabbiano ti sgrinfiano tutto che poi vallo te a raccontare a quelli del pronto soccorso che a momenti un gatto nero ti uccide e te sei scappato via ma lui ti rincorreva che t'ha fatto anco cascare giù per un par di piane a scendere ben tenute e coltivate a patate ma però tutte inclinate  che sei   scivolato ancor più forte di come c'eri arrivato vcontinuando a rotolare verso il basso , che poi hai anco tentato di tenerti ad una pianta li piantata  ma quesa t'è venuta dietro e manco poco ti schiaccia che te per scansarla sei andato a finire contro un muro tutto guglie appuntite ricoperto di rovi e attorniato di vetri e lamiere taglienti che per rialzarti manca poco ti decapiti che quando alla fine poi ci sei riuscito il gatto non c'era neanche più e ti chiedevi se poi c'era mai stato e comunque   te ormai eri mezzo rovinato e tanto valeva andà col fiato rimasto fin al pronto soccorso e dir che era stato lui e così hai fatto sei ito lì a farti curare e ti han curato ma a quella storia lì ci han creduto poco che poi c'era presente anche un gattino che faceva le fusa all'infermiera e che come hai fatto per aprì bocca il medico t'ha zittito con un " è mio !" che quindi sei rimasto zitto hai preso la tu roba e te ne sei andato via senza neanche salutà che tanto poi entro una settimana devi pagò anco il conto che sennò lo stato ti manda la multa a casa tua ( se ce l'hai)...

insomma dicevamo BIgazzi è tornato alla prova del cuoco e noi? dicevamo noi o i che ci si puo fare ? niente , e allora rimaniam così che poi s'è fatta anche una certa ed è meglio andà a letto

martedì 17 settembre 2013

hit parade dialettale

HIT-PARADE canzoni dialettali e goliardiche mese di Settembre 2013

HIT-PARADE alternativa a quella tradizionale annunciata dalla stragrande superiorità dei media più diffusi ovvero:
le canzone che non vedrete mai nelle classifiche ufficiali e neanche sentirete per radio, le canzoni che pur avendo un mercato di nicchia esistono e che meritano di avere una loro classifica quindi ci siam chiesti " perché non farla ? "....  la risposta al quesito come si si intuisce da questo post stesso e da altri passati e futuri è stata positiva e quindi ecco qua la tanto sospirata classifica .
a cura di a.s.s.m.
*******************************************************************************************

la classifica di stavolta è una classifica alla rovescio e anche incasinata in quanto oltre a presentare canzoni posizionate a caso rispetto aalla loro reale posizione nella classifica generale  contiene anche canzoni di altre epoche precedenti a questa e forse anche alle prossime


10 - COSIMO PELLECCHIA (Canzone Pettegola) - Vittorio Marsiglia


77 -  meo patacca


177 - EL CANFIN - Marieta monta in gondola



2005 - Vola Vola - Inno dell'Abruzzo



731 - Me compare Giacometo



159 - I Trilli - A L'Ea Unn-a Figgetta




10102 - Naa - voje da Vacri




continua .... ???

lunedì 16 settembre 2013

per Aldo, Angelina Croff e tutti quelli che lì han lavorato o son cresciuti

l' ISTITUTO CROFF ( SIGNA 1954/1974 )  tra leggenda e realtà


questo post è un omaggio alla memoria di 2 benefattori misconosciuti ai più, 2 persone che ad un certo punto della loro vita hanno deciso di comune accordo e con tanto amore di aprire un istituto scolastico dove ospitare bambini orfani questo partendo dall'asilo fino a tutte le elementari  ( di prassi da un minimo di 3 anni )

l'Istituto era situato presso Villa Castelletti a Signa , proprietà che i 2 avevano aquistato a metà anni cinquanta.
è tra le mura della  vera e propria villa, una storica costruzione il cui primo ceppo risale ai primi del quattrocento, che decisero di aprire il collegio, così adattarono quanto dovevano per l'uso destinato e quindi lo aprirono,
l'istituto era organizzato per ospitare i bambini al meglio , li essi trovavano la tranquillità, sicurezza e serenità che a quanto pare la famiglia d'origine in quel momento non poteva offrirgli.

... . è si perche dimenticavamo di dire che i coniugi Croff non avevano aperto il collegio per orfani di aristocratici o di famiglie con un buon reddito ma esclusivamente per chi di loro proveniva da famiglie veramente bisognose, famiglie cui la morte di uno dei genitori, quand' anche di tutti e 2 aveva stravolto il destino riducendoli in qualche caso quasi alla fame

in pochi conoscono questa storia al di fuori di chi l'ha vissuta in prima persona e questo perché i Croff erano benefattori puri e non pubblicizzavano la loro opera se non tra i loro collaboratori o dipendenti ( erano proprietari dei magazzini CRoff ) che in caso fossero venuti a conoscenza di orfani bisognosi glieli segnalavano

l'sistituto era stato pensato in maniera egregia , le persone che ci lavoravano erano state scelte con cura e tutte quante rispondevano ai requisiti essenziali chui i Conti Croff puntavano
al primo posto l'amore , il voler bene a quelle creature così duramente colpite , poi tutto il resto, quest'ultimo  condotto con tutti i crismi tanto che tutti i bimbi ospitati, seppur a loro inconsapevolezza furono cresciuti come dei piccoli lord e nei limiti del possibile come se vivessero in una  vera famiglia i cui componenti erano ne più e ne meno tutti gli ABITANTI DELLA VILLA STESSA

narrare quanto e come si svolgeva la vita all'interno del' istituto Croff, la sua stessa storia , le tante vicende dei tanti bimbi, i motivi che portarono alla sua chiusura è un argomento lungo e complesso che in questo post /ricordo non affrontiamo per questo c'è un gruppo apposito creato tempo fa sul celebre social network FACEBOOK al suo interno tante foto , qualche spezzone video e i molti racconti , pensieri etc sempre in aumento, se siete interessato o se tra di voi c'è uno dei " bambini dei Croff " l'indirizzo cui puntare è questo

https://www.facebook.com/groups/istitutoCroffcastelletti/ o in alternativa  https://www.facebook.com/groups/113659241999940/

come già detto è un gruppo chiuso ( per ovvi motivi ) ma basterà farne richiesta e se non sarete uno dei soliti spam in circolazione sarete con facilità accolti a braccia aperte



scoprirete così il destino di alcuni di voi oltre che quello di alcune signorine o maestre alcune delle quali attualmente anche in contatto diretto e parliamo della Luciani, Brazzini, Rosanna etc mica chiacchere!!!

Gianluigi Boselli, Andrea Pellegrini, Angelo Pellegrini, Dario Cavagna, Antonio Biondo, Armando Sari, Gaetano Castiglia, Stefania Ciardi, Guido Rodighiero, Francesco e ANtonio Tassone,Tanini Mario, Vignoli Vasco, Cea Gianni, Benito Di Biase, Franco Passeretti, Luca Ciacci, Gaetano Leto,Pasquale Riccardi,  Sergio Bianchini, Andrea e Alessio Rocchini,Filippo e Gabriele Piccini, Antonino Cacciato, Angelo Palumbo, Maurizio Soletta, Tonino Mastrangelo .......................

.. questi sono solo alcuni dei nomi di quelli che son cresciuti sotto le ali protettive dei coniugi Croff. molti altri mancano alla lista e chissà forse un giorno a l'altro li troverete proprio nel gruppo Facebook di cui poco sopra

 ****************************************************************************************************
ATTENZIONE !!!  ....  ATTENZIONE !!!  ....  ATTENZIONE !!!  ....  ATTENZIONE !!! 
la canzone che sentite non proviene dall' "ADE" ma dal player sottostante, se vi da noia potete stopparla interagendo col comando apposito sennò sentitela tutta , il player la eseguirà un'unica volta , qusto ogni volta che aprirete questo post o la pagina in cui questo post si trova .




oggi dopo tanti anni dalla chiusura dei collegio CROFF , dopo la scomparsa degli stessi CROFF e di altre persone lì  presenti all'epoca  quel mondo purtroppo rivive  solo nei nostri ricordi .
 noi, i bimbi che chiamavano i coniugi CROFF mamma e papà siamo cresciuti, da un po, siamo diventati uomini o donne ( quest'ultime poche ),  forse abbiamo messo su famiglia,forse no, forse  abbiamo figli oppure no, comunque , abbiamo l'esperienza che solo il vivere la vita ti da per capire, comprendere ringraziare od altro , seppur col pensiero, chi senza chiedere niente in cambio ci ha dato una mano , un aiuto tangibile in un momento della vita in cui eravamo pressoche indifesi,
oggi che sappiamo cos'è la vita, capiamo e sappiamo le risposte ai perché che ci ponevamo un tempo. abbiamo più o meno  superato le problematiche e i dubbi che ci affliggevano, oggi che abbiamo quasi raggiunto l'età della ragione e lentamente anche noi ci avviciniamo alla vecchiaia ,oggi guardandoci indietro e  ripensando al passato a tutta la nostra vita non possiamo non rivivere anche gli anni della nostra infanzia e quindi ripensare alla splendida infanzia che i coniugi Croff ci hanno regalato, un' infanzia che ha una sola pecca quella di essere stata magnifica di essere stata almeno inizialmente  al di sopra delle possibilità della vita a seguire ma questa non è una colpa che si puo addosare a nessuno , stringi, stringi e per finire che senno annoiamo chi legge possiamo solo dire un grazie di cuore e per chi crede ricordare nelle proprie preghiere 2 persone che e qui ci  scommetto, hanno sempre avuto un posto nei nostri cuori quindi credo di poter dire a nome di tutti i BAMBINI DEI CROFF
grazie PAPA' ALDO, GRAZIE MAMMA ANGELINA siete e sarete sempre nei nostri cuori
**********************************************************************************************************************************************************************************************




domenica 15 settembre 2013

E' TEMPO DI RIDERE ? Settembre 2013


************************** E' TEMPO DI RIDERE ?  ********************

umorismo dai blog , dai forum .dai... insomma dal WEB ...... barzellette , battute etc proveniente da ogni dove e inserite qui in ordine sparso senza censura alcuna se non quella del' originale scrivente o oratore

a cura di I.O. 
*******************************************************************

Ufficio immigrazione

- Nome? chiese l'addetto all'ufficio immigrazione.

- "Starnuto", rispose il cinese tutto orgoglioso.
L'addetto lo guardò perplesso - "Questo è il tuo nome cinese - chiese - "Starnuto"?
- "No, è il mio nome italiano"
- Ebbene qual'è il tuo nome originale?
- "Ah Chu"uf
************************************************************************************************
Carabinieri !!!

Un carabiniere entra in un negozio e dice: "Mi dia per favore qualcosa per gli insetti!" e il commesso gli da delle palline profumate.
Il giorno dopo si ripresenta al negozio e dice: "Mi dia delle altre palline, ma questa volta ne voglio il doppio!"
Il terzo giorno ne vuole il triplo e il commesso dice: "Ancora non si è sbarazzato degli insetti?"

"Ahoo...mica è facile colpirli con delle palline così piccole!"
*****************************************************************************************************
Un tale entra in cartoleria: “Mi serve del cartone!”. “Molto spesso?”. “No… qualche volta!”
************************************************************************************************************
Due amici: “La vedi quella signora, io farei con lei tutte le fantasie che mi vengono in mente”. e l'altro  “Ma quella è mia moglie!!”. allora il primo lper levarsi dall'ibarazzo gli fa “…Pagando, s’intende!”
****************************************************************************************************
Il dipartimento di scienze comportamentali di una nota università italiana ha deciso di fare un esperimento singolare:
ha individuato dieci isole deserte in mezzo all’oceano e vi ha portato le seguenti persone:
    Isola 1: due siciliani e una siciliana
    Isola 2: due napoletani e una napoletana
    Isola 3: due altoatesini e una altoatesina
    Isola 4: due sardi e una sarda
    Isola 5: due toscani e una toscana
    Isola 6: due liguri e una ligura
    Isola 7: due veneti e una veneta
    Isola 8: due torinesi e una torinese
    Isola 9: due milanesi e una milanese
    Isola 10: due romani e una romana
Due mesi dopo sulle isole si è verificata la seguente situazione:
Isola 1: Uno dei siciliani ha ucciso l’altro per restare solo con la siciliana
Isola 2: I due napoletani e la napoletana vivono felici e contenti in un armonioso mènage a trois.
Isola 3: I due altoatesini hanno fatto un programma settimanale peralternarsi a fare sesso con la altoatesina.
Isola 4: I due sardi dormono insieme, e la sarda svolge le faccende domestiche e cucina per loro.
Isola 5: I due toscani stanno aspettando che qualcuno li presenti alla donna toscana.
Isola 6: I due liguri hanno guardato il mare, poi hanno guardato la ligura,poi hanno riguardato il mare ed hanno iniziato a nuotare….
Isola 7: I due veneti hanno aperto ciascuno una distilleria. Non riescono a ricordare se fanno sesso con la donna veneta oppure no, colpa della troppa grappa di cocco, ma almeno sono soddisfatti perché non ci sono terroni.
Isola 8: Ognuno dei due torinesi è convinto che la torinese faccia sesso soltanto con lui…
Isola 9: I due milanesi hanno trovato un’altra donna e quindi fanno gli scambi di coppia

Isola 10: I due romani si stanno ancora menando per decidere chi è più forte e la romana è andata a nuoto all’isola dei milanesi
************************************************************************************************************************************
l'angolo OSé
Ci sono due in viaggio di nozze e lui ha una penna nelle mutande. Lei: “Ma caro perché ti sei messo una penna nelle mutande?” Lui: “Così se non vengo ti scrivo!” 
****************************************************************************************************************************