sabato 23 marzo 2013

giochi con le carte : CIRULLA

che gioco è CIRULLA ?




La cirulla è un gioco di carte tradizionale praticato in Liguria, Basso Piemonte e alta Toscana. Consiste in una variante più complessa della classica Scopa, ma si contraddistingue per vivacità e ritmo delle partite, per i repentini “ribaltoni” nei punteggi, ma anche per il notevole peso del “fattore fortuna”, che riduce il divario tra giocatori esperti e principianti rispetto a giochi simili.

Nella cirulla troviamo quindi la stessa struttura della Scopa ma le aggiunte e le variazioni sul tema sono numerose. Per chi non conoscesse il gioco, all’interno dell’applicazione si trovano anche le regole e i tutorial per cui possiamo dirvi che:
Il mazzo è composto dai vari assi, 2, 3, 4, 5, 6, 7 e al posto dell’8, 9 e 10 troviamo rispettivamente fanti, regine e re. Con la carta giocata è possibile prendere dal tavolo nel caso in cui:
La carta ha lo stesso valore di quella sul tavolo;
La carta che si ha in mano rappresenta la somma del valore di più carte sul tavolo;
La carta è un asso (o ha valore di asso);
Il valore della carta giocata, sommato a quello di una o più carti sul tavolo ammonta a 15;
Quando il giocatore effettua la presa di tutte le carte sul tavolo, realizza una “scopa”, che vale un punto. Se la carta giocata è un asso e non ci sono altri assi sul tavolo ma soltanto altre carte, allora il giocatore effettua un’altra scopa, e prende tutte le carte come nel gioco “Asso piglia tutto”.

Alla distribuzione delle carte, è possibile guadagnare punti in caso di particolari combinazioni. Se la somma delle quattro carte sul tavolo, all’inizio di una smazzata ammonta a 15 o a 30, il mazziere prende tutte le carte sul tavolo e guadagna uno (per 15) o due (per 30) punti. Se la somma dei valori di una mano ammonta a 9 o meno di 9, il giocatore ha in mano una “Cirulla” o “buona da tre”. Se una mano contiene tre carte dello stesso v alore, il giocatore si aggiudica un “Decino” o “buona da dieci”, cioè 10 punti che andranno ad aggiungersi nel punteggio della partita.
Se tra le quattro carte iniziali in tavola ci sono due o più assi, la mano va “a monte” e il mazziere rimescola le carte e le ridistribuisce. L’asso prende tutto a meno che in tavola non ci sia un altro asso, ed in questo caso il giocatore è costretto a prendere solo quella carta, a meno che non possa effettuare una presa da 15. Il sette di cuori detto “matta”, può assumere qualunque valore da 1 a 10, ma soltanto se il valore voluto consente di aggiudicarsi una “buona”. Se la matta non viene utlizzata per una presa ma viene calata sul tavolo, alla successiva mano riprende il valore di sette.
Come nella scopo, valgono:
1 punto per il sette di quadri detto “sette bello”
1 punto per i “denari” cioè 6 o più carte di quadri
1 punto per le “carte” ovvero 21 o più carte, in pratica la maggioranza delle carte del mazzo
1 punto per la “primiera” che generalmente è formata da 3 o 4 sette, oppure 2 sette e 3 o 4 sei
1 punto ogni scopa fatta comprese quelle effettuate con le accuse
Se un giocatore perde tutte le carte di quadri, effettua un “cappotto” e la partita termina immediatamente con la sua vittoria, indipendentemente da tutto il punteggio accumulato nel corso delle precedenti smazzate. L’ultima carta giocata non piò valere come scopa anche se è un asso o prende tutte le carte sul tavolo. La partita termina quando uno raggiunge o supera il punteggio da stabilire nelle opzioni del gioco che può essere 31, 51, 71 oppure 101 punti. Se entrambi i giocatori vanno oltre il punteggio, vince ovviamente quello più alto. In caso di parità si procede con una smazzata di spareggio.

clicca per un PDF esaustivo riguardo CIRULLA
************************************************************************************************************************************************************************************
ricapitolando


CIRULLA

LE CARTE. Un mazzo di carte italiane, da 40. La capacità di presa è come nella scopa di Assi e di Quindici insieme. Ai fini del punteggio i valori delle carte o delle loro combinazioni sono:

- 1 punto a chi prende almeno 21 carte;

- 1 punto a chi prende il sette di Denari (Ori);

- 1 punto a chi prende almeno 6 carte di Denari (Ori);

- 3 punti a chi prende Asso, Due e Tre di Denari (4 punti a chi aggiunge il 4, 5 punti a chi aggiunge il 5);

- 5 punti a chi prende tutte le figure dì Denari (6 punti a chi aggiunge il 6, 7 punti a chi aggiunge il 7);

- 1 punto a chi fa primiera;

- 1 punto per ogni scopa;

- 1 punto a chi riceve 3 carte di valore complessivo non superiore a 9;

- 3 punti a chi riceve 3 carte di pari valore che sommate danno 9 o meno di nove;

- 2 punti a chi riceve 3 carte di pari valore, qualunque sia la loro somma (in questi ultimi 3 casi le carte vanno subito messe sul tavolo, inoltre il 7 di coppe può fungere da jolly, ma solo in quest'ambito;

- 1 punto al mazziere, se le carte messe scoperte sul tavolo all'inizio del gioco sono di valore inferiore a 9 (in questo caso il mazziere prenderà le 4 carte);

44
- 2 punti al mazziere, se le carte sul tavolo hanno un valore superiore a 30. Chi prende tutte le carte di Ori (Denari) vince per cappotto.

1 GIOCATORI. Due coppie.

FINE DEL GIOCO. Arrivare a 100 punti (o a un punteggio prefissato) prima degli avversari.

SVOLGIMENTO. Come nella scopa.
********************************************************************************************


giocaci online
http://www.papp.it/CardsGames/cirulla.html
************************************************************************************************
link utili
http://it.wikipedia.org/wiki/Cirulla

venerdì 22 marzo 2013

lo sapevate che ?

consigli, nozioni base, curiosità d'ogni tipo per saperne di un po di più del mondo che ci circonda

TEMPORALI E FULMINI ( COME PROTEGGERSI )



la Protezione civile da' alcuni suggerimenti per chi si trova in una zona colpita da violente precipitazioni a carattere temporalesco.

- Evitare di usare l' automobile se non in casi di grave urgenza e, comunque, usare la massima prudenza nella guida riducendo la velocita' e aumentando le distanza di sicurezza.
- Se si e' in viaggio e ci si rende conto che la precipitazione e' molto
        violenta, e' consigliabile fermarsi e trovare riparo nello stabile piu' vicino e sicuro.

 - E' molto pericoloso transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d' acqua sopra ponti o passerelle per vedere la piena.
- Fare attenzione prima di percorrere sottopassaggi, oppure all' uscita da gallerie. Per quanto riguarda il pericolo rappresentato dai fulmini, ecco alcuni consigli per evitare di esporsi involontariamente a rischi:
- Non sostare in luoghi aperti e tenersi il piu' possibile lontani dagli
 alberi.
- Non entrare in contatto con l' acqua sia al mare che ai laghi o nei
        fiumi.
ì- Allontanarsi da oggetti e strutture puntute, specie se metalliche (es. ombrelloni da spiaggia).
- Se ci si trova in auto e' meglio restare all' interno della vettura.
 - Evitare di usare i telefonini.
- Staccare l' antenna della televisione.




comunque un rimedio sicuro, sicuro è rinchiudersi in una gabbia di Faraday :-)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Come si formano i lividi sotto pelle?


il livido o echimosi è l'effetto di un versamento di sangue all'interno dei tessuti. Puòessere spontaneo, come nell'aneurisma (la dilatazione, fino alla rottura, di un'arteria), oppure comparire dopo una contusione o un'aspirazione (per esempio, a causa di un bacio "succhiato" ). Se la perdita di sangue è  in profondità possono volerci alcuni giorni prima che il livido appaia.
Passano poi da 7 a 12 giorni prima il livido  scompaia.
Il livido attraversa una variegata gamma di colori. Le colorazioni dipendono dalla decomposizione (detta catabolismo) dell'emoglobina, la proteina del sangue che trasporta l'ossigeno, a opera di enzimi. Che prima degradano l'emoglobina in biliverdina (il livido diventa di colore verde) e poi quest'ultima in bilirubina (la colorazione diventa giallognola). Quando infine i globuli bianchi rimuovono i prodotti di decadimento, il livido scompare
*****************************************************************************************************

Perché vengono i brividi?

Il brivido è un tremore causato da contrazioni, involontarie e velocissime, dei muscoli. Quando si ha la febbre alta, per esempio, servono all'organismo per eliminare il calore in eccesso. Nel caso del freddo, invece, hanno lo scopo di produrre calore. Ma ci sono anche brividi che non si scatenano per motivi strettamente fisiologici. In particolare l'ansia, per esempio quando dobbiamo sostenere un esame, o una situazione che incute timore (come la visione di un film horror), mettono in moto una serie di reazioni dell'organismo che mirano a creare una sorta di  stato di emergenza ; In questi momenti il corpo aumenta la pressione del sangue, il numero dei battiti cardiaci sale e il sangue si sposta dove c'è bisogno (per esempio ai muscoli, che in questo modo si " preparano "  all'attacco o alla fuga). In questo caso i brividi possono quindi manifestarsi come segni " somatici "dello stato psicofisico di agitazione o di paura.
**********************************************************************************************************
UNA BANANA AL GIORNO TOGLIE L' ICTUS DI TORNO

c'è chi dice che una banana al giorno toglie l'ictus di torno e non si tratta di uno scemo ma di vari esponenti della medicina d' alto rango

Potrebbe essere questo il nuovo motto secondo alcuni ricercatori che hanno scoperto che il frutto, ricco di potassio, potrebbe prevenire l'ictus.
Una ricerca condotta su soggetti over 65 ha indicato che coloro che assumevano poco potassio avevano il 50% in più di possibilità di avere un ictus.
La ricerca inoltre sostiene che le persone che assumono farmaci diuretici, che aumentano la quantità d'acqua espulsa nelle urine, possono anche correre più rischi, forse perché cessa l'assorbimento del potassio da parte dell'organismo.
 I diuretici sono prescritti di frequente agli anziani, ironicamente per controllare la pressione e ridurre la possibilità di un certo tipo di ictus.
I pazienti che assumono diuretici e che presentano i più bassi livelli di potassio nel sangue rischiano due volte e mezzo di più un ictus rispetto a chi assume diuretici e ha livelli più alti di potassio. La ricerca è pubblicata sulla rivista Neurology.
 La dottoressa Deborah Green, del Queen's Medical Center in Honolulu, che ha condotto la ricerca, suggerisce che i pazienti che assumono diuretici per valide ragioni mediche potrebbe trarre vantaggio da quantità extra di potassio presente nella dieta. «I diuretici - spiega - prevengono l' ictus controllando la pressione, ma abbiamo voluto verificare se il loro effetto sui livelli di potassio avrebbe potuto influen zare il rischio di ictus.
Il problema è se i diuretici potrebbero essere perfino più efficaci con un'adeguata assunzione di potassio». Un portavoce della «Stroke Association», che finanzia ricerche sugli effetti del regime alimentare sull'ictus, ha detto che il collegamento tra il minerale e l'ictus non è ancora pienamente compreso.
***************************************************************************************************
la sapevate che in pillole

Dormire meno può farti mangiare di più il giorno successivo

 - In Bangladesh, uno studente 15 enne può andare in carcere per aver barato agli esami 
- Le persone che fumano, hanno rughe in misura 10 volte maggiore rispetto a chi non fuma 
- I ricercatori di panda in Cina indossano costumi da panda per non abituarli alla vista dell'uomo proteggendoli dai bracconieri 
- Essere infastiditi quando ascoltiamo qualcuno mangiare o respirare si chiama "misophonia" ed è un disturbo 
 - Cioccolato, sesso e ridere sono le chiavi per avere un cervello sano 
- Secondo uno studio condotto ad Harvard, gli atei hanno un QI medio più elevato rispetto a qualsiasi altro gruppo religioso 

- L' avocado è tossico a quasi tutti gli animali, tranne all'uomo

 - L'isola filippina luzon ha un lago. Il lago contiene un'isola. Quest'isola contiene un lago e questo lago contiene un' altra isola. 
- Le "farfalle allo stomaco" quando vedi qualcuno che ti piace, sono causate dallo stress 
- Gran parte della vitamina c presente nella frutta è concentrata nella buccia 
- Un lupo può mangiare fino ad 8 kg di carne per pasto ed è un animale che non butta via niente: mangia tutto anche i peli e le ossa. 
- Ogni anno, circa 4 milioni di gatti vengono mangiati in Asia 
- Il gesto del dito medio fu utilizzato in uno spettacolo in grecia nel 423 ac, riferito agli uomini che subivano penetrazioni anali 
- La gamofobia è la paura del matrimonio e delle relazioni 
- Osama Bin Laden era un agente della CIA negli anni 80 
- Il déjà vu accade quando il tuo cervello prova ad applicare la memoria di una situazione simile all' istante attuale 
- Il 69% dei genitori sono "amici" su facebook dei propri figli 
- Le dita dei piedi si chiamano : alluce , illice , triplice , pondolo (o pendulo) e minolo ( o mellino) 
- Una candela brucerebbe più a lungo se messa un'ora in freezer prima di usarla 
- Gli studi dicono che le persone povere capiscono meglio le emozioni altrui 
- Il più lungo matrimonio della storia è durato 91 anni e 12 giorni 
- I fenicotteri si nutrono sempre con la testa in giù

in edicola la discografia dei PINK FLOYD

per chi ancora non li ha un occasione unica
ricordate: il giornale buttatelo nel bidone della carta

giovedì 21 marzo 2013

youtube magazine ( Marzo 2013 )

YOUTUBE MAGAZINE  *****   YOUTUBE MAGAZINE  *****   YOUTUBE MAGAZINE  *****  YOUTUBE MAGAZINE  *****

raccolta di video trovati su internet e linkati qui - la loro provenienza è quanto mai variabile e comprende video di tutti i tipi ospitati da vari canali e/o pagine web, il riferimento al solo  youtube ne titolo pagina  è qui usato solo a titolo esemplificativo del tipo di rubrica che andrete a vedere /leggere

a cura di a.s.s.m.

***********************************************************************************************************************
I VIDEO GRATUITI DEL MESE

CHI SONO I MEN IN BLACK ?

LE ARMI PIù STRANE DELLA STORIA

LO CHIAMAVANO TRINITA'

CONTINUAVANO A CHIAMARLO TRINITA'

WITESNAKE LIVE


SIMONE SCHETTINO - SCUSATE SE INSISTO IL MEGLIO 2007

Maurizio Battista - era meglio morire da piccoli

DADO IN TOUR

martedì 19 marzo 2013

19 MARZO FESTA DEL PAPA'


Storia di una ricorrenza

La festa del papà, come la intendiamo oggi, nasce nei primi decenni del XX secolo, complementare alla festa della mamma per festeggiare la paternità e i padri in generale. La festa è celebrata in varie date in tutto il mondo, spesso è accompagnata dalla consegna di un regalo al proprio padre.

La prima volta documentata che fu festeggiata sembra essere il 5 luglio 1908 a Fairmont in West Virginia, presso la chiesa metodista locale.Fu la signora Sonora Smart Dodd la prima persona a sollecitare l'ufficializzazione della festa; senza essere a conoscenza dei festeggiamenti di Fairmont, ispirata dal sermone ascoltato in chiesa durante la festa della mamma del 1909, ella organizzò la festa una prima volta il 19 giugno del 1910 a Spokane, Washington. La festa fu organizzata proprio nel mese di giugno perché in tale mese cadeva il compleanno del padre della signora Dodd, veterano della guerra di secessione americana.
La data in generale varia da Paese a Paese. Nei Paesi che seguono la tradizione statunitense, la festa si tiene la terza domenica di giugno. In molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del papà viene festeggiata il giorno di san Giuseppe, padre putativo di Gesù, ovvero in corrispondenza con la Festa di San Giuseppe.
In alcuni Paesi la festa è associata ai padri nel loro ruolo nazionale, come in Russia dove è celebrata come la festa dei difensori della patria
Come in molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del babbo viene festeggiata il giorno di san Giuseppe, padre putativo di Gesù. San Giuseppe, in quanto archetipo del padre e del marito devoto, nella tradizione popolare protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sfortunati. In accordo con ciò, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo. In altre aree la festa coincide con la festa di fine inverno: come riti propiziatori, si brucia l'incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo. In alcune regioni dell'Italia centro-meridionale, il dolce per questa festa è la zeppola (o zeppolella se in versione mignon) dalle origini antico romane: accompagnava la festività dei Liberalia, che si teneva nello stesso periodo dell'anno. Sono realizzate con pasta simile ai bignè, di forma schiacciata, e possono essere fritte o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene.
La data varia da Paese a Paese, negli USA la festa si tiene la terza domenica di giugno, mentre nei paesi di tradizione cattolica la festa del papà cade il giorno di San Giuseppe, padre putativo di Gesù.


                                                La festa del papà nel mondo

- Mondo arabo – Si celebra il 21 giugno, il primo giorno d’estate. Questo perché la festa della mamma in quei paesi si celebra nel primo giorno di primavera.
- Argentina – La festa del papà in Argentina si celebra la terza Domenica di Giugno, ma ci sono stati diversi tentativi di modificare la data al 24 agosto, per commemorare il giorno in cui il “Padre della Nazione” José de San Martin ebbe il primo figlio. Nel 1953 la proposta di celebrare la festa del papà in tutti gli istituti scolastici il 24 agosto, in onore di José de San Martín, è stata sollevata alla Direzione Generale delle Scuole della Provincia di Mendoza. La giornata è stata celebrata per la prima volta nel 1958, la terza Domenica di giugno, ma non è stata inclusa nei calendari scolastici.
Le Scuole della Provincia Mendoza hanno continuato a celebrare la festa del papà il 24 agosto, e, nel 1982, il governatore provinciale ha approvato una legge che dichiara la festa del papà come ufficiale. Nel 2004, sono state presentate diverse proposte per modificare la data al 24 agosto in tutto il paese. Tuttavia, il progetto non è mai stato affrontato durante la sessione prevista del Senato, il che ha causato il suo fallimento definitivo.
- Australia – In Australia, la festa del papà si celebra la prima Domenica di Settembre e non è un giorno festivo. La regione di Victoria continua nella tradizione ad onorare il ruolo dei padri, e le figure paterne vengono premiate attraverso l’assegnazione annuale del titolo Padre della Comunità Locale in 32 comuni delal regione di Victoria.
- Brasile – In Brasile la festa del papà viene celebrata 3 mesi dopo la festa della mamma, la seconda Domenica di Agosto. Sylvio Bhering a metà degli anni 1950 selezionò la data in onore di San Gioacchino, patriarca della famiglia.
- Canada – In Canada, la festa del papà si celebra la terza Domenica di Giugno e non è un giorno festivo. Durante la festa del papà in genere si trascorre del tempo con il proprio padre o con le figure paterne nella propria vita.
- Danimarca - In Danimarca, la festa del papà si celebra il 5 giugno. coincide con la Giornata della Costituzione, che è un giorno festivo.
- Germania – In Germania, la festa del papà (Vatertag) viene celebrata in modo diverso che da altre parti del mondo. E ‘sempre celebrata nel giorno dell’Ascensione (i quaranta giorni dopo Pasqua), che è una festa federale. A livello regionale, è anche chiamato giorno degli uomini, Männertag, o il giorno dei gentiluomini, Herrentag. E ‘ tradizione, soprattutto nel nord e nell’est del paese, ma molto meno a sud e ad ovest, fare un’escursione con uno o più carri , Bollerwagen, trainato da buoi. Nei vagoni vengono conservati vino o birra (a seconda della regione) e vengono preparati piatti secondo la cucina tradizionale regionale, Hausmannskost. Molti uomini utilizzano questa vacanza come un‘opportunità per ubriacarsi.
- Hong Kong – In Hong Kong, la festa del papà si celebra la terza Domenica di Giugno e non è un giorno festivo.
- India – In India, la festa del papà si celebra la Domenica 3 giugno e non è un giorno festivo (17 giugno 2012)
- Irlanda – In Irlanda, la festa del papà si celebra la terza Domenica di Giugno e non è un giorno festivo.
- Iran – Festa del papà in Iran si celebra il 13 di Rajab, il compleanno del primo Imam dell’Islam, Ali.
- Italia – In Italia, secondo la tradizione cattolica, i padri vengono celebrati il ​​giorno di San Giuseppe, comunemente chiamata Festa di San Giuseppe (“Festa di San Giuseppe”), 19 marzo. Non è un giorno festivo.
- Giappone – In Giappone, la festa del papà si celebra la terza Domenica di Giugno e non è un giorno festivo.
- Nuova Zelanda – In Nuova Zelanda, la festa del papà si celebra la prima Domenica di Settembre e non è un giorno festivo.
- Pakistan - In Pakistan, la Festa del papà si festeggia proprio come un evento mediatico. I Media dedicato spazio ai padri con articoli e interviste
- Le Filippine – Nelle Filippine, la festa del papà non è una festa ufficiale, ma è ampiamente osservato il giorno di Domenica 3 giugno. La maggior parte dei filippini nati negli anni 1960 e 1970 non hanno celebrato la Festa del papà, ma a causa dell’influenza degli Stati Uniti , i filippini probabilmente hanno iniziato a seguire questa tradizione come nel caso di altre festività americane.
- La Polonia – In Polonia, la festa del papà si celebra il 23 giugno.
- Il Portogallo – La Festa del Papà si celebra il 19 marzo. Non è un giorno festivo.
- Romania – A partire da 2010, in Romania, la festa del papà si celebra la seconda Domenica di maggio ed è riconosciuta ufficialmente dallo Stato.
- Cina - Nella Repubblica di Cina, la festa del papà non è una festa ufficiale, ma è ampiamente osservato l’8 agosto, l’ottavo giorno dell’ottavo mese dell’anno. In cinese mandarino, la pronuncia del numero 8 è ba.
- Regno Unito – Nel Regno Unito, la festa del papà si celebra la terza Domenica di Giugno e non è un giorno festivo.
*****************************************************************************************************
per la festa di San Giuseppe è tradizione preparare le famose frittelle

di dette  frittelle ne  esistono svariate ricette che vanno dalle più semplici alle più elaborate , noi ne diamo una facilissima

FRITTELLE DI SAN GIUSEPPE


Ingredienti per circa 35-40 frittelle:

- 200 gr di riso
- 600 gr di latte
- 300 gr di acqua
- 2 uova
- 80 gr di burro
- 80 gr di zucchero
- uva sultanina (opzionale)
- 2 cucchiai di Rum (o Vinsanto o Marsala)
- buccia di limone grattugiata
- buccia di arancia grattugiata
- 1 pizzico di sale
- olio di semi per friggere

Preparazione: 

Mettete il latte con l’acqua in una pentola capiente
Fate scaldare il latte quindi aggiungete un pizzico di sale e metà del burro (40 gr)
A questo punto aggiungete metà dello zucchero facendo sciogliere bene
Buttate quindi il riso e aggiungete la scorza grattugiata del limone (oppure la buccia intera che farete bollire insieme al riso)
Fate cuocere a leggero bollore fino a che il latte si sarà assorbito tutto
Quindi aggiungete il rimanente zucchero e burro e mescolate
Spengete il gas, togliete dal fuoco e fate raffreddare il riso alcune ore (anche tutta la notte, come da tradizione); l’impasto raffreddato deve essere duro da lavorare con il cucchiaio; aggiungete i tuorli d’uovo leggermente sbattuti e mescolate bene
montate gli albumi a neve ferma aggiungeteli al riso e mescolate bene aggiungendo anche il rum (e l’uvetta, se vi piace… io faccio passo)Mescolate nuovamente fino ad ottenere un composto omogeneo che deve essere abbastanza duro (se non lo fosse aggiungete un cucchiaio di fecola)Nel frattempo mettete a scaldare l’olio in una padella; aiutandovi con due cucchiai (precedentemente immersi nell’olio bollente) create una pallina di composto immergetela nell’olio bollente Ripetete il procedimento mettendo a friggere altre frittelle (non troppe) nell’olio bollente; fate dorare le frittelle quindi scolatele con una schiumarola e mettetele in un piatto su un foglio di carta assorbente (es. scottex)Passare le frittelle nello zucchero semolato (o zucchero a velo, se preferite)


Du' risate ? ( Marzo 2013 )

************************** E' TEMPO DI RIDERE ? ( Marzo 2013) ********************

umorismo dai blog , dai forum .dai... insomma dal WEB ...... 
barzellette , battute etc proveniente da ogni dove e inserite qui in ordine sparso senza censura alcuna se non quella del' originale scrivente o oratore
a cura di I.O. 
*******************************************************************
Carabinieri e rapimenti 

Un carabiniere a corto di disponibilità bancarie, decide di ricorrere ad estremi rimedi e rapire un ragazzino per ottenere il riscatto.
Va al parco giochi, prende per il braccio un bambino, lo trascina dietro un cespuglio e gli dice:
- Ti ho rapito! Fa quello che ti ordino, capito?
Il bambino obbedisce. Allora il carabiniere prende un foglio e ci scrive:
- HO RAPITO TUO FIGLIO. SE LO VUOI RIVEDERE TUTTO INTERO, LASCIA UNA BUSTA CON DENTRO 10 MILIONI IN CONTANTI SOTTO LA QUERCIA CHE C'E' AL CENTRO DEL PARCO GIOCHI, ALLE TRE DEL POMERIGGIO.
Poi attacca il foglietto alla maglietta del bambino e lo manda a casa ordinandogli di consegnare il messaggio al padre. Il giorno seguente, alle tre del pomeriggio, il carabiniere va sotto la quercia al centro del parco giochi e ci trova una busta. La apre trepidante: ci son dentro 10 milioni in contanti ed un bigliettino che recita:
- Come hai potuto fare una cosa tanto orribile ad un tuo collega???
************************************************************************************************
L`emigrante

Calogero è un muratore emigrato dalla Sicilia, abita e lavora a Milano, moglie e due figli, tanto lavoro ma soldi pochi.
Una sera arriva a casa stravolto:
"Cosa è successo?"
chiede la moglie Concetta
"Sapessi..." dice Calogero "eravamo su un ponteggio al quinto piano, io e il mio collega dovevamo spostare del materiale quando d`improvviso sento un gran gorgoglio di pancia e corro in bagno. Nel frattempo, mentre il mio collega stava spostando del materiale, si è rotta un`asse ed il mio collega è volato giù per quindici metri ed è morto sul colpo. Un casino: polizia e ASL hanno stabilito che è stato un incidente sul lavoro e quindi alla vedova verranno corrisposti duecentomila euro.
Concetta lo guarda imbestialita e dice:
"Ma è possibile che quando c`è da guadagnare qualcosa tu non ci sei mai?"
*******************************************************************************************
Talpe fastidiose 
Il comandante della stazione dei carabinieri, si ritrova tutto ad un tratto, una talpa (il roditore) che scorrazza a destra e a sinistra nell'ufficio e non c'è verso di prenderla. A questo punto, spazientito ed incavolato fuori misura incarica un appuntato di catturare e uccidere la talpa nel più breve tempo possibile. L'indomani il comandante, trova l'appuntato:
- Appuntato...
- Mi dica Comandante!
- Ha ucciso la talpa???
- Certo Comandante, anzi, ho fatto di meglio, L'HO SOTTERRATA VIVA!!!
****************************************************************************************************
Il missionario e il leone

Il missionario al leone: "Signore, ispira al leone sentimenti cristiani".
Il leone: "Signore, grazie per il cibo che mi hai inviato".
******************************************************************************************************
Fra studiosi...

Tra studiosi amici di vecchia data:
"Come mai tu che eri il più grande esperto di sardine ora studi le balene?"
"Perché sono diventato miope!"
******************************************************************************************************
4 morti e 5...

Un carabiniere va dal maresciallo e dice: "maresciallo una tragedia...è morto Tusi"
il maresciallo: "e come fa a saperlo?"
carabiniere: "era scritto questa mattina sul giornale" "incidente...4 morti 5 contusi"
*******************************************************************************************************

lunedì 18 marzo 2013

conquiste dell' umanità: La Storia Della Carta Igienica

i post dai blog ****  i post dai blog ****  i post dai blog ****  i post dai blog ****  i post dai blog **** 

 

ennesima rubrica a costo zero in cui compariranno uno o più post presi pari pari da uno dei numerosi blog presenti su internet ( ma anche da altre parte se necessario alla bisogna ).

per avere il grande onore di apparire su questa rubrichetta ( che dice diventerà mitica intorno al 2023 o giù di lì )  il post deve essere esaustivo e avere una benchè minima utilità inoltre deve attrarre la mia curiosità e passare indenne attraverso le grandi manovre della censura pre-pubblicazione del noto dicitore etc etc Angiò di Pallevizze
______________________________________________________________________________
 conquiste dell' umanità: La Storia Della Carta Igienica
Pare sia stata inventata dai soliti Cinesi nel VI secolo; un documento burocratico risalente al 1321 riporta che l’Ufficio Rifornimenti Imperiali  aveva iniziato a produrre il rifornimento annuale di carta igienica strettamente riservata alla famiglia dell’Imperatore, famiglia immagino numerosa visto che si trattava di ben 720.000 fogli di finissima carta misuranti ciascuno due piedi per tre.
Nel resto del mondo, prima della carta, si usavano materiali vari e talvolta curiosi: nei bagni pubblici dell’antica Roma veniva fornita una spugna imbevuta di acqua salata fissata a un bastone (una specie di enorme cotton fioc), mentre i nobili in casa loro utilizzavano lana intrisa di acqua di rose.
Vikinghi usavano scarti di lana di pecora; gli abitanti dell’India e dell’Arabia, seguendo gli insegnamenti igienici dei sacri testi, usavano acqua e mano sinistra: usanza ancora in voga, poiché la destra solitamente si usa per mangiare e da porgere agli altri nei saluti.
Nel Medioevo, le ciurme delle navi spagnole e portoghesi adoperavano vecchie cime tagliate a pezzi e bagnate di acqua di mare mentre i  contadini di tutta Europa si servivano di pallottole di fieno.
Nelle antiche Hawaygusci di noci di cocco; gli Eschimesineve e fango di tundra e nei palazzi reali francesi del 1700, accanto alle “comode” stavano cesti pieni di vecchi e stracciati pizzi e merletti, vezzosi morbidi e atti all’uopo.
In ogni modo dall’Ottocento in poi, praticamente ovunque, per la bisogna venivano usate le pagine di vecchi giornali o di cataloghi scaduti, tagliate a rettangoli e appesi ad un chiodo.
Ovviamente tutti questi sistemi potevano creare problemi d’irritazione e infiammazione, ehm, locale; fu così che nel 1857,  un piccolo industrale del New Jersey, tal Joseph Gayetty , brevettò e produsse la prima carta igienica ufficiale, chiamata “carta terapeutica”; la vendeva a pacchi di 500 fogli alla cifra di 50 centesimi, ogni foglio era intriso di aloe e riproduceva stampato a grandi lettere il nome del produttore (sic).
Ma il prodotto non ebbe successo; la gente si rifiutava di sprecare della carta nuova e pulita per una funzione così poco elegante e raffinata, e continuava a preferire le solite pagine di giornale.
Nel 1879 fu un inglese, Walther Alcock, ad avere l’idea di immettere sul mercato la prima carta igienica a rotoli; ma anche lui fallì nell’impresa, per gli stessi motivi di diffidenza e lotta allo spreco.
Il suo brevetto fu acquistato nel 1896 da tre giovani e rampanti imprenditori di FiladelfiaIrvin, Clarence e Arthur Scott i quali decisero di convertire i grandi rotoli che servivano ad avvolgere i tessuti della piccola fabbrica del padre appena ereditata in rotoli più piccoli atti ad avvolgere, appunto, carta igienica.
Ma anche la loro nuova ditta, la Scott Paper Company (che diventerà la futura Scottex), dovette scontrarsi a lungo con la ritrosia dei consumatori: sprechi a parte, trattare e acquistare pubblicamente una merce simile era decisamenteunmentionable.
Così la carta igienica fu per ancora molti anni considerata uno stupido lusso terribilmente consumistico, semplice vezzo da miliardari eccentrici.
Fu solo dopo il 1930 che il prodotto venne accettato (quasi) comunemente dal mercato, soprattutto da quello americano.
La vecchia Europa invece, si convertì abbastanza diffusamente allo “strumento” di uso abituale solo alla fine del 1950, mentre l’Italia aspettò ancora un’abbondante decina d’anni, quelli del boom economico, prima di aderire convinta e in massa a questa piccola rivoluzione di civiltà.

fonte etc - vai
****************************************************************************************************************************
per ulteriori approfondimenti : 
http://it.wikipedia.org/wiki/Carta_igienica
pdf gratuito al riguardo - http://www.perinijournal.com/PDF_JOURNAL/PJL32_it/32_10_it.pdf
********************************************************************************************************
I RIMEDI DELLA NONNA



Fino a qualche decennio fa, la medicina popolare era considerata una vera e propria "scienza dei poveri". Quando i medici erano una rarità o venivano reputati dei "santoni", e quando molti dei medicinali di cui noi oggi disponiamo non erano ancora stati brevettati, la gente cercava di districarsi come meglio poteva nel mondo della medicina, curando piccole e grandi malattie con rimedi rudimentali ma spesso efficaci. Le migliori terapie contro i malesseri le fornivano, innanzitutto, gli anziani, ma anche presunti maghi dotati, a loro dire, di poteri guaritori capaci di allontanare tutti i malanni della terra. Spesso ci si rivolgeva anche ai sacerdoti, ognuno dei quali era specializzato in qualcosa, chiedendo loro una benedizione che potesse debellare le affezioni. Gli antichi rimedi della medicina popolare erano tantissimi, alcuni efficaci, altri inutili e altri ancora addirittura nocivi per la salute. Ad essi, nell'era moderna, si sono sostituiti trattamenti e farmaci innovativi, tuttavia, qualcuno ancora se ne serve per curare i suoi mali e quelli degli altri. Vediamone alcuni :

PELLE:
 Il succo d'arancia è un tonico per il viso.
La pelle diventerà liscia ed elastica
e migliorerà il colorito. Prima di andare a letto,
lavate il volto con acqua fredda,
poi massaggiate con il succo d'arancia
le zone più delicate, soprattutto quelle
a rischio rughe,

MAL DI TESTA:
Applicare impacchi di foglie
di cavolo o fettine di patate crude sulle tempie.
Pediluvio in acqua calda nella quale
si aggiunge una manciata di sale grosso
e un rametto di rosmarino.

OCCHI:
infiammati e orzaiolo, congiuntivite:
Scaldare a vapore foglie di cavolo
finche' non sono morbide,
e tiepide e applicarle sugli occhi.
Provare anche con miele sciolto
in acqua bollente e fare degli impacchi.

Contusioni: A) appoggiare le foglie di cavolo schiacciate o stendere la chiara di un uovo sbattuto; fasciare bene.
B) sugna fresca sui lividi.

Cistite: bere la mattina a digiuno e la sera prima di andare a letto un bicchiere d’acqua calda con il succo di limone
e 2 cucchiaini di miele ( per 15 giorni).

Scottature: immergere immediatamente la parte dolorante nel latte freddo: non ci saranno né dolori né bollicine.

Piedi doloranti: aggiungere mezzo bicchiere di aceto bianco nell’acqua del pediluvio serale.

Duroni sotto la pianta dei piedi: massaggiarli mattina e sera con un batuffolo di cotone imbevuto con succo di limone.

Contro geloni: impacco con decotto di foglie di noce. Versare in 500 grammi di acqua bollente un pugno di foglie essiccate; dopo 10 minuti filtrare; usare per impacchi tiepidi.

Tosse: A) decotto di erbe ( malva, lauro gramigna, camomilla, acqua e zucchero). B) decotto ottenuto
mediante l’ebollizione di peduncoli di ciliegie.

Punture di vespe: A) impacco con foglie di malva; B) aglio schiacciato; C) premere forte una chiave.
D) applicare miele sulla parte gonfia.

Mal di stomaco: Bollire bucce di limone con zucchero.

Gonfiori vari: impacchi di olio caldo e ruta; “la ruta ogni male stuta”.

Accesso dentario: cataplasmi di semi di lino.

Ferita: coprire con una ragnatela.

Ipertensione: A) usare “le sanguette” che succhiano il sangue, ristabiliscono equilibrio. B) mangiare i lupini.

FONTE ETC :rimedi nonna 1

per ulteriori approfondimenti
http://digilander.libero.it/scuolafontaneto/gusti_e_sapori/gusti/rimedi.htm
http://antichirimediamonteverde.blogspot.it/
http://donnelowcost.blogspot.it/2009/09/tornano-i-rimedi-della-nonna.html
e mille altri

***********************************************************************************************
i I RIMEDI DEL NONNO

sonnolenza. - 2 calci in culo e un secchio d'acqua bella ghiaccia tirata  addosso
poca voglia di lavorare - 2 calci in culo e un par di sberle accompagnati da maleparole
raffreddore -  stracci vari per soffiarsi il naso e camminare!
mal di gola - acqua bollente e se non muori prima o poi  ti passa
fame -  vai a dirlo a tu ma e a tu pà
botte in tasta o in qualche altra parte del corpo - fare più attenzione a dove si va
istruzione - A CHI ?
unghia incarnita -  acqua bollente e tenaglia
cagarone - tappo in sughero o permanenza in bagno fino a che non passa
mal di pancia vari - t'arrangi
mancanza di denaro - andarselo a cercare da un 'altra parte e semmai portarglielo anche a lui
giramento dio palle - 2 bicchieri di olio di ricino e un pezzo si pane secco
freddo - datti foco
caldo - buttati in acqua o sotterrati

etc etc

************************************************************************************************** 
ATTENZIONE !!!!!   ATTENZIONE !!!!!  ATTENZIONE !!!!!  ATTENZIONE !!!!!  ATTENZIONE !!!!!
la canzone che sentite proviene dal player sotto se volete interromperla cliccate il tasto stop sul player stesso sennò aspettate che venga eseguita un unica volta dopo di che si stopperà da se ( questo ogni volta che viene aperta l' intera pagina web dove questo post si trova  oppure  questo singolo post)
 
the cars - drive