sabato 18 agosto 2012

L'ITALIA DI DOMANI - come adattarsi alla crisi infinita e sopravvivere

in questa serie di post nuovi di zecca suggeriremo a quegli ITALIANi che ne hanno bisogno prodotti, idee di svariati generi  e cose varie sul come vivere lo stesso in maniera degna in tempi di crisi, quindi qui troverete un pò di tutto tranne una aiuto concreto
a cura di I.O.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
prima di iniziare ( ovvero il discorso di rito che un 2 palle così era un po che un ci venivano ... )

la crisi che non c'era, iniziata come forse ricorderete nel 2009 circa,  alla fine l'abbiamo importata anche noi solo che a noi avevano detto che sarebbe passata di striscio e finita in un anno o poco più, le cose invece ormai sappiamo non stavano così e la crisi alla fine ci ha colpito duramente e con l'aiuto di poteri non meglio definiti ci colpisce ancora cercando anzi di darci la botta finale il cosidetto taglio finale
L' ITALIA non è certo nuova a crisi d' ogni sorta e compagnia bella  e sicuramente supererà anche questo periodo buio, è nel suo D.N.A. non cedere oltre un certo limite , rinascere da se stessa prima dell' ultima fuocata, l' ha fatto per millenni e lo farà ancora, la sua storia parla da se, non c'è bisogno di commentarla , basta conoscerla per capire la gente ITALICA di nascita o adozione come'è fatta e come agisce di fronte alle grandi avversità

già in molti han studiato piani per continuare a vivere in modo degno anche nel caso  di un  futuro un pò più povero, già in molti continuano a studiare, a tirare fuori idee fattibili e reali con cui continuare a fare quel che l' ITALICA gente ha  sempre fatto: meravigliare il mondo, sorprenderlo,dimostrare che la classe non è acqua e che alla fine si potrà si  copiare., imbrogliare, fare tranelli e inventare modi macchiavellici per surclassare un popolo leggendario tenendo ben presente però che mai si potrà essere uguali all' originale, mai si potrà cancellare i millenni di storia che pulsano  nell' ITALICO sangue, mai si potrà essere ITALIANI sul serio come i veri ITALIANI sono , quelli pieni d'inventiva ,, d'estro, di capacità. quelli che se debitamente motivati trovano sempre una soluzione per rimanere sempre in piedi e possibilmente ai primi posti del mondo ( alla faccia del bicarbonato di sodio!! )

ECCO IL PRIMO DEI SUGGERIMENTI ANTICRISI  ( da completare in proprio )

LA LAVATRICE A PEDALI

con l'energia elettrica sempre più cara usare spesso la lavatrice è diventato un problema , questo perché la stessa per funzionare al meglio consuma un po troppa corrente andando ad incidere sul portafoglio in maniera pesante.
se analizziamo il problema dettagliatamente e se già possediamo una lavatrice il problema costi è dovuto a 2  fattori, l'energia elettrica e il sapone . sopperire al secondo è problematico in quanto farsi un sapone da soli non è da tutti mentre per quanto riguarda l'energia elettrica. che poi è quella che fa funzionare la lavatrice dando l'energia necessaria a che il girello della vasca  giri e l'acqua si scaldi, qualcosa si puo fare.
che cosa ?
intanto bisogna dire che operazione che andremo a suggerire non è alla portata di tutti e che necessita per essere fatta in maniera tangibile di una certa forza unita ad un tempo dedicato in maniera univoca lungo quanto occorre ad ogni singola lavatrice da fare

il progetto è di mettere alla vasca girevole due pedali tipo una bicicletta attraverso i quali faremo girare la vasca stessa portando avanti tutti i vari programmi centrifuga compresa, in abbinamento verrà collegato alla lavatrice  un boiler a legna o bruciatutto con cui apportare acqua calda alla lavatrice stessa ( sempre che occorra acqua calda s'intende )
tra l'altro una volta fatto la modifica " pedali " ogni lavatrice fatta comporterà per forza di cose una bella pedalata . altroché cyclette etc, qui sì che si dimagrirà e si lavorerà sul serio di fasce muscolari alle gambe culo etc, ciò apporterà sicuramente beneficio al corpo e se poi uno pagava una retta a qualche palestra per fare ginnastica. pesistica etc un certo risparmio in quanto con questo ed altri esercizi che sveleremo man mano che i post al riguardo aumenteranno  l'andare in palestra potrà essere tranquillamente dimenticato in quanto non più necessario

occorrente a costo zero

molti pezzi necessari alla modifica potranno essere reperiti ai bidoni o presso una discarica, i pedali ad esempio basta prenderli da una bicicletta ( o affine ) buttata via avendo l'accortezza di prenderne un paio non  troppo arrugginiti ( che sennò si rompono subito ) oppure si possono autocostruire con del ferraccio trovato sempre nei posti pre-detti saldati assieme ( è si almeno la strumentazione di base bisogna averla ) o comunque uniti tra loro con viti o fil di ferro etc
la vasca potrà esser tolta da una vecchia lavatrice, . il telaio etc potrà essere fatto con un bidone o altro materiale assemblato in maniera tale che possa ospitare i vari pezzi senza inefficiare il funzionamento di ognuno

in base a quanto trovato dovremo fare un piccolo progetto del tutto e quindi eseguirlo, si raccomanda di provarlo e riprovarlo prima di dire " ecco fatto! " che molte volte una volta finito il tutto alla prima pedalata s'e smontato ognicò!

il " carburante "
per il " carburante " occorrente al boiler con caldaia " bruciatutto " il problema non sussiste in quanto da quando c'è la raccolta differenziata dei rifiuti basterà andare nell' apposito contenitore e prendere quanto abbisogna ( seggiole rotte, pezzi di assi, vecchi utensili, cartone pressato, scatole di scarpe, scarpe e scarponi etc etc ) ed immetterlo mano a mano che occorra nella caldaia del boiler

nell suggerimento dato finora ampia libertà d'idee è lasciato all' utente finale se poi qualcuno abbisogna di un aiuto un po più marcato potrà sempre rivolgersi a chi sappiamo per ricevere sicuramente i relativi aiuti
************************************************************************************
per i più pigri o incapaci a fare quasi tutto tanto meno una lavatrice a pedali

sembrerà strano ma al mondo molte persone non sono capaci di farsi un alcunchè di autocostruito quand'esso fosse anche di basica difficoltà, per loro qui sara sicuramente una buona novella il sapere che esiste già al mondo una ditta che costruisce lavatrici a pedali quindi se proprio non riescono a costruirsene una in proprio usando pezzi riciclati o comunque di fortuna e neanche intendono farsene fare una da un artigiano abile nel suo lavoro consiglieremo di comprarsi una giradora la prima lavatrice a pedali a breve in distribuzione commerciale in grandi numeri anche se per ora solo in paesi poveri più di noi

la lavatrici a pedali GIRADORA costa 40 dollari circa 30 euri e quindi si puo dire che è alla portata di tutti e forse merita di essere comprata da chi ne necessita evitando così tutto il lavore occcorrente per costruirsene una da soli

http://www.behance.net/gallery/GiraDora-human-powered-washer-spin-dryer/4519945
noi comunque siamo per autocostruirsela oppure adattare una vecchia lavatrice magari collegandola ad una bicicletta da corsa intera e via così discorrendo



come si vede dalle foto basta usare l 'ingegno e la soluzione si trova















fine prima parte ( continua ... )