martedì 24 aprile 2012

E FATTELA UNA CANTATA ! rubrica che fornisce il necessario per farsi una cantata in proprio , fare una bella cantata liberatoria ogni tanto distende il sistema nervoso , in questo caso poi esegue anche un test veloce sulla vista, sulle capacita di lettura , sull 'udito ( se qualcuno dall' appartamento di fronte vi bussa urlandovi " e basta !!! " vuol dire che siete o sordo o mezzo umbriaco ) il test si puo' eseguire anche in 2 o piu' persone in tal caso fornisce ulteriori test quali la capacita' di sincronizazzione col prossimo , etc etc
_____________________________________________________________________________________
la canzone Napoletana  ------- la scieneggiata Napoletana ------- la canzone Napoletana  ------- la scieneggiata Napoletana


a me stà canzone/ scieneggiata pur se in realtà dovrebbe far piangere m'ha sempre fatto ridere, comunque è un cavallo di battaglia della canzone NApoletana e anche del fu grande MARIO MEROLA - da vedere l' omonimo film con michele Placido , mara Vernier e lo stesso Mario Merola ... roba da schiantà

    il titolo è  " o ZAPPATORE "

 ( Autori: L. Bovio - F. Albano - 1929 ) ( Canta: Mario Merola )



sotto il testo reperito su internet
    
Originale in dialetto napoletano










In italiano corrente




Felicissima sera,
a tutte sti signure 'ncruvattate
e a chesta cummitiva accussí allèra
d'uommene scicche e femmene pittate.

Chesta è na festa 'e ballo,
tutte cu 'e fracchesciasse sti signure,
e i', ca so' sciso 'a copp''o sciaraballo,
senza cerca' 'o permesso, abballo i' pure.

Chi so'?
Che ve ne 'mporta!
Aggio araputa 'a porta
e so' trasuto ccá.

Musica, musicante,
fatevi mórto onore.
Stasera, 'mmiez'a st'uommene aligante,
abballa un contadino zappatore.

No, signore avvocato,
sentite a me, nun ve mettite scuorno,
io, pe' ve fá signore, aggio zappato
e sto' zappanno ancora, notte e ghiuorno!

E so' duje anne, duje,
ca nun scrive nu rigo â casa mia,
Vossignuría se mette scuorno 'e nuje,
pur'i' mme metto scuorno 'e 'ossignuría"

Chi só'?
Dillo a 'sta gente
ca i' songo nu parente
ca nun 'o può caccia'.

Musica, musicante,
è bella ll'allería.
I' mo ve cerco scusa a tuttuquante
si abballo e chiagno dint''a casa mia.

Mamma toja, mamma toja se ne more,
'o ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te 'mparave zappatore,
ca 'o zappatore nun s''a scorda 'a mamma.

Te chiamma ancora: "Gioja",
e, arravugliata dint''o scialle niro,
dice: "Mo torna, core 'e mamma soja,
se vene a pigliá ll'ùrdemo suspiro".

Chi só'?
Vuje mme guardate?
Só' 'o pate, i' sóngo 'o pate
e nun mme pò cacciá!

Só' nu fatecatóre
e mangio pane e pane.
Si zappo 'a terra, chesto te fa onore.
Addenócchiate, e vásame sti mmane!

Felicissima sera,
a tutti questi signori ingravattati
e a questa comitiva così allegra
di uomini eleganti e donne truccate.

Questa è una festa da ballo,
tutti con il frack questi signori,
ed io che sono sceso dal carretto,
senza chiedere permesso, ballo anch'io.

Chi sono?
Cosa vi interessa!
Ho aperto la porta
e sono entrato qui.

Musica, orchestranti,
fatevi molto onore.
Questa sera, tra questi uomini eleganti,
balla un contadino zappatore.

No, signore avvocato,
ascoltatemi, non vi vergognate,
io, per farvi diventare signore, ho zappato
e sto zappando ancora, notte e giorno.

E sono due anni, due,
che non scrivete un rigo a casa mia,
vostra signoria si vergogna di noi,
anch'io mi vergogno di vostra signoria.

Chi sono?
Dillo a questa gente
che sono un parente
che non puoi cacciare.

Musica, orchestranti
è bella l'allegria.
Io ora chiedo scusa a tutti
se ballo e piango dentro la casa mia.

Tua mamma, tua mamma sta morendo,
lo sai che tua madre muore e ti chiama?
Era meglio se diventavi uno zappatore,
perchè lo zappatore non si dimentica della mamma.

Ti chiama ancora: "Gioia"
e, avvolta nello scialle nero,
dice: "Ora torna, cuore di mamma sua,
viene a prendersi l'ultimo sospiro".

Chi sono?
Voi mi guardate?
Sono il padre, io sono il padre
e non può cacciarmi!

Sono un lavoratore
e mangio pane e pane.
Se zappo la terra, questo ti fa onore.
Inginocchiati e baciami queste mani!
sotto la versione cantata da MEROLA nel film girato ispirandosi appunto alla canzone /sceneggiata in oggetto; guardalo un centinaio di volte e imparane i tempi, le tonalità giuste e la pronuncia ... a seguire le versioni KAraoke su cui cantare anche al' infinito la celebre scieneggiata




bene, ora che ti sei fatto la tua bella cantata puoi tornare pure a zappare !!!!... bhé che aspetti?^ e VAI!!