lunedì 2 maggio 2011

E' TEMPO DI FAVE!!!!!!

le fave sono il "frutto" di una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle leguminose la vicia faba i suoi baccelli arrivano a misurare anche 30 cm levando la buccia all' ' interno si trova la vera parte commestibile che poi è il seme , simile ad un grosso fagiolo schiacciato orizzontalmente dal colore verdolino o anche tendente al violaceo secondo la specie è una pianta coltivata da oltre 3000 anni scoperta molto prima dei fagioli che sono stati importati in ERuropa dall' America;
fave d'epoca sono state ritrovate nelle tombe dei faraoni che l'apprezzavano molto , presso i greci la fava come tutti i legumi non era ben vista in quanto tra i filosofi si riteneva che mangiandole il corpo poi producesse flautolenze che espulse portavano via con sè anche parte dello spirito della persona, fà specie sapere che grandi filosofi come Pitagora o Socrate pensassero che , praticamente, scoreggiando , si perdesse parte dello spirito interiore ovvero sia un po' dì intelletto eppure era così e per questo la fava in quanto cibaria nella Grecia antica era evitata o quantomeno osteggiata

come mangiarle ?

la fava si mangia bollita ( una 20 di minuti bastano ) ma sopratutto cruda ( levandogli , se volete , l 'ulteriore buccia, sapendo pero che così facendo si perderanno molte proprietà nutriente etc ) abbinata con del formaggio fresco o del salame o lardo va però consumata poco dopo la raccolta in quanto col passare del tempo tende ad indurirsi e a diventare amarognola

__________________________________________________________________________
Conservazione:

se non vengono consumate subito si possono essiccare.
Possono inoltre essere congelate: dopo averle sbollentate per circa 3 minuti, si lasciano raffreddare e si ripongono in sacchetti di plastica.

se secche le fave vanno lasciate ammollare almeno 14 ore prima di essere cotte

Proprietà:

tra i legumi risultano essere le meno caloriche.
Sono ricche di proteine, fibra, vitamine e sali minerali.

- Proteine
- Ferro (pensate che quelle secche ne contengono di più delle uova)
- Fibra (150 g di fave riescono addirittura a fornire quasi 1/3 di tutta la fibra che ci serve giornalmente)
- Sali minerali
- Vitamine
- Ferro

Le fave fresche contengono anche una sostanza chiamata L-dopa, che sembra essere in grado di aumentare la concentrazione di dopamina nel cervello.

Ricordiamo che le fave sono indicate per combattere l’anemia. Tuttavia, in alcune persone possono produrla. Stiamo parlando del favismo che è una vera e propria forma di anemia dovuta al deficit genetico dell’enzima glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, che serve a proteggere i globuli rossi dallo stress ossidativo.


quindi ricordate e Fate attenzione! ripeto

in alcuni casi, in soggetti predisposti (perchè privi di un determinato enzima), possono far insorgere una malattia rara, chiamata favismo, che provoca gravi anemie.

la fava nell' orto

la fava si semina appena passato i morti ovverosia nel mese di novembre oppure per un raccolto tardivo anche fino a gennaio. ogni seme va distanziato uno dall' altro almeno 40 cm poichè la pianta una volta cresciuta occupa quello spazio; il tempo ideale per il suo raccolto và dal 15 Aprile al 15 Maggio in questo ristretto spazio di tempo la pianta dà i suoi migliori frutti ,visto il periodo dell' anno e della raccolta è raro che la fava necessiti di essere annaffiata in quanto già ci pensa il tempo che meteorologicamente parlando di solito è variabile con piogge frequenti( almeno al centro/nord )
Malattie e avversità

Tra i nemici delle fave troviamo: l'afide nero della fava, il tonchio del fagiolo, lumache e chiocciole, muffa grigia, marciume del colletto, ruggine.
Concimazione

materiale youtube


le fave in Carrarino

_________________________________________________________________________