domenica 24 ottobre 2010

ARTE - ottobre 2010

------------------------------------------- ARTE -----------------------------

rubrica tesa a diffondere le immagini con qualche informazione dei piu' importanti quadri a livello mondiale onde aiutare chi ne è in cerca a scegliere quello che piu' piace e se è possibile comprarselo

a cura di assm
----------------------------------------------------------------------------------------------------
----------------il viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich


http://it.wikipedia.org/wiki/Viandante_sul_mare_di_nebbia

breve biografia presa dal web

CASPAR DAVID FRIEDRICH

( Nato a Greifswald nel 1774 - morto a Dresda nel 1840 )

Studiò in Copenaghen dal 1794 al 1798 , poi si trasferì a Dresda ed ivi trascorse tutta la vita. In questa città condusse un'esistenza molto appartata , sempre ai margini dei salotti intellettuali che poco frequentava . Però annoverava tra le sue amicizie molti scrittori scrittori romantici fra i quali Goethe. S'ammalò ..non morì ma dal 1810 si dedicò all'insegnamento e alla meditazione sul senso della vita. Il suo " sentire " l' espresse a tinte forti nelle sue opere nelle quali i soggetti ci narrano d' immense solitudini , d'antichi miti germanici (TOMBA DI ARMINIO - 1813 - Kunsthalle di Amburgo)... illustrando paesaggi sterminati , nelle luci di fredde mattine o nelle ombre notturne , che assoggettano l'umano essere . Difatti Friedrich pensava alll'uomo come poca cosa dianzi l'immensità dell'universo ( IL VIAGGIATORE SOPRA IL MARE DI NEBBIA - 1818 - Kunsthalle di Amburgo ) . Questo suo filosofico concetto gli avversò molti intellettuali e quando espose la sua prima opera " LA CROCE SULLE MONTAGNE " ( Gemäldegalerie di Dresda ) , che creò per la cappella privata del castello di Tetschen in Boemia, venne aspramente ripreso per aver conferito un alto valore spirituale al " paesaggio " ponendo l'uomo in secondo piano . Lui non se ne ebbe e per il suo " pensiero " strinse amicizia con i grandi Schiller e Kant , che teorizzavano sull'" immagine " come pura visione , staccata dal mondo fenomenico . Morì in piena solitudine a Dresda nel 1840; la diffusione della sua erdità filosofico /pittorica venne affidata agli artisti romantici della generazione successiva, ancora attivi nonostante che ormai in Francia il " realismo " ( messaggio sociale ) aveva preso possesso del mondo dell'arte. Ma cos'è l'arte " romantica " ? Ecco si potrebbe dire che essa è stigmatizzata , oltre ad altre cose, dal fatto che l'artista nasce tale , e nel cammino della sua vita si autocrea dandosi soggettive regole. Esso predilige la rappresentazione di stati d'animo, d'emozionì particolari più o meno intense che si provano in determinate circostanze . Ed ecco che una nuova visione del mondo ovvero il mondo dei sentimenti , delle emozioni forti inizia ad ad essere rappresentato. C. D. Friedrich percepisce e descrive dandogli rilevanza il mondo dell'incubo, il mondo della paura e della suggestione ..non dimenticando quanto di ciò era già stato espresso nell'arte gotica ( recupero ...chiamato fenomeno dello " storicismo ") . Immensa è in Friedrich la capacità evocativa di sensazioni onirico -fantasticche . I suoi maestosi paesaggi , le sue suggestive rovine gotiche ci conducono in un altro mondo, in un passato forse glorioso, ma ora " rovinato " dalla forza della natura , una natura che avvolge con piante , liane rampicanti , rami secchi i resti d' imponenti ruderi di cattedrali e di guglie gotiche , Di certo nell'artista s'evince il " sublime " ..concetto kantiano ove la grandezza della natura sovrasta l'umano essere , che prova una sensazione d' inferiorità e/o di smarrimento . Nel dipinto "Il naufragio della Speranza" si capisce nettamente quanto la natura sia vista come un' invincibile forza primordiale, incomprensibile al " piccolo uomo " che si sente schiacciato . Ma al di là di quanto sopra detto quando guardate un opera d'arte ..fatevi pervadere dalle emozioni ch'essa vi suscita ..godete di queste ..al di là d'ogni " cosa " che insiste dietro ciò che stte osservando ..lasciate ai critici ..che ..buon dio .. saranno anche importanti ..ma dopo ..dopo ..


_________________________________________________________________________________________
annotazioni varie
per chi fosse interessato ad acquistare i sopradescritti quadri , sempre naturalmente che cio' sia possibile , consigliamo di rivolgersi direttamente al proprietario o in seconda analisi di comprarsi il museo che li possiede e comunque di darsi da fare che senno l' ha bell'è che comprati e magari lo compra un' altro piu' sveglio e veloce

per chi non puo', per il momento o per sempre, permettersi la spesa , visto anche la crisi attuale. esistono varie possibilita'.

1 ) puo sempre comprarne una stampa o copia eseguita coi metodi che piu aggradono.
2 ) se poi si vuole proprio risparmiare se ne puo' fare una copia da solo sempre che ci riesca , anche se non fosse uguale uguale basta accontentarsi.
3 ) puo rubarla sotto solo la sua responsabilita' , io non l'ho detto
5 ) arrangiatevi un po da soli!
------------------------------------------------------------------------------------- ----------
---------------------------------- ultimo e non ultimo ------------------------------------
rubrica dell' intenditore, mercante d' arte e venditore di fumo ANGIO' di Pallesecche

" ohh! ecco un bel quadro questo mi garba davvero fa' un po' vede' ,mmmh , si,si' è proprio delle dimensioni giuste me lo regali che mi s'e rotto il vetro della fine' della terrazzina che cosi' lo tapppo ? e mi sa' ci va' giusto giusto almeno si spera ....

allora ? , no? e allora che vuoi ?

un commento ? ??!! subito!

" ma vai un po' in culo sottospecie di troglodita! se proprio lo vuoi sapere sto' qui del quadro è un deficente tuo paro guarda dov'e' ito a rompersi i coglioni , non gli bastava la nebbia?, no! s'e innerpicato su di una specie di roccia tutta guglie appuntite speriamo sia cascato cosi' s'e levato di torno anzi fa' na' cosa sorti di torno anco te prima che ti lavo con l' unto sacro va!* "

* = l' unto sacro di cui parla Angio è una miscela d' olio,parafina/strutto di maiale miscelato a nitrogliderina, vitamine etc altamente infiammabile che ANgio lancia sugli ospiti nelle serate di gala quando ne ha le palle piene dì' aver gente attorno e per casa dopodiche' se i graditi ospiti non si sbrigano ad andarsene gli da foco tirandogli delle file di petardi accesi abbinati a polvere da sparo e pece infiammata liberandosi cosi e in cotal maniera la propria magione in 4 e 4 = 8 dai non residenti et affini