venerdì 30 aprile 2010

magazine n. - ????? oinche-lingual'hannoscritto-ma-mi paresiaun???oppureun??ma-ancheun- vabbe-è-listesso


ARRIVA IL PATENTINO PER PROPRIETARI DEI CANI

tra poco tempo chi vorra' avere un cane proprio dovra' effettuare un esame di idoneita' dopo il quale , se promosso , gli sara' rilasciato un patentino di padrone di cane che lo abilita possederne uno di razza abbinata alla classe di merito.

le prime indiscrezioni fanno sapere quali saranno alcune delle prove da superare vediamole:

1 prova pratica

- corsa con frenata improvvisa, saltello su di una gamba con un paletto pieghevole, avente agli estremi del filo spinato arrugginito di lunghezza variabile e svolazzante, da tenere con una sola mano , capacita' di reazione e resistenza a sollecitudini movimentali improvvise,salto ad ostacoli e blocco periodico in una singola posizione, lancio di oggetti e capacita di piegare il corpo in piu' posizioni consecutive

2 prova pratica

recupero di sterco di cane sparpagliato nei posti piu' disparati e relativo posizionamento nel giusto contenitore, gara di resistenza temporale all latrare o abbaiare di cani d'ogni razza,lavaggio,nettatura e asciugatura di varie razze canine,

3 prova - orale

prova di richiamo in varie tonalita e modi, conoscenza razze canine e loro malattie, come riconoscere zecche, afidi, pulci e rimedi da porre in atto, il linguaggio dei cani sia audio che comportamentale,sapere tastando il naso la salute del proprio cane, quando fargli un clistere e quando invece dargli la pappa, soccorso e primo soccorco , rspirazione bocca a bocca , metodi punitivi etc etc etc etc
_____________________________________________________________________________

INDIA, IL MISTERO DEL SANTONE:"NON MANGIA DA 74 ANNI
nel video si vede un uomo che da 74 anni non mangia e non beve , ancora non si capisce come fa.

ultime notizie-
svelato il mistero in realta' l'uomo era una manichino in caucciu' di ultima generazione a cui era stato messo un microfono wireless ed un generatore di corrente da 7000 volts è proprio dopo lo scoppio del generatore che s'e scoperto che all' interno della manichino/santone c'era il vero santone o meglio le sue ossa difatti egli era morto da 73 anni 10 mesi e 3 giorni poco tempo dopo aver iniziato a non bere e mangiare piu'
__________________________________________________________________________

beppe grillo - intervento a riunione telecom

disastro ecologico in USA


________________________________________________________________________________________

_________________________orto e giardino

la pianta dei cachi ( Diospyros kaki Cako-Ebenaceae )


Descrizione

Pianta originaria del Giappone e delle regioni montuose della Cina, arrivata in Europa nella seconda metà dell'ottocento ed è presente in Italia da oltre un secolo. Il kaki è un albero che può raggiungere anche i 12 mt d'altezza, ha la chioma globosa, le foglie sono ovaliformi con la pagina superiore lucida. Produce grossi frutti sferici di color arancione che normalmente non sono mangiabili appena raccolti, infatti, dopo la raccolta che avviene nel mese di novembre quando tutte le foglie sono cadute, per accelerare il processo di maturazione si usa disporli in cassette con alcune mele mature. Il kaki ha un altissimo valore biologico, la polpa contiene molte vitamine e proteine ed è ricca di zuccheri. Il kaki non ha particolari esigenze di terreno, preferisce però quelli freschi e profondi e non ama quelli calcarei e troppo umidi. Vive bene nelle zone a clima caldo e temperato, si adatta tuttavia anche a climi più freddi, dove però, temperature troppo rigide, (-7°, -10°), possono danneggiare la pianta, soprattutto le piante giovani, le quali sono molto sensibili alle basse temperature, in tal caso è necessario proteggerle, magari avvolgendo il fusto con dei fasci di paglia.

Portainnesti

Generalmente è usato il franco come portainnesto principale del kaki, mentre si cominciano ad utilizzare alcune varietà come il diospyros lotus il quale dà alle piante una buona resistenza al freddo e una sensibilità minore al cancro radicale.

Concimazione

Non ha particolari esigenze, è sufficiente intervenire anche con abbondanti concimazioni organiche, letame maturo e stallatico, durante la fine dell'inverno.

Le malattie

Il kaki non è particolarmente colpito da parassiti animali, ma sono possibili attacchi di cocciniglie che, se presenti in modo massiccio, possono causare un generale indebolimento della pianta. Per quanto riguarda le malattie di origine fungina, sono da segnalare possibili manifestazioni di muffa grigia che può provocare danni ai frutti, mentre l'oidio può colpire rami e foglie soprattutto se persiste un clima con elevato tasso di umidità.
_____________________________________________________________________________________________
http://it.wikipedia.org/wiki/Diospyros_kaki

Varietà di cachi
Il cachi è un frutto tipicamente autunnale.
I frutti del caco comune hanno una polpa dolcissima, morbida e cremosa. Di solito vengono raccolti leggermente acerbi e fatti maturare in seguito (operazione denominata 'ammezzimento'), per eliminare il tipico effetto astringente al palato provocato dall'elevato contenuto di tannini.
Durante la meturazione il contenuto di tannini dei cachi si riduce e aumenta quello di zuccheri, rendendoli molto gradevoli al palato.

Esiste anche un'altra varietà, chiamati cachi vaniglia o cachi mela, che hanno una polpa soda e croccante simile a quella delle mele. Sono più pratici da mangiare (basta sbucciarli e tagliarli a fette, senza il rischio di sporcarsi), e leggermente meno dolci.
Valori nutrizionali dei cachi
I cachi devono la loro dolcezza a una quantità notevole di zuccheri (16%) e alla loro consistenza morbida e cremosa che esalta in bocca la loro dolcezza. Questa caratteristica purtroppo diminuisce l'indice di sazietà e quindi occorre valutare sempre con attenzione le quantità assunte per non esagerare con le calorie.
Un caco può pesare ben 250-300 e quindi può arrivare ad avere fino a 200-250 kcal.
I cachi contengono una buona quantità di vitamina A e discrete quantità di vitamina C.
Acquisto e conservazione dei cachi
I cachi maturi si conservano per pochi giorni, quindi è bene acquistarli non ancora leggermente acerbi e farli maturare in casa a temperatura ambiente. Per accelerare la maturazione si possono lasciare vicino a frutti che sviluppano etilene, come le mele e le pere. I cachi maturi sono molto delicati e quindi è opportuno acquistarli nelle tipiche confezioni di polistirolo o di cartone dove ognuno è alloggiato in un vano apposito.
_______________________________________________________________________


_____