sabato 5 gennaio 2013

cronovisore e canone rai bisogna pagarlo o no?

il cronovisore questa leggendaria scoperta  esiste ? e se esiste chi lo possiede deve pagare il canone rai o cosa ?



il CRONOVISORE sarebbe una fantomatica mcchina inventata anni fa da padre emetti ,con detto macchinario sarebbe possibile rivedere tutti i fatti successi nel passato ,la macchina giacerebbe in qualche polverosa stanza nei meandri dei sotteranei situati sotto il VATICANO abbandonata a se stessa per una non meglio definita scelta di forza maggiore

è possibile che anche riportandola alla luce e rimettendola in funzione la macchina  necessiterebbe di vari aggiornamenti questo sarebbe dovuto al passaggio avvenuto ormai su tutto il territorio Nazionale al digitale anche in ambito terrestre


Il Cronovisore 


Quando si parla di macchine del tempo vengono alla mente racconti,film e altre cose  legate alla pura  fantascienza, nella realtà, secondo le equazioni della teoria generale della relatività di Albert Einstein, non c’è niente, nelle leggi della fisica, che possa vietare il viaggio nel tempo, ma la teoria si scontra con la realtà pratica di trovare una fonte di energia enorme con cui realizzare quella che sarebbe  l'invenzione più straordinaria dell'umanità.
La trasmissione Voyager ha realizzato uno speciale su John Titor, un individuo che il 2 novembre 2000, in un forum pubblico in internet, affermò di essere un viaggiatore del tempo venuto dall’anno 2036. Inviò al sito fotografie della sua macchina del tempo con relativo manuale d’uso.
Sempre più persone si interessarono alla cosa e cominciarono a porgli delle domande, sulla ragione della sua presenza qui, sulla fisica del viaggio nel tempo e su quello che pensava della nostra epoca. Ancora più inquietante, se possibile, è la storia di una macchina del tempo, chiamata Cronovisore, costruita non da un folle scienziato, ma da un mite monaco, Padre Pellegrino Alfredo Maria Ernetti, che sarebbe segretamente custodita in Vaticano.

partiamo dall'inizio:

Padre Ernetti ha vissuto sino alla morte, avvenuta nel 1994, a Venezia, presso il convento benedettino di San Giorgio maggiore. Professore di teologia, esorcista, scienziato e musicista, giunse ad una scoperta che gli consentì di costruire una macchina del tempo, detta Cronovisore.
A scanso di equivoci, occorre precisare che non si tratterebbe di un mezzo capace di portare fisicamente il viaggiatore nello spazio/tempo desiderato, come, al cinema, era in grado di fare la De Lorean del già citato Ritorno al futuro, ma consentirebbe di vedere ed ascoltare, scegliendo addirittura di sintonizzarsi ad una data precisa, come se fossimo davanti ad un televisore, gli accadimenti del passato. Padre Pellegrino era un ricercatore e studioso di musica pre-polifonica, cioè di quella musica dimenticata, “creata” prima della scrittura.
Dopo aver condotto le prime ricerche con Padre Agostino Gemelli dell’Università Cattolica di Milano, condusse molti esperimenti con scienziati famosi tra cui anche Enrico Fermi e Werner von Braun, per trovare il modo di “sintonizzarsi sulla lunghezza d’onda” della scia energetica sonora prodotta dalla musica nel passato, in modo da poterla catturare e riascoltare. E furono proprio questi esperimenti a portarlo alla sua invenzione del Cronovisore.
Uno studio più profondo lo portò a ritenere che tutto è energia, tutto produce una scia energetica, compresi gli avvenimenti, che a differenza degli altri, lasciano delle onde sia  sonore che visive e  che restano in qualche punto dello spazio. Bastava soltanto inventare un apparecchio che riuscisse a captarle. E così creò il Cronovisore, uno strumento  in grado di far riascoltare e rivedere gli eventi del passato. Padre Ernetti fu talmente sconvolto della sua stessa invenzione, che ne informò il Papa, che all’epoca dei fatti era Pio XII.
Scienziati, politici e alti prelati, cominciarono a recarsi nel monastero veneziano per visitare Padre Ernetti e rivedere con lui episodi di storia dell’epoca di Napoleone tra i quali il momento in cui pronunciò il discorso sull'abolizione della repubblica della Serenissima , Mussolini, e di altri grandi personaggi del passato. In un’occasione venne trascritta per intero una tragedia romana intitolata “Thiestes”, scritta da Quinto Ennio, giunta a noi incompleta, dopo aver assistito alla sua rappresentazione avvenuta a Roma nel 169 a.C., durante i “Giochi di Apollo”. Ma la cosa più sconvolgente fu vedere Gesù ed assistere alla sua passione, morte e resurrezione.
L'invenzione fece il giro del mondo e si scatenò un putiferio di polemiche che indusse il Vaticano a porre il veto ad ulteriori dichiarazioni pubbliche di Padre Ernetti, che da quel momento si chiuse nel più assoluto silenzio. Inoltre giunse  dalla Chiesa di Roma l’ordine di smontare, nascondere, e portare via il Cronovisore. La Domenica del Corriere del 2 Maggio 1972 pubblicò un’intervista a Padre Pellegrino condotta dal giornalista Vincenzo Maddaloni, nella quale il religioso rilasciò dichiarazioni interessanti.
(Testo tratto da www.pagine70.com)

L'apparecchio miracoloso era costituito da una serie di antenne, utili a sintonizzarsi sull' avvenimento prescelto, funzionante sullo stesso principio utilizzato dagli astronomi per osservare il collasso delle stelle e delle galassie, basato sull'ipotesi che tutto quello che accade si trasforma in onde visive, che, lungi dal distruggersi, si trasformano in una fonte di energia che rimangono in una sorta di cappa che avvolge il pianeta, eterne ed immutabili. Suono e luce,quindi, che una volta prodotti non sono più riconoscibili dall' uomo, ma che diventano energia. L'uomo lascia una scia, i suoi suoni fanno lo stesso, e tramite la macchina del tempo è possibile riassemblare il tutto. Ma vediamo un frammento della dichiarazione di Padre Ernetti :" "Tutta la nostra fisionomia è energia visiva che si sprigiona da noi, dalla nostra epidermide, e tutte le parole che noi diciamo sono energia sonora. Ora, ogni energia, una volta emessa, non si distrugge più semmai si trasforma, però resta eterna nello spazio aereo. Occorrono strumenti che captino queste energie e le ricostruiscano in maniera tale da ridarci la persona o l'evento storico ricercato: quindi noi avremo tutto il presente nel tempo e nello spazio".
Questa è una parte della spiegazione di Ernetti, che, almeno nella teoria,è accettabile. Un pò meno comprensibile è l'assoluto silenzio sui fisici che avrebbero partecipato al progetto cronovisore: oltre a Fermi, Padre Ernetti confermò solamente il nome di Werner Von Braun. Per rendere più credibile l'invenzione, Padre Ernetti raccontò di aver assistito alla rappresentazione del Thyeste, opera scritta da Ennio Quinto, attorno al 170 a.C., alla quale aggiunse le parti mancanti, che erano state ottenute grazie alla registrazione effettuata durante la sua rappresentazione grazie al cronovisore, avvenuta al cospetto degli antichi romani presso il tempio di Apollo, situato fra il Foro e il circo Flaminio. Alla domanda sul perché non avesse ancora rese pubbliche le risultanze dei suoi esperimenti, Padre Ernetti rispose testualmente " Renderemo noto tutto quando ci sarà una controprova ai nostri esperimenti.Gli americani stanno tentando anche loro di scoprire quello che noi abbiamo già scoperto.
Soltanto allora, quando noi potremo confrontare i risultati delle nostre esperienze con le loro, potremo dare notizia ufficiale della scoperta.".Aggiunse che era una scoperta pericolosa "Perché toglie la libertà di parola, di azione e di pensiero infatti, anche il pensiero è una emissione di energia, quindi è captabile.Si potrà, cioè, per mezzo della macchina, sapere quello che il vicino o l'avversario pensa. Le conseguenze sarebbero due:- o un eccidio dell'umanità- oppure, cosa difficile, nascerebbe una nuova morale.Ecco perché è necessario che questi apparecchi non diventino alla portata di tutti, ma restino sotto il controllo diretto delle autorità."In definitiva, mistero e silenzio sulla scoperta in attesa che i tempi fossero maturi.


La parte più importante dell' intervista,quella più sconvolgente, riguardava la visione e la registrazione avvenuta, tramite il cronovisore, della passione e della morte di Gesù Cristo. L' intervistatore propose a Padre Ernetti una foto di Cristo dicendogli: " Padre Ernetti, questa è una foto di Gesù ripresa dalla vostra macchina. Lei cosa può aggiungere, che commento può fare?"Padre Ernetti " guardò la foto, sorrise compiaciuto e disse: Verrà il tempo in cui potrò parlare". La foto del Gesù. Nel frattempo si sviluppò una vera e propria caccia a Padre Ernetti che però rifiutò categoricamente di concedere altre interviste o di commentare gli sviluppi della sua invenzione. Ma passano pochi giorni e c'è il primo colpo di scena. Un lettore del Giornale dei misteri manda allo stesso una copia del crocefisso ligneo di Cullot Valera, venerato nel santuario di Collevalenza (Todi) che è molto simile alla foto che Ernetti afferma di aver ricavato dal Cronovisore. Padre Ernetti risponde qualche anno più tardi, affermando che  ha captato l'immagine del Cristo nel 1953, mentre quello di Collevalenza venne realizzato circa sei anni dopo. Altra contestazione riguardò la trascrizione del Thyestes. Una classicista dell'università di Princeton, riconosciuta universalmente come la massima autorità competente sul testo di Ennio Quinto, spiegò come le aggiunte al testo originale non potessero considerarsi autentiche, contenendo molte parole che nel linguaggio latino sarebbero subentrate oltre 200 anni dopo.Le contestazioni violente,unite probabilmente a moniti ricevuti dal Vaticano, ebbero l'unico risultato di far chiudere Padre Ernetti in un totale mutismo. Con il passare degli anni la notizia della scoperta passò nel dimenticatoio, e attorno alla vicenda scese un silenzio quasi totale. Interrotto da Don Luigi Borello, suo primo antagonista all'epoca dei fatti, con un'intervista concessa nel 1999 al settimanale Chi. In questa intervista Don Borello ammette di aver cambiato idea su Padre Ernetti nel corso degli anni, grazie anche al contributo dato dallo stesso con una lunga lettera nella quale confermava l'esistenza sia dell'apparecchio sia delle visioni ricavate da esso : "L'esistenza dell'apparecchio (la macchina del tempo) è una sacrosanta verità,"Che si abbia captato (con quella macchina) tante cose del passato è pure una verità;che tra queste cose captate ci sia anche l'immagine di Gesù e il Thieste di Ennio è una verità".Alla domanda sul dove fosse finita la macchina del tempo, Borello riferisce che Padre Ernetti l'aveva portata al Viminale per una dimostrazione, e che là era stata smontata. Alla domanda sull'attendibilità di Padre Ernetti,Don Borello risponde:"Tenendo conto che era un uomo di grande prestigio e per di più un sacerdote, che scriveva poi a un altro sacerdote e suo collega nelle ricerche scientifiche, è chiaro che non posso mettere in dubbio le sue affermazioni". Ovviamente scienziati e studiosi, di fronte al totale silenzio opposto da Padre Ernetti alla richiesta sia di spiegazioni sia di dimostrazioni pratiche del funzionamento della macchina del tempo, bollarono il tutto come parto di fantasia. La vicenda venne a poco a poco dimenticata, e se ne parlò solo ed esclusivamente in alcuni convegni specializzati sulla parapsicologia, convegni ai quali Pellegrino Ernetti rifiutò sdegnosamente di partecipare. Ma la storia ha un seguito nei giorni nostri.Padre Francois Brune, teologo francese, pubblica il testo Le nouveau mystère du Vatican ("Il nuovo mistero del Vaticano"), nel quale riprende la storia di Padre Ernetti e della sua macchina del tempo arrichendola di nuovi e inquietanti particolari, aprendo nuovi scenari futuri.
Nel libro Padre Burne racconta di come sia rimasto nel corso degli anni in contatto con Ernetti,( che morirà nell'aprile del 1994), raccogliendone le confessioni e in un certo senso la sua eredità spirituale. La macchina sarebbe realmente esistita, "Non solo era già funzionante, ma era già stato "sequestrato" dal Vaticano. Padre Emetti, spaventato dall'importanza incredibile della sua scoperta, si era confidato con i propri superiori e con le autorità vaticane. C'era stata una riunione segreta con il Papa e poi, di comune accordo, la macchina era stata ritirata e nascosta in Vaticano. A Padre Ernetti era stato imposto di non fare più pubbliche dichiarazioni su quell'argomento, ma non gli era stato proibito di parlarne con gli amici in privato e così mi confidò tutto". Chi parla è Padre Brune, nella sua intervista citata al settimanale Chi. Sempre nel suo libro, rivela i retroscena della costruzione della macchina del tempo, avvenuta grazie anche all' appoggio di Padre Gemelli dell' università Cattolica. Il funzionamento della macchina venne verificato e sperimentato, nei modi raccontati all'inizio. Alla domanda "Esistono documentazioni di qualche tipo degli esperimenti?", Padre Brune risponde così: "Padre Emetti mi ha detto che tutto quello che videro venne anche filmato. Nel filmato si è perduta la tridimensionalità, ma resta pur sempre un documento straordinario. Questi filmati furono poi mostrati a Papa Pio XII, ed erano presenti anche il presidente della Repubblica Italiana del tempo, il ministro dell'istruzione e vari membri dell'Accademia pontificia.
Quindi molte persone hanno visto e constatato".A quel punto sarebbe scattata una congiura del silenzio.Il Papa, membri del Vaticano e della politica, scienziati, avrebbero messo tutto a tacere, preoccupati dalle ripercussioni storiche e le ricadute sulla vita privata che l'invenzione avrebbe ottenuto. L'intervista si chiude con la domanda di rito: "Ma lei non ha nessun dubbio sull'invenzione e sul racconto di Padre Ernetti?" Lapidaria la risposta :" Nessun dubbio. Per avere dei dubbi in questo senso dovrei "calpestare" la serietà morale di un sacerdote straordinario, di uno scienziato eccezionale e di un grande amico. E io non ho nessunissimo appiglio per poter fare questo". Una storia in cui si mescolano la scienza ai limiti dell'impossibile, oscure trame per nascondere un'invenzione che,se realizzata, farebbe riscrivere per intero tutta la storia dell'umanità.
*******************************************************************************************
fonti inattendibili  darebbero per certa l' esistenza di cronovisore di ultima generazione essi sarebbero simili in tutto e per tutto a semplici cannocchiali o anche macchine,fotografiche, cineprese,occhiali etc
la stessa fonte affermerebbe che gli ultimi  modelli di cronovisore oltre  a far vedere il passato sarebbero in grado di far vedere  altre galassie e anche se un pochino disturbati sprazzi di futuro





http://www.ilportaledelmistero.net/Vedetta/articolo_vedetta_SPECIALE_Cronovisore.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Cronovisore
http://laviadeisogni.it/blog/2011/07/20/il-cronovisore-realta-o-bufala/
http://newapocalypse.altervista.org/blog/2011/02/04/cronovisore-di-padre-ernetti-la-macchina-del-tempo-nascosta-dal-vaticano/

giovedì 3 gennaio 2013


il molleggiato compie 75 anni

notIzie da facebook


 i GIORNALI? volenti o nolenti ne paghi una parte anche se non li leggi e questo tutto grazie ad una legge fatta apposta per finanziarli ed usata spesso a solo titolo di intascare denaro facile >


Finanziamenti statali per i giornali in Italia nel 2006:

 6.817.000 €: “L’Unità”
5.990.000 €: “L'Avvenire”
5.371.000 €: “Libero”
5.061.000 €: “Italia Oggi”
4.441.000 €: “Il Manifesto”
4.028.000 €: “La Padania”
3.718.000 €: “Liberazione”
3.703.000 €: “L’amore vince”
3.511.000 €: “Il Foglio”
3.275.000 €: “Conquiste del Lavoro”
3.098.000 €: “Secolo d'Italia”
2.969.000 €: “Primorski Dnevnik”
2.892.000 €: “Corriere di Perugia”
2.582.000 €: “Sportsman-Cavalli Corse”
2.582.000 €: “Linea”
2.582.000 €: “La Discussione”
2.582.000 €: “Roma”
2.582.000 €: “Il Borghese”
2.582.000 €: “Il Giornale d'Italia”
2.582.000 €: “Giornale nuovo della Toscana”
2.582.000 €: “Corriere Canadese”
2.582.000 €: “L'Avanti!”
2.582.000 €: “Editoriale Oggi
2.582.000 €: “Il Cittadino”
2.582.000 €: “Corriere di Forlì”
2.582.000 €: “Il Corriere Mercantile”
2.582.000 €: “Linea Giornale del movimento sociale Fiamma Tricolore”
2.582.000 €: “Torino Cronaca”
2.582.000 €: “Nuovo Oggi (Molise)”
2.571.000 €: “Il Globo”
2.508.000 €: “America Oggi”
2.238.000 €: “Il Denaro”
2.179.000 €: “Il Riformista”
2.157.000 €: “Corriere del Giorno di Puglia e Lucania”
2.065.000 €: “Opinione della Libertà”
2.065.000 €: “Il Corriere di Firenze”
2.065.000 €: “Voce di Romagna”
1.874.000 €: “La Cronaca”
1.869.000 €: “Il Sannio Quotidiano”
1.839.000 €: “Rinascita”
1.601.000 €:“Dolomiten”
1.586.000 €: “Scuola Snals”
1.406.000 €: “Nuovo Corriere Bari Sera”
1.351.000 €: “La Repubblica”
1.313.000 €: “Provincia Quotidiano”
1.272.000 €: “Voce di Mantova”
1.224.000 €: “Il Cittadino Oggi”
1.185.000 €: “La Verità”
1.153.000 €: “Il Campanile Nuovo”
1.026.000 €: “Ottopagine”
1.020.000 €: “Il sole che ride”
1.002.000 €: “A.R.E.A.”
1.000.000 €: “Zukunft in Sudtirol”
C on contributi inferiori a 1 milione di € :
916.000 €: “Dossier News di Caserta, il Giornale”
907.000 €: “La Rinascita”
891.000 €: “Cronache del Mezzogiorno”
827.000 €: “Die Neue Sudtiroler Tageszeitung”
753.000 €: “Dire”
714.000 €: “Il Corriere della Sera”
602.000 €: “Avanti! della Domenica”
563.000 €: “Liberal”
516.000 €: “Motocross”
516.000 €: “Rassegna Sindacale”
516.000 €: “Trenta Giorni”
516.000 €: “Fare Vela”
516.000 €: “La nuova ecologia”
516.000 €: “Il Salvagente”
516.000 €: “Carta”
516.000 €: “Metropoli”
516.000 €: “Gazzetta politica”
516.000 €: “Luna Nuova”
516.000 €: “Mucchio Selvaggio”
516.000 €: “Trenta Giorni nella Chiesa nel mondo”
505.000 €: “Avvenimenti”
492.000 €: “Ore 12”
491.000 €: “Qui”
480.000 €: “Metropolis”
456.000 €: “Sabato sera”
451.000 €: “Area”
431.000 €: “OEP-Notiziario Agricolo Spazio”
405.000 €: “Sole delle Alpi”
403.000 €: “Il Giornale di Calabria”
398.000 €: “Puntocom-Tuttifrutti della Comunicazione”
378.000 €: “Italia Sera”
369.000 €: “RID-Rivista Italiana Difesa”
338.000 €: “Chitarre”
316.000 €: “Novi matajur”
299.000 €: “Minerva”
297.000 €: “Le peuple Valdotaine”
270.000 €: “Critica Sociale”
225.000 €: “Il Correre Laziale”
217.000 €: “Voce d'Italia”
214.000 €: “Jam”
210.000 €: “Famiglia Cristiana”
210.000 €: “Il giornalino”
203.000 €: “Voce Repubblicana”
169.000 €: “Aprile”
157.000 €: “Balena Bianca”
153.000 €: “Lucania”
143.000 €: “Fiamma”
114.000 €: “L'umanità”
109.000 €: “Il Messaggero di Sant'Antonio”
108.000 €: “Quotidiano di Sicilia”
102.000 €: “Amico del popolo”
101.000 €: “Il Patto”
94.000 €: “Città nuova”
91.000 €: “Angeli”
89.000 €: “Pagina”
89.000 €: “Toscana oggi”
87.000 €: “Cristiano Sociali News”
84.000 €: “Mare e monti”
82.000 €: “La vita del popolo”
80.000 €: “Corriere di Saluzzo”
76.000 €: “Domani di Bologna”
74.000 €: “Verona fedele”
65.000 €: “Il popolo”
64.000 €: “La vita cattolica”
63.000 €: “L'azione” (Diocesi di Vittorio Veneto)
61.000 €: “Noi donne”
61.000 €: “La difesa del popolo”
57.000 €: “La voce dei Berici”
56.000 €: “Adista”
56.000 €: “La voce del popolo”
53.000 €: “Il Cittadino Canadese”
52.000 €: “Il nuovo rinascimento”
51.000 €: “Valsusa”
49.000 €: “Jesus”
45.000 €: “L'eco di S.Gabriele”
45.000 €: “Litterae communionis tracce”
45.000 €: “La madonna della guardia”
45.000 €: “Il Segno”
44.000 €: “Madre”
43.000 €: “L'ancora-SCARL”
42.000 €: “Aeronautica”
42.000 €: “La Fedeltà”
41.000 €: “Missionari Saveriani”
41.000 €: “L'Ortobene”
41.000 €: “Il Granchio”
40.000 €: “Aesse-azione sociale”
40.000 €: “L'Unione Monregalese”
39.000 €: “Il Risegone”
37.000 €: “Gente Veneta”
37.000 €: “Luce”
35.000 €: “La civiltà Cattolica”
35.000 €: “Vita Casalese”
34.000 €: “Vita pastorale”
34.000 €: “S. Francesco patrono d'Italia”
33.000 €: “Il nuovo amico”
32.000 €: “Valore scuola VS”
31.000 €: “La voce del popolo”
30.000 €: “Dall'alba al tramonto”
30.000 €: “Giornale della Comunità Parrocchiale”
30.000 €: “Il ponte” (Confraternita Maria SS. Ausiliatrice in Santa Croce di Rimini)
29.000 €: “Il risveglio popolare”
28.000 €: “L'azione” (Diakonia ecclesiale)
26.000 €: “La voce alessandrina”
25.000 €: “La nuova provincia”
25.000 €: “Aurora della Lomellina”
24.000 €: “Vita e salute”
24.000 €: “La Vita cattolica di Cremona”
24.000 €: “La voce”
23.000 €: “Trentini nel mondo”
23.000 €: “Corriere della Valle d'Aosta”
21.000 €: “L'appennino Camerte”
21.000 €: “La libertà”
21.000 €: “L'informatore”
20.000 €: “Friuli nel mondo”
20.000 €: “Gazzetta d'Asti”
20.000 €: “Obiettivo tutela”
20.000 €: “Italia Ornitologica”
19.000 €: “Usc di Ladins”
18.000 €: “Corriere Cesenate”
18.000 €: “Il Momento”
18.000 €: “Corriere Eusebiano”
18.000 €: “Notizie settimanale della diocesi di Carpi”
17.000 €: “Cittadella”
17.000 €: “Il Cantico”
16.000 €: “Nuova Scintilla”
16.000 €: “L'Araldo lomellino”
15.000 €: “Distribuzione Carburanti”
15.000 €: “Vita nuova”(DIOCESI DI TRIESTE)
15.000 €: “Voce isontina”
14.000 €: “Agire”
13.000 €: “L'agrotecnico oggi”
13.000 €: “Il Corriere Apuano”
13.000 €: “La voce misena”
13.000 €: “Il piccolo”
13.000 €: “Il messaggio del cuore di Gesù”
12.000 €: “La settimana”
11.000 €: “L'azione” (Stampa Diocesana Novarese)
10.000 €: “Milano Metropoli”
10.000 €: “Vita nuova” (Opera diocesana S. Bernardo degli Uberti gestione vita nuova)
10.000 €: “Patria indipendente”
10.000 €: “Il lavoro – le travail”
9.000 €: “Il verbano”
8.000 €: “Buddismo e società”
7.000 €: “Città nostra”
7.000 €: “Corriere Magazine a Ovest di Torino”
7.000 €: “La grande famiglia”
7.000 €: “Missioni OMI”
7.000 €: “Porziuncola Assisi”
6.000 €: “Gazzetta di Foligno”
6.000 €: “L'ancora” (Confraternita del SS. Sacramento e Cristo morto)
5.000 €: “Il Monte Rosa”
5.000 €: “Missione oggi”
5.000 €: “Letture”
5.000 €: “Famiglia Oggi”
5.000 €: “Il Sempione”
4.000 €: “Ricreo”
4.000 €: “Il cittadino Oleggese”
4.000 €: “CEM-Mondialità”
4.000 €: “L'eco di Galliate”
4.000 €: “Lampade viventi”
3.000 €: “Il popolo dell'ossola”
2.000 €: “Insieme”
2.000 €: “Nuova umanità”
2.000 €: “Il ponte” (Editore Soc. Coop ARL)
1.000 €: “Rivista diocesana Milanese”

Per un totale di sovvenzionamenti (qua arrotondati per difetto) superiore a 156.611.000 €.

per dati un pochino più recenti ,,,
http://www.governo.it/DIE/dossier/contributi_editoria_2009/stampa.html
sonorelativi al2009 ma si sà i primi a dormire in ITALIA sono gli statali o chi per esso
p.s.
quasi  quasi al posto di andare a lavorare conviene metter su un giornale ........ tanto di notizie ce n'è a bizzeffe e al' ultim'ora s'inventano

PARE COMUNQUE CHE PRESTO LA COSA CAMBIERà MA CO MESI DICE ? " NON DIRE GATTO SE NON CE L'HAI NEL SACCO " OPPURE3 " E CHI CI CREDE!!!

mercoledì 2 gennaio 2013

è già in EDICOLA!!!

LETTURE CONSIGLIATE E NON del giorno/ settimana/ mese/ anno, decennio/ secolo/ era etc etc etc

le letture di cui solo a posteriori saprete l'esatto valore culturale/sociologico etc ma di cui  da subito sempre che le acquistiate saprete il prezzo attuale

 il VERNACOLIERE 
il mitico giornale di satira in vernacolo Livornese ma anche no incinia il 2013 con un bel' annuncio chiaro e netto riappropriandosi, anche grazie al ritorno del cavaliere in pista, di vecchi e cari slogan che sembravano ormai persi per sempre
******************************************************************************************























il tutto naturalmente in attesa di ............
RATMAN 94 entro 'sto mese in edicola

2013 PORTATORE DI BUONE NOTIZIE O COSA ?

BUON 2013!!! e che DIO stavolta ce la mandi buona ( o almeno ce ne scampi e liberi di chi o cosa indovinatelo da soli )

finalmente (  almeno per alcuni ) il 2012 è finito portandosi  via con se malaugurate e false profezie catastrofiche, meteoriti di passaggio e cosa ben più importante una anno di crisi che col bene placido dei nostri governanti /politici etc  ha svuotato  le tasche agli ITALIANI tutti in maniera tale da non permettergli neanche di festeggiare in santa pace e con tranquillità soprattutto  economica,  sia il NATALE che il tanto atteso e ormai passato CAPODANNO

come ormai sappiamo ci siamo accorti ( per  forza di cose e a nostre spese ) che l' annunciata  fine della crisi che non c'era e che  comunque ci fosse stata doveva finire nei primi mesi del 2011 era stata poi procrastinata ai primi mesi del 2012

bene!volenti o dolenti i sacrifici l' abbiam fatti,il sangue l'abbiam versato/donato per tutto l'anno 2012,  di tutto questo abbiamo già ringraziato chi di dovere al tempo  e per tempo meravigliandoci, tra l'altro, di come certi personaggi siano resistenti ad accidenti e improperi vari  a loro indirizzati col cuore in mano da gente d' ogni luogo e stato sociale dimostrandoci ancora una volta come certa " teppa "  sia refrattaria al cedimento strutturale sia fisico che mentale augurato loro con sempre maggior convinzione da un popolo allo stremo della sopportazione umana e divina e  resistenti alle intemperie  del tempo che passa ( per tutti allo stesso modo ) in un modo che dà da pensare  " ma siam sicuri che siano sempre li stessi o ormai son cloni di se stessi di chissà che generazione ? !!!!!"

non mettiamo nomi tanto meno cognomi che al solo pensarli nella migliore delle ipotesi ci viene la "GRATTAROLA " speriamo solo che finiscano  di apparire al' improvvisoco,dal nulla   uomini ritenuti a torto o a ragione soluzioni di tutto, maghi dell' economia, geni dell'impresa, personaggi integerrimi al di sopra delle parti , garanti del popolo senza ombre ne peccato
o meglio che compaiono pure 'stì cavalli di razza ma restando nel loro recinto di sempre evitiamo  di dar loro il comando di un paese, in altre parole le nostre stesse vite, 
quanto ancora ci vorrà prima di capire che certi personaggi non sono la cura ma la causa stessa della malattia ?

gente da 10 facce e 20 lingue che promettono di fare il  nostro bene e da cui regolarmente veniamo degradati sempre più verso stadi sociali inferiori
controllate le vite dei politici degli ultimi 40 anni  sopratutto lo stato finanziario e lavorativo loro e dei loro parenti/amici etc prima, durante  e dopo la loro carriera politica, poi controllate la vostra esaminando lo stesso periodo di tempo, ne scoprirete delle belle, capirete come mai quel lavoro al  comune o a qualche altro impiego pubblico a voi non è toccato, troverete le risposte sul perché malgrado i buoni punteggi dei  concorsi fatti non siete mai stati chiamati, che non era un caso fortuito che aveva dato il posto in biblioteca alla sorella del sindaco, che non era proprio per merito se a quel tale era stata data la casa statale e a voi niente etc etc .......

vabbé comunque sia questa è  storia  vecchia ora che il 2012  è finito c'è da sperare nel 2013 chissà che l'anno nuovo non ci porti quegli aggiustamenti da tanti anni promessi o sperati .....
.......... e meglio!!!!!

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
2013 inizio col botto!!!!

è dal messaggio alla nazione che il buon NAPOLITANO ( una volta gran comunista e oggi un ricco signorotto con uno stipendio annuo da sogno ) ha fatto tramite  tv che si capisce che anche nel  2013 ci  sarà l'ennessima tiritera di sempre ovvero tagli, rincari e così via e questo dopo la cura MONTI che a dire il vero pareva aver colpito già abbastanza il portafoglio ....


aggiungo solo che a dir la verità che durante la trasmissione del solenne discorso ho sentito coi miei orecchi indirizzare  verso NAPOLITANO e il  mondo che rappresenta una sequela di insulti che m'han fatto pensare seriamente  che in ITALIA i POLITICI in generale siano visti in malo modo e che dosse datoloro ilpotere necessario il popolo li decapiterebbe in massa così come i Francesi fecero al tempo della presa della BASTIGLIA

...   leggendo i commenti sul video sopra nella pagina youtube relativa si denota facilmente il trattamento che in parecchi porgono verso l' uomo Napolitano trattamento simile a quello rivolto ad assassini,ladri etc  

alla fine il NAPOLITANO non ha fatto altro che ripetere una sequela di cose dette e ridette , forse poteva risparmiarsele e dirne  altre ma non credo che l'effetto finale sarebbe cambiato

p.s.
 dice ARNALDO ( il mitico ) di aggiungere a finale di questo NAPOLITAN/messaggio il suo accorato commento, commento  già da lui  fatto durante la diretta del messaggio tv in maniera costante e MALGRADO LE POCHE RISORSE POLMONARI per tutta la durata del messaggio stesso cambiando ogni tanto ritmo, melodia e potenza.... eccolo ;
PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!!!!!! ( 

**************************************************************************************************************
2013 è arrivata l'Influenza, 600 mila Italiani già a letto,qualche consiglio su come prevenirla etc etc

L’epidemia influenzale ha già cominciato la sua lenta diffusione, dalla scorsa settimana ha colpito già seicentomila persone.

L’Istituto Superiore di Sanità ha comunicato questi  dati, dal 17 al 23 dicembre sono già a letto con i sintomi quali febbre e dolori articolari circa 132.000 persone. Il totale delle persone colpite dall’epidemia ha raggiunto la cifra di 597.000.


È iniziato dunque il periodo epidemico dell’influenza, sono stati già assistiti 2,18 casi su mille cittadini.

Sono maggiormente colpiti come sempre i bambini che hanno meno di cinque anni, con 9,09 casi per mille.

Le regioni maggiormente interessate dalla diffusione dell’influenza sono: la Sardegna, la Campania, la Valle d’Aosta ed il Piemonte.

Questa influenza proviene dall’America, e con le feste è aumentata la sua diffusione, anche per il contatto attraverso cene e veglioni. A fine gennaio sarà raggiunto l’acme della diffusione.

I sintomi dell’influenza sono mal di testa, febbre, tosse, raffreddore e dolori articolari accompagnati da vomito e diarrea.

La trasmissione può avvenire anche attraverso la tosse o uno starnuto. I virus dell’influenza si diffondono facilmente negli ambienti affollati e a bassa temperatura ed alta umidità.

L’influenza 2013 sarà aggressiva, perché si accentuano i sintomi influenzali come il naso che cola, la febbre, e l’influenza intestinale. Prevenire attraverso il vaccino può essere una delle soluzioni.

La prevenzione può essere effettuata anche con uno spray antibatterico, che elimina il 99,9% dei batteri.

Lo spray antibatterico per prevenire l’influenza
La prevenzione dell’influenza e del raffreddore è essenziale, per non sottoporre il nostro organismo ad una condizione di malessere. Visto che tra l’altro quest’anno l’influenza promette di essere più aggressiva, è molto importante puntare sulla prevenzione, specialmente per i soggetti più a rischio, come i bambini, gli anziani e coloro che soffrono di determinate patologie, come le malattie a carica dell’apparato respiratorio.
Il tutto per evitare l’insorgenza di complicazioni dell’influenza, che potrebbero essere anche gravi. E’ proprio nella prospettiva della prevenzione dell’influenza la ricerca scientifica sta facendo passi da gigante.
Non si tratta solo della possibilità di ricorrere al vaccino antinfluenzale. Negli ultimi tempi ci si sta rivolgendo, per la prevenzione dell’influenza, anche a sistemi alternativi e più innovativi. Negli Stati Uniti è già in vendita uno spray, che riesce a proteggere dall’influenza e dal raffreddore, in quanto è capace di uccidere il 99,9% dei microbi che attaccano le vie aree superiori.
Si tratta di una novità molto interessante, che di certo non manca di suscitare l’attenzione mondiale. Due studi hanno dimostrato la validità dello spray in questione: sono due ricerche dello University Hospitals Case Medical Center, i cui risultati sono stati presentati alla Interscience Conference on Antimicrobial Agents and Chemotherapy di San Francisco.
E’ stato messo in evidenza che lo spray contro l’influenza è efficace sia contro il virus H1N1 che contro i batteri responsabili della pertosse. Si tratta di una protezione contro tutti i germi che si trovano nell’aria e la protezione antibatterica riesce a durare nel tempo, anche fino a sei ore.
Tra l’altro si può mangiare o bere tranquillamente in questo arco di tempo, senza che venga meno l’efficacia protettiva dello spray stesso. Una spray antibatterico quindi, in grado di rivelarsi una nuova e importante arma contro i germi responsabili dell’influenza e del raffreddore.
La ricerca in campo medico riesce a proporci nuovi prodotti che possono rappresentare delle opportunità da non sottovalutare per ciò che riguarda la tutela della nostra salute.
Quella che è stata proposta negli Stati Uniti è una novità che non va affatto sottovalutata, anche per la sua praticità.
Sarebbe auspicabile che anche il nostro Paese si adeguasse in questo senso, introducendo lo spray antibatterico, che, grazie ai suoi numerosi vantaggi, permetterebbe di contribuire in maniera essenziale al nostro benessere generale.
link
http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/l'influenza-2013-sar%C3%A0-pi%C3%B9-aggressiva.aspx
***********************************************************************************************************************************
2013 arriva la TAres ... ah!  i dimenticava BUON anno è!!!

Nessuno ne parla, Monti ha creato una nuova tassa sulla casa (anche per chi sta in affitto): la Tares
Nessuno ne parla, Monti ha creato una nuova tassa sulla casa (anche per chi sta in affitto): la Tares
Dopo il salasso senza precedenti avvenuto nelle grandi città italiane con l’Imu, in tv non lo raccontano, nei quotidiani si trova solo nelle ultime pagine, ma c’è una nuova legge dello Stato approvata ormai da un anno, dopo la conversione del decreto Salva Italia: la Tares; si tratta di un’ulteriore tassa che racchiude quella sui rifiuti (in molti casi aumentata), ma che alla fine risulterà notevolmente innalzata perchè ingloberà anche un balzello dai 30 ai 40 centesimi (a seconda di quanto i Comuni sceglieranno di ampliare la tassa, come successo con l’Imu) per ogni metro quadro di casa, e che andrà a coprire le spese per l’illuminazione delle strade, la manutenzione delle infrastrutture e l’igiene ambientale.
Soldi che i comuni riceveranno dai cittadini, senza più doverli chiedere allo Stato, che si avvantaggerà di un risparmio di 1 miliardo di euro l’anno circa. Tale tassa colpirà anche le persone in affitto, e sarà uguale in ogni zona d’Italia, con l’unica discriminante dei metri quadrati appunto.
Si pagherà con modello F24 (come l’Imu), in 4 rate annuali (GennaioAprileLuglio eDicembre), ma la prima è stata già spostata da Gennaio ad Aprile, per evitare furbescamente “interferenze” con la campagna elettorale dei partiti politici e magari dello stesso Monti.
Professor Monti, l’Italia la ringrazia per questo ulteriore regalo, che riversa nuovamente sui cittadini comuni il peso dei sacrifici da sostenere.
******************************************************************************************
Ecco tutti i nuovi aumenti del 2013: ogni famiglia spenderà 1500 euro in più

Dal canone Rai al pedaggio autostradale, dalle multe all'acqua, dall'assicurazione per l'auto al gas. Ecco la lista di tutti gli aumenti fare i conti con la dura realtà del 2013.

Un anno di stangate. L'eredità che il governo Monti ci lascia è un tariffario pieno di aumenti. Dalla bolletta del gas al pedaggio delle autostrade, dall'acqua alle già salatissime multe, dal canone Rai all'Rc auto. Si salvi chi può. Una raffica di aumenti che ci costringerà a sborsare 1500 euro in più all'anno per ogni nucleo familiare. Ma la mazzata non è mica finita: a luglio l'Iva, come preannunciato, passerà dal 21 al 22%. Non solo. Debuttano altre tre tasse nuove di zecca. Scatta da subito l’Ivie, l’imposta che si paga sul valore degli immobili all’estero. A marzo arriva la Tobin Tax sulle transazioni finanziarie. Ma la tassa protagonista del 2013 sarà la Tares: nuova tariffa sui rifiuti che si preannuncia come un balzello di rilievo. Inizieremo a pagarla da aprile sulla grandezza degli immobili ma manderà in pensione la tecchia Tarsu e assorbirà la Tassa di Igiene Ambientale. Il risultato è da gunness dei primati. Pensavate di aver raggiunto il tetto massimo di pressione fiscale nel 2012? Vi sbagliavate. La pressione fiscale (stando alle stime del governo) salirà dal 44,7% dell’anno appena concluso al 45,3%. Record assoluto.
La bolletta del gas Il rincaro sarà dell’1,7%, pari a 22 euro all’anno.
Autostrade Aumenti medi del 2,91%, su rete Aspi del 3,47%.
Aeroporti Le tasse a carico dei passeggeri saliranno allo scalo di Fiumicino da 16 a 26,50 euro.
Rifiuti Arriva la Tares, che sostituirà Tarsu e Tia. Secondo i consumatori, si tratterà di un aggravio di 64 euro a famiglia (+25%).
Poste Più cari di 10 centesimi i francobolli per le lettere, e di 30 centesimi per le raccomandate. Il canone annuo del Bancoposta sale da 30,99 a 48 euro. 
Rai Il canone passa da 112 a 113,5 euro.
Conti depositoi e buoni postali L’imposta di bollo passa dallo 0,10 allo 0,15%. Esenti buoni postali fruttiferi con rimborso inferiore a 5.000 euro e i fondi pensione. 
Acqua La tariffa aumenta di 26 euro l’anno a famiglia.
Multe Più alte le contravvenzioni stradali. Lieviteranno del 5,9%. Ad esempio, il divieto di sosta passa da 39 a 41 euro, l’eccesso di velocità (fra i 10 e i 40 Km all’ora oltre il limite) da 159 a 168. Chi non mette la cintura potrà essere sanzionato con una multa che passa da 76 a 80 euro e se si parla al telefonino mentre si guida si rischia di dover pagare 161 euro (fino a ieri, 152). 
Rc Auto Le polizze dovrebbero aumentare del 5%, ossia di 61 euro l’anno. 
**************************************************************************************************************************************
L' ULTIMO GANG GNAM STYLE DEL 2012




******************************************************************************************