mercoledì 3 agosto 2011

post scelti dai blog di internet ---------------------- post scelti da internet ----------------------

Nuove truffe

Ho ricevuto una busta, contenente un'altra busta e un modulo da compilare.
Il modulo, privo di intestazione, riporta un titolo: "Registro del mercato nazionale - rilevazione dei dati commerciali - censimento 5/2011 - N° registro: 2125.458348".
Nel modulo mi si chiede di inserire i miei dati, qualora siano diversi da quelli della "registrazione originale".
In piccolo, in basso, c'è scritto che rispedendo quel modulo si acconsente alla ditta Avron s.r.o. (di Bratislava, in Slovacchia) alla pubblicazione dei propri dati su internet (uno magari legge solo fino a qui, pensando di sottoscrivere un'informativa per la privacy), come inserzione pubblicitaria per i prossimi tre anni; tale consenso, come viene specificato di seguito, costituisce ORDINE, che è IRREVOCABILE (salvo inviare lettera raccomandata entro 10 giorni dall'ordine medesimo, di cui fa fede il timbro postale - la busta di spedizione però non viene timbrata, perché il bollo è prepagato) e a pagamento (1.271,00 euro annuali, per tre anni).
Per qualsiasi controversia relativa al CONTRATTO (il modulo compilato e spedito costituisce dunque contratto) è competente il tribunale di Bratislava. Inoltre, se entro tre mesi dalla scadenza non si comunica la disdetta, con lettera raccomandata che deve pervenire a destinazione prima di tre mesi dalla scadenza, l'ordine si prolunga automaticamente di anno in anno.
L'ordine va spedito all'Ufficio postale centrale di Crema.
Se ne approfittano di noi italiani, perché sanno che, a causa del nostro scarso rigore, possiamo confondere facilmente il modulo-truffa da un normale modulo trasmesso da un qualche servizio istituzionale?
Pare comunque che il nome Avron compaia anche in alcuni virus, che si prendono attraverso il "download" di programmi acquistati dietro pagamento.

Nuove truffe agli anziani, falsa badante in azione

La malvivente in azione a Busto Arsizio. Nella Città Giardino invece è tornato anche il reggiro dello specchietto dell'auto

Truffa ad anziani

Varese, 25 luglio 2011 - Anziani ancora vittime di truffatori, uomini e donne senza scrupoli che con abilità riescono a raggirare le loro vittime che si scoprono poi beffati e senza soldi. I ripetuti appelli delle forze dell’ordine rivolti proprio ai «nonni» per evitare di cadere nella trappola a quanto pare non bastano visto che negli ultimi giorni a Varese a Busto Arsizio si sono registrati casi di anziani truffati.

E l'arrivo delle ferie, con i «nonni» spesso a casa da soli mentre figli e nipoti sono in vacanza, potrebbe favorire purtroppo l’attività di queste persone senza scrupoli pronte ad utilizzare ogni tipo di inganno pur di mettere le mani su soldi e oggetti preziosi. Gli ultimi casi sono stati segnalati a Varese e a Busto Arsizio, ad agire sempre una donna e le Forze dell’ordine invitano a non aprire a nessuno e in ogni caso a interpellare i familiari o i Carabinieri e la Polizia. A Busto Arsizio gira la falsa badante

La donna, mora sui quarant’anni, si presenta chiedendo un bicchiere d’acqua per la persona che accompagna e che sulla strada ha appena avuto un malore. La “recita” qualche giorno fa le ha permesso di rubare tutto l’oro che aveva in casa un’anziana, in viale Cadorna, che ha purtroppo creduto alla sua storia. Il tempo di prendere il bicchiere d’acqua e la falsa badante ha messo a segno il colpo. Ha ritentato di nuovo il giorno dopo, nella stessa zona, ma questa volta la vittima non c’è cascata e l’ha messa in fuga chiamando i Carabinieri. Anche a Varese un’anziana ottantenne è finita nella trappola del finto incidente d’auto, copione abilmente recitato da una donna, che si fingeva incinta e vittima proprio dell’incidente.

La truffatrice, che si è spacciata per pediatra, con le parole ha talmente confuso l’ottantenne, alla quale aveva raccontato di avere testimoni dell’incidente, che è riuscita a convincerla a prelevare la bella somma di 4.600 euro per il risarcimento immediato. A lanciare l’appello agli anziani affinché stiano bene attenti a non cadere nella trappola è la stessa vittima, «non date retta a nessuno che non conoscete- dice - e in caso di incidente chiamate subito la vostra assicurazione».

di Rosella Formenti

http://www.ilgiorno.it/varese/cronaca/2011/07/25/550049-nuove_truffe.shtml

________________________________________________________________________________________________

Poi non lamentatevi se la gente s'incazza.

Ciriaco De Mita, 83 anni, Parlamentare Europeo Udc - 20 mila euro lordi al mese, 34 mila euro mensili di costo per i cittadini - è in assoluto uno tra i deputati più assenteisti del Continente (715° su 736). Oddio, anche lui ha i suoi buoni motivi ...
No no no io do subito la mia spiegazione ... i mezzi di trasporto dall'Italia a Strasburgo sono di una difficoltà rara, normalmente bisogna prendere due voli, e c'è un solo volo diretto da Roma che parte il lunedì e rientra il mercoledì ... ma la seduta che diventa oggetto di statistica si chiude il giovedì a mezzogiorno ... se mi fermassi fino a mezzogiorno lo perderei, e sarei costretto a fare scalo a Parigi ...

[Audio: La Zanzara, Radio 24]