martedì 19 luglio 2011

bella la madre bella la figlia... ( o bona la mamma , bona la figlia..... )



la figlia è NAIKE RIVELLI e la madre è ORNELLA MUTI nome d'arte di Francesca Romana Rivelli celebre diva del cinema Italiano amata moltissimo sopratutto dagli uomini e nominata donna piu' bella del mondo dalla rivista Class nel 1994

ma parliamo di Naike:
la figlia maggiore di Ornella ha un carattere ostico e ribelle e per questo forse non è riuscita ancora ad arrivare dove vuole , ha comunque girato vari film e lavorato nella moda etc , ha anche partecipato al reality semiflop della rai " il ristorante " dove s'e' fatta valere e ha constestato sia i metodi che la non reale verita di quanto raccontato agli spettatori dal programma.
recentemente ha tentato con la musica incidendo un disco e girando 2 video dal forte tratto erotico, non molto alta ma con un fisico bello asciutto e perfetto somiglia molto a sua madre ma gli manca qualcosa che sua madre aveva naturale ( e non è il seno che naike s'e' rifatto per averlo bello pieno ) forse se limera alcuni tratti del suo carattere ed incontrera' le persone giuste riuscira ' anche lei a diventare una diva del cinema per ora comunque come giò detto ha fatto parecchi servizi per svariate riviste e non è che se ne sta' con le mani in mano ad aspettare chissa chi o cosa auguriamogli quindi un in bocca al lupo o , come dicono nel mondo degli artisti, " tanta ma tanta merda!!"







per approfondimenti

p.s.

oh!, non so' a voi ma a noi piace , anzi piacciono tutte e 2
______________________________________________________________________

brevi cenni su Ornella Muti anche chiamnata Ornella la madre bella


ORNELLA MUTI
9.3.1955 ROMA
Francesca Romana Rivelli
da padre napoletano e mamma estone, che nell'occasione diede alla luce anche Claudia, sorella gemella della futura signora Muti.

Diva dei fotoromanzi, i suoi occhi di ghiaccio le imposero l'attenzione di mumerosi registi, tra cui Oscar Damiani che nel 1970 la volle con sé in La moglie più bella, in cui potè interpretare il ruolo di una ventenne grazie al fisico più maturo rispetto all'età. Dopo numerose altre produzioni italiane, tra cui Romanzo popolare di Mario Monicelli del 1974 e L'ultima donna di Marco Ferreri del 1976, la Muti decise di impegnarsi anche in produzioni statunitensi, facendo il suo debutto ad Hollywood nel 1980 con Flash Gordon.

La celebrità in campo internazionale non le impedì di cimentarsi nel cinema comico: varie sono le sue apparizioni in commedie umoristiche, soprattutto dietro la direzione della coppia Castellano & Pipolo, con cui girò ben tre pellicole (Il bisbetico domato del 1980 e Innamorato pazzo dell'anno successivo insieme ad Adriano Celentano e Grandi magazzini del 1986 con Paolo Villaggio), ma anche diretta da Carlo Verdone (Io e mia sorella del 1987 e Stasera a casa di Alice del 1990); Francesco Nuti (Tutta colpa del paradiso del 1985 e Stregati di un anno dopo) ed Enrico Oldoini (Vacanze di Natale 91, uscito nelle sale nel 1991).

Al cinema "serio" appartegono invece Cronaca di una morte annunciata di Francesco Rosi, Codice privato di Citto Maselli, O' Re di Luigi Magni e Il viaggio di Capitan Fracassa di Ettore Scola, tutti realizzati nella seconda metà degli anni Ottanta. Nel filone del cinema americano rientrano invece Oscar un fidanzato per due figlie del 1991 e Sette criminali e un bassotto di 12 mesi addietro. Molto conosciuta in Francia, apparve spesso nella televisione transalpina sia come attrice di fiction sia come modella per pubblicità.

Dopo un periodo di lontananza dal grande schermo tornò sugli scudi nel 1999 con Panni sporchi, ancora del maestro Mario Monicelli. Più recentemente, ha lavorato solo con donne dietro la macchina da presa, ovvero Francesca Archibugi, Asia Argento e soprattutto Eleonora Giorgi, che la scelse per il suo Uomini & donne, amori & bugie: l'episodio suscitò un po' di clamore per il fatto che la Giorgi e la Muti furono rivali nella lotta al ruolo di "primadonna" del cinema italiano: il conflitto tra le artiste, per la verità molto ingigantito dai mass media, terminò nel 2003, l'anno d'uscita del film.

Ornella Muti ha vinto due volte il nastro d'argento come migliore attrice protagonista al Festival del cinema di Venezia: nel 1984 con Il futuro è donna (girato mentre era incinta) e nel 1988 con Codice privato, nel ruolo che fu di Anna Magnani.

L'attrice romana è stata sposata due volte: con Alessio Orano (1975-1981) e con Federico Facchinetti (1988-1996), ma dopo essersi separata da Facchinetti convisse sin dal 1998 con Stefano Piccolo, suo attuale partner. La Muti ha tre figli: la più grande, Naike Rivelli, è anch'essa attrice; Andrea e Carolina invece li ebbe dal matrimonio contratto con Facchinetti. Nel 1994 ella è risultata la "Donna più bella del mondo" a seguito di un sondaggio mondiale dei lettori della rivista Class.