lunedì 18 aprile 2011

addio ad un mito di tutti i bimbi di ieri e di oggi ( anche se in molti non sapevano chi fosse)

Tv/ E' morto Osamu Dezaki, il regista dei cartoni Lady Oscar e Remi ( tra gli altri )

Il regista giapponese Osamu Dezaki, che ha legato la sua fama internazionale a popolari cartoni animati come 'Lady Oscar', 'Remi'' e 'Lupin III', e' morto ieri a Tokyo all'eta' di 67 anni per le complicazioni di un tumore ai polmoni. Il suo nome e' una parte della storia degli 'anime' giapponesi. Pur lavorando sempre su soggetti scritti da altri autori ('Jenny la tennista', 'L'isola del tesoro', 'Astro Boy' tra gli altri), Dezaki e' riuscito ad imprimere un segno caratteristico a tutta la sua opera, sia per lo stile, caratterizzato da inquadrature "oblique" ed angolate dal basso nella maniera espressionista, sia per il tipo di storie, spesso permeate di un certo nichilismo di fondo.





A lui si deve l'introduzione negli 'anime' di soluzioni registiche innovative come lo split screen e l'uso di fermi immagine su disegni particolarmente curati, da lui stesso definiti "cartoline ricordo". Dezaki e' stato anche il primo regista a sperimentare l'animazione digitale generata da un computer in una scena panoramica nella serie 'Golgo 13'. Nato a Tokyo il 18 novembre 1943, dopo il diploma presso il liceo Kitazono, Dezaki entro' nella Mushi Productions di Osamu Tezuka dove si formo' come disegnatore e direttore dell'animazione di alcuni episodi delle serie 'Astro Boy' (1963), 'Kimba il leone bianco' (1965) e 'Monkey' (1967).






http://www.corriere.it/spettacoli/11_aprile_18/dezaki-osamu-ladyoscar-remi_b19acb1e-6997-11e0-890a-a1e6d714ad88.shtml
http://www.vanityfair.it/show/tv/2011/04/18/morto-regista-lady-oscar-cartoni-giapponesi http://it.notizie.yahoo.com/7/20110418/ten-tv-e-morto-osamu-dezaki-il-regista-d-0fecfd5.html




___________________________________________________________________________________________

chi non conosce almeno uno dei personaggi creati da Osamu Dezaki ? , in pochi risponderanno affermativamente e quei pochi saranno o molto anziani o molto giovani perchè troppo famosi per non essere conosciuti