lunedì 1 novembre 2010

2 RISATE ? -------------------- FACCIAMO 3 ? ------------ PERCHè NON QUATTRO ? -------- OK FACCIAMOCENE UN SACCO --------


Marito-Moglie


Una sera una coppia che da molti anni e` sposata decide di confessare le loro scappatelle. `Cara io ti ho tradito. Ti ricordi quando abitavamo vicino Maria?`. `Si`. `Bene, quel corpo e` stato mio!`. `E ti ricordi quando abitavamo vicino Susi?`. `Si`. `Bene, quel corpo e` stato mio!`. `E ti ricordi quando abitavamo vicino Carla?`. `Si`. `Bene, quel corpo e` stato mio`. `Questo e` tutto, cara, e tu quando mi hai tradito?`. `Caro ti ricordi quando abitavamo vicino alla stazione dei pompieri?`. `Si``. `Bene quel corpo e` stato mio!`.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
L`incidente


Un tizio viene travolto da un`auto in corsa guidata da una bella signorina che si china sul malcapitato e gli dice: `Lei e` proprio fortunato! E` stato investito proprio di fronte all`ambulatorio di un medico`. E il tizio: `Guardi, signorina, che il medico sono io!`
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tra dottori


Quattro chirurghi durante una pausa fra un intervento e l`altro discutono del loro lavoro. Il primo dice: `Io credo che i più facili da operare siano i bancari. Dentro di loro ogni cosa è numerata`. Il secondo dice: `Io invece penso che i bibliotecari siano i più facili da operare. Quando li apri tutti i loro organi sono ordinati alfabeticamente`. Il terzo dice: `Io preferisco operare gli elettricisti. Tutti i loro organi sono codificati per colore`. E il quarto: `Io preferisco operare gli avvocati... sono senza cuore, senza spina dorsale, senza fegato, e la loro testa e il loro didietro sono intercambiabili`.
---------------------------------------------------------------
Tra vicini


Due vicini, un uomo e una donna, sono appassionati di orti, e ognuno coltiva un proprio pezzo di terra. Ma la signora, dopo aver visitato l`orto del vicino, esclama sconsolata: `Potessi avere anch`io dei pomodori cosi` rossi!`. E il tizio le confida: `A dire il vero ho un sistema infallibile per farli diventare cosi`, ma lei giuri di non rivelarlo a nessuno !`. Lei giura, cosi` lui spiega: `Quando la luna e` piena, io mi spoglio nudo, e corro tre volte intorno ai pomodori, e il giorno dopo li ritrovo cosi` belli rossi`. La signora aspetta pazientemente il plenilunio, si spoglia nuda e corre intorno ai pomodori. Tempo dopo i due si rivedono: `Allora signora, come e` andata con i pomodori?`. `Ah, niente da fare, sempre verdi e rinsecchiti, ma se vedesse come si sono allungati e ingrossati i cetrioli!`