sabato 7 agosto 2010

i giochi del passato ------- i giochi del passato ------- i giochi del passato ------- i giochi del passato -------

in questa rubrichetta elencheremo, col procedere degli interventi quei giochi d' una volta che oggi non si fanno piu' , chissa' forse qualche ragazzetto d' oggi leggendola ne rispolvera' alcuni

giochi del passato n. 004 - l' ululato

prefazione
bisogna dire che questo gioco ha avuto vita breve e in pochi se lo ricorderanno pero c'e' stato un tempo ' e cioè quando la zona compresa tra Viareggio e MArina di MAssa non era cosi' urbanizzata com'è ora e vi erano luoghi tipo la zona del Cinquale, Vittoria Apuania etc in cui vi era che qualche casetta , perlopiu' di agricoltori , ogni tanto circondata da ampi prati e piccoli boschi, vi era un tempo dicevamo in cui veniva praticato ; bisogna aggiungere che il periodo preferito era quello autunnale/primaverile, periodo in cui iil sole tramonta molto prima, il buio viene presto e il praticare altri giochi all' aperto era per questo pressoche' impossibile almeno in quelle zone semi deserte e scarsamente illuminate com'erano per l' appunto l zone poco sopra nominate

ma andiamo vedere in cosa consisteva il gioco

occorrente :

1- persone disposte al farlo
2- buone doti imitatorie
3 - velocita e fiato

svolgimento:

ci si avviava poco dopo l' imbrunire a piedi o in bicicletta veso la campagna piu sperduta, preferibilmente in zone dove non vi erano ancora i lampioni e l' oscurita' era rotta solo dal chiarore lunare o dalla luce esterna di qualche casetta e anche dalla poca luce filtrante dalle finestre socchiuse.
scelto il luogo. la casa etc si lasciavano a distanza di sicurezza e sempre se eravamo partiti con quelle, le nostre biciclette ,quinci ci si avvicinava con passo felpato alle casetta scelta , nascosti dietro gli alberi piu' vicini o in qualche pagliaio o posti similari si inziava quindi ad ululare , mai piu' di due alla volta , imitando il verso del coyote , o meglio cercando di imitare il verso del lupo mannaro, poi si tirava qualche sassetto nelle vicinanza della casetta seguito a breve da altri ululati questo per un po' onde saggiare le reazioni dei residenti, il piu delle volte si sentiva chiudere a doppia mandata le porte e le finestre e i giorni dopo s'ascoltavano strani racconti fatte nei vari negozi o luoghi di ritrovo, altre volte si vedeva uscire qualcuno, di solito l' uomo di casa , con in mano qualcosa, quando una mazza, quando un roncone o un pennato e anche qualche fucile a pallettoni che urlava come un ossesso verso un qualcosa di non identificato, allora e solo allora si correva a perdifiato, ridacchiando soddisfatti, verso le bici e via a casa.

praticamente un gioco poco divertente per persone deficienti ma si sa' quando non si sa' che fare , qualcosa si fa' comunque.

questo gioco per noi parte di quella combriccola fini' di colpo quando un bel giorno, in una delle tante case e piu' precisamente in quella , da noi , piu' " colpita " dagli ululati e da altri rumori strani , usci un ometto che sparo in direzione casuale vari colpi di fucile caricati a sale e pallini di piombo urlando come un ossesso le peggio bestemmie

si dice che colpi l' ometto un cinghiale di passaggio e un cane bastardo che sopravisse solo grazie alla cure del locale sacerdote

cosi visto che dopo il fatto non si sentirono altri ululati fu data la colpa al cinghiale che forse e non si sa il perche' ululava alla luna

la cosa strana è che mesi dopo la fine di questo piccolo nostro gioco si sentirono alcuni ululati per varie nottate e nella zona sparirono alcune galline e qualche coniglio, chissa chi tra noi , pensai all' epoca, aveva pensato di usare il vecchio trucco per rimediare la cena ........ o forse si traattava di altro ?

_____________________________________________________________________