venerdì 2 aprile 2010

i capisaldi ---------- i capisaldi ---------- i capisaldi ------- i capisaldi ---------- i capisasldi -------

Jimi Hendrix un mito che risplende nel tempo

Jimi Hendrix è una chitarrista e cantante statunitense nato a Seattle il 27 novembre del 1942 da padre afroamericano e madre cheyenne. Ebbe un'infanzia molto dura, perché dovette subire il divorzio dei suoi genitori e la morte di sua madre all’età di nove anni.

In questo periodo ricevette la sua prima chitarra, la quale lo avvicinò sempre di più al mondo della musica nonostante i pessimi risultati scolastici.

Lasciati gli studi prima del diploma, si dedicò solamente alla sua musica ispirandosi ad artisti dell’epoca come Chuck Berry ed Elmore James. Conobbe altri chitarristi come Frank Zappa che si dice gli abbia insegnato la tecnica dello wah-wah, effetto di chitarra nel quale avviene il taglio e il reinserimento delle frequenze alte.

A causa di alcuni problemi con la legge dovette scegliere tra due possibilità, la prima era quella di scontare la pena in carcere, la seconda era quella di arruolarsi nell’esercito. Scelse di arruolarsi nell’esercito ma a causa della rigidità e l’impossibilità di suonare dichiarò di essere omosessuale. Jimi lo smentì alcuni anni dopo, affermando in un’intervista che si era fatto male alla schiena durante un atterraggio col paracadute.

Dopo il congedo Hendrix creò il suo primo gruppo, i "king kasuals"", con i quali suonò nei locali del Tenesse e di Nashville per poi trasferirsi a New York.

In seguito ricevette il suo primo premio dell’Apollo Theater come artista emergente di successo. Gli anni successivi li passò da una band all’altra specializzandosi sempre di più con la sua chitarra preferita, la Fender Stratocaster, che utilizzò in tutti i modi suonandola coi denti, con la lingua, dietro la schiena e perfino dandogli fuoco.

Jimi dovette combattere anche alcune battaglie legali, perché era stato fermato in possesso di droghe e non aveva rispettato un contratto. Le battaglie si risolsero ha favore di Hendrix che però dovette rispettare il contratto con Ed Chalpin suonando per lui un LP.

Il suo nome è ancora ricordato tuttoggi per il festival di Woodstock nel 1969, dove suonò l’inno americano con la sua chitarra elettrica in modo distorto, ed ancora oggi non si capisce se l’abbia fatto contro la guerra del Vietnam o perché secondo lui , suonato in quel modo, era più bello.

Durante il suo ultimo concerto live in Germania, Jimi ricevette dal pubblico una salva di fischi e contestazioni che lo indussero, a ritirarsi in un appartamento affittato da lui a Londra. Qui morì il 18 settembre 1970 ritrovato nella sua stanza dopo aver ingerito un cocktail di tranquillanti ed alcool, secondo il resoconto di una ragazza che si trovava in quella stanza.

dischi usciti quando jimi era vivo:Are you experienced ? (1967) Axis Bold as love (1968) Electric Ladyland (1968) Smash Hits (compilation) (1969) Band of Gypsys (1970)

http://www.jimihendrix.com/it/home
http://it.wikipedia.org/wiki/Jimi_Hendrix

------------------------------------------------------------------------------------

da ondarock:


Una vita vissuta dall'alba al tramonto. Dai trionfi di Monterey e di Woodstock alla solitudine degli ultimi giorni. Jimi Hendrix moriva nel 1970. E insieme a lui svanivano i sogni dell'età dell'Acquario. Ma da allora in poi, l'approccio alla chitarra elettrica non sarebbe stato più lo stesso...

Jimi Hendrix, ovvero la chitarra che fece la storia del rock.

Il musicista di Seattle ha completamente e irreversibilmente mutato l'approccio alla chitarra elettrica, per molto tempo lo strumento principe e incontrastato del rock (almeno fino all'avvento del sintetizzatore) e, comunque, quello che più di tutti, fin dagli inizi, ha dato a questo genere quel marchio adrenalinico e un po' selvaggio, quel quid che lo caratterizza da ogni altra espressione musicale. Più del piano di Jerry Lee Lewis o di Richard Pennyman, alias Little Richard (con cui Jimi Hendrix ha suonato come sessionman per un breve periodo, tra l'altro), più dell'icona fantasma di Elvis Presley. Chuck Berry docet. Ve lo immaginate un rock senza chitarra? Sì, certo, il kraut-rock (non sempre), gli Elp, i Nice, i Cop Shoot Cop… ma sono tutte evoluzioni di un genere musicale nato e cresciuto con la chitarra a far da padrona, sono delle "eccezioni" che confermano la regola.
Con il suo strumento, Hendrix ha compiuto una rivoluzione copernicana accostabile, forse, solo alle innovazioni apportate al modo di suonare la sei corde da Charlie Christian, Django Reinhardt, Chuck Berry e, al limite, Robert Johnson. Con Hendrix, il feedback diventa un'arte, non più un fastidioso difetto (forse ne sanno qualcosa Sonic Youth & C.), la distorsione, spinta ai massimi limiti, è potenza e delicatezza al contempo (il suono "duro" che oggi è infiltrato quasi ovunque, soprattutto fra certi gruppi della scena indie, nasce qui), le linee melodiche e armoniche della chitarra elettrica si intrecciano e si fondono con naturalezza e perfezione come mai in precedenza. La valenza catartica dell'atto musicale assume con il chitarrista di Seattle un nuovo e prorompente significato.





discografia

Are You Experienced? (MCA, 1967
Axis: Bold As Love (MCA, 1967)
Electric Ladyland (MCA, 1968)
Band Of Gypsys (Capitol, 1970)
The Cry Of Love (Reprise, 1971)
Rainbow Bridge (Reprise, 1971)
isle Of Wight (Polydor, 1971)
Experience (Bulldog, 1971)
More Experience (Bulldog, 1972)
In The West (1972)
War Heroes (Reprise, 1972)
The Film "Jimi Hendrix" (soundtrack, Reprise, 1973)
Loose Ends (Polydor, 1974)
Crash Landing (Reprise, 1975)
Midnight Lightning (Warner, 1975)
Nine To The Universe (Reprise, 1980)
Jimi Plays Monterey (Reprise, 1986)
Band Of Gypsys 2 (1986)
Live At Winterland (Rykodisc, 1987)
Radio One (Rykodisc, 1988)
The Peel Sessions (1988)
Live & Unreleased - The Radio Show (Castle, 1989)
Lifelines (1990)
Live Isle Of Wight (Polydor, 1991)
Stages (Reprise, 1991)
Woodstock (MCA, 1994)
South Saturn Delta (MCA, 1997)
First Rays Of The New Rising Sun (MCA, 1997)
The Best Of Jimi Hendrix (1997) 8
BBC Sessions (MCA, 1998)
Live At The Fillmore East (MCA, 1999)
Live At Woodstock (MCA, 1999) 7
The Jimi Hendrix Experience (Brilliant, 2000

http://www.ondarock.it/rockedintorni/jimihendrix.htm
-------------------------------------------------------------------------------------

di jimi sono usciti piu' dischi dal vivo che da morto , tanto da far pensae che ancora oggi il fantasma ( o chi per esso ) di jimi ogni tanto entri in uno studio di registrazione e dia al via ad una delle sue sensazionali jam-session ) l ' ultimo, uscito da poco e' quello descritto sotto

Jimi Hendrix – Valleys Of Neptune (2010) - Experience Hendrix/Legacy 88697 64872 2

Valleys Of Neptune, album postumo del mitico Jimi Hendrix, con 12 registrazioni in studio completamente inedite.
Dieci sono le tracce registrate fra febbraio e maggio 1969 con la Band "The Jimi Hendrix Experience" perchè si era deciso di creare un sequel del rivoluzionario doppio album del 1968 "Electric Ladyland".
Valleys Of Neptune, sicuramente la più attesa e commerciale canzone mai editata di Jimi, è accompagnata da meravigliosi arrangiamenti di canzoni "leggenda" come "Red House", "Fire" e"Stone Free". Ma la cosa meravigliosa è l'interpretazione particolarmente ispirata delle registrazioni in studio (mai rese disponibili) di "Bleeding Heart" di Elmore James e "Sunshine Of Your Love" dei Cream.
La copertina era stata preparata dallo stesso Jimi.
Stone Free: la registrazione originale del 1966 come "Jimi Hendrix Experience" è la canzone di Jimi più conosciuta. Nel box set "The Jimi Hendrix Experience" uscito nel 2000 era presente un remake del gruppo originale: Hendrix, Mitch Mitchell e Billy Cox con una versione registrata nel 1969. In questo caso si tratta di una versione completamente diversa.
Valleys Of Neptune: brano registrato nel settembre 1969 e maggio 1970. Questa versione "full band" non era mai stata resa disponibile. Un estratto di un demo fatto da Hendrix con Mitch Mitchell ed il percussionista Juma Sultan, faceva parte dell'album Lifelines, rimasto per pochissimo tempo sul mercato tra il 1990 ed il 1992.
Bleeding Heart: cover di un classico brano di Elmore James, completamente diversa dalle precedenti versioni in "South Saturn Delta" e originalmente su "War Heroes". Questa registrazione non è mai stata editata. Registrata nell'aprile del 1969.
Hear My Train A Comin': versione elettrica, diversa dalla versione acustica a 12 corde, descritta nel documentario del 1973 di Jimi Hendrix e, successivamente, l'album "Blues".
Mr. Bad Luck: come Valley Of Neptune, una versione completamente diversa era presente sull'album Lifelines nel 1990. Jimi avrebbe poi sviluppato questo brano come "Look Over Yonder" e che è stato editato come parte di "South Saturn Delta".
Sunshine Of Your Love: una performance particolarmente amata dal gruppo nel 1969 e che non era mai stata editata in precedenza.
Lover Man: Jimi ha registrato diverse versioni di questa canzone, incluse sia nel Box Set del 2000 che in South Saturn Delta.. Anche in questo caso si tratta di una registrazione del tutto diversa dalle precedenti.
Ships Passing Through The Night: versione mai rilasciata e recuperata dalla session di registrazione del 4 aprile 1969 di "The Jimi Hendrix Experience"
Fire - Red House: entrambi i brani dell'originale "The Jimi Hendrix Experience" sono stati registrati nella session del febbraio 1969. Non sono da considerare versioni alternative alle registrazioni del 1967.
Lullaby For The Summer/Crying Blue Rain: registrazioni dell'originale "The Jimi Hendrix Experience" mai state rilasciate prima.
Slow Version: registrata all'Olympic Studios, il 14 febbraio 1969. Formazione Jimi Hendrix, Noel Redding, Mitch Mitchell.
Trash Man: registrata all'Olmstead Studios di New York il 3 aprile 1969. Formazione: Jimi Hendrix, Noel Redding, Mitch Mitchell.
Tracklist:
01. Stone Free02. Valleys of Neptune03. Bleeding Heart04. Hear My Train A Comin'05. Mr. Bad Luck06. Sunshine of Your Love07. Lover Man08. Ships Passing Through the Night09. Fire10. Red House11. Lullaby for the Summer12. Crying Blue Rain13. Slow Version14. Trash Man
Primary musicians:
Jimi Hendrix: guitar, lead vocals, production on all tracks except 5Noel Redding: bass on all tracks except 1, 2 and 3Mitch Mitchell: drums on all tracks except 3Billy Cox: bass on tracks 1, 2 and 3
Additional personnel:
Chas Chandler: production on track 5Eddie Kramer: posthumous production, mixing on track 11John McDermott: posthumous productionJanie Hendrix: posthumous production
Additional musicians:
Rocki Dzidzornu: percussion on tracks 6 and 12Roger Chapman: backing vocals on track 1Andy Fairweather Low: backing vocals on track 1Juma Sultan: percussion on track 2Rocky Isaac: drums on track 3Chris Grimes: tambourine on track 3Al Marks: maracas on track 3