martedì 16 marzo 2010

Le Rune

_________________________ LE RUNE CELTICHE _____________________
Cosa sono le Rune?



RISPOSTE DATE DA DIFFERENTI CETI SOCIALI


CETO 1- Le Rune sono Archetipi, potenti raffigurazioni naturalistiche delle forze che regolano l’Universo.


CETO 2 - CHE COSA ? CHE ? VABBE' DAMMENE UN PAR DI CHILI CHE LE DO ALLE GALLINE


CETO 3 - AHO IO NON VOGLIO SAPERE DE NIENTE MANDAMELE QUA' SOLO SE SO' BELLE E FORMOSE CHE AL RESTO CE PENSO io


CETO 4 - CERTO CHE LO SO ( E SE NE VA )



CETO 5 - La parola Runa significa “segreto da sussurrare” (dal tedesco raunen: sussurrare) e da lì mistero, magia, cosa segreta. Infatti, il loro utilizzo è stato sempre insegnato e tramandato oralmente, non c’è nulla di scritto. Assomigliano a delle strane lettere primitivi e vinivano incise su pietre, sassolini, pezzi di legno.

Questi simboli, che esprimono diversi aspetti della natura, sono giunti fino ai giorni nostri come custodi del nostro futuro. Interrogandoli dovremmo scoprire cosa c’è scritto nel destino più immediato. In ciascuna di esse, nei simboli che manifestano, è concentrata la conoscenza archetipale di una parte dell’esistenza che può essere conosciuta o manipolata per l’ottenimento di vari obiettivi.

Esistono tre sistemi runici: il Futhark più antico (24 rune), il Futhorc anglofrisone (29 o 33 rune) e il Futhark più giovane (16 rune). La parola Futhark deriva dalle prime sei lettere dell’alfabeto runico antico. E’ interessante notare che alcune lettere del nostro alfabeto (ad esempio f, u, r, c, h, i , s, b) hanno una certa somiglianza grafica con i simboli runici corrispondenti a queste stesse lettere. ( du palle , MENO MALE CHE HA FINITO )

per il resto dei ceti leggere articolo completo con tanto di foto e filmati anche particolari e talvolta geniali se non addirittura totali nella loro interezza per quanto riguarda le varie questioni rimaste irrisolte nel tempo




Le rune: un po' di storia.

Fuþark, è il nome dell’alfabeto runico, derivante dalle prime sei lettere che lo compongono. Questo alfabeto era usato dalle popolazioni germaniche antiche, era inizialmente composto da 24 caratteri chiamate rune. Siamo venuti a conoscenza dell’esistenza di evoluzioni di questo alfabeto, diverso per numero e forma delle rune. Il motivo per cui i simboli runici sono interamente composti da linee rette va ricercato nel fatto che queste venivano incise su superfici dure come pietra e legno. Il più antico alfabeto fuþark, detto arcaico, risale circa al 150-800 a.C.

Dall’alfabeto italico, di cui si conoscono cinque varietà, aventi tutte radice comune dall’alfabeto etrusco, derivano le rune germaniche. Tale alfabeto è conosciuto solo attraverso alcune iscrizioni che furono scoperte nell'area alpina e prealpina.
Odino, secondo la tradizione scandinava, è il dio che ha il dominio delle rune, quali sorgenti magiche di ogni potere e sapienza. Il mito della "scoperta" delle rune da parte del dio, viene riferito in una strofa del poema eddico Hávamál. Il passo è in larga parte oscuro. L'autosacrificio di Odino, descritto, nel quale il dio si sarebbe volontariamente impiccato a un albero e trafitto con una lancia, rispecchia perfettamente le modalità dei sacrifici umani che venivano tributati al dio nella Scandinavia precristiana. Le vittime venivano infatti impiccate e quindi trafitte a colpi di lancia. L' Hávamál non specifica la natura dell'albero a cui il dio si sarebbe appeso, ma si ritiene comunemente di poterlo identificare con Yggdrasill, il frassino cosmico della mitologia norrena. Il nome è composto da Yggr, "terribile", è un epiteto dello stesso Odino ed il termine drasill, "destriero", è a sua volta leggibile nella letteratura scaldica come una kenning (metafora poetica) a indicare la forca alla quale venivano appesi gli impiccati. Nel rito descritto si riconoscono anche motivi inerenti all'iniziazione sciamanica, derivati probabilmente dal mondo finnico. Si riteneva infatti che gli sciamani acquistassero i loro poteri di mediatori col mondo soprannaturale attraverso vari rituali di morte e rinascita.

Tre sono gli aspetti delle rune. Questa triade NON può essere separata, in quanto nessuna di queste tre parti può avere senso da sola: ognuna implica l'esistenza e la sussistenza delle altre due.
Il suono (il nome pronunciato): valore fonetico della Runa è la sua caratteristica vibratoria nell'aria e nello spazio. Questa rappresenta la qualità creativa che risiede nella magia della vocalizzazione. È la qualità alla quale pensiamo quando immaginiamo la parola di Dio, per esempio. Può essere applicata alla voce.

Il glifo della Runa (la sua forma): rappresenta la sua qualità visibile. Questa è, forse, la caratteristica che riusciamo a comprendere meglio, in quanto - come esseri umani - riusciamo a trasporre un'enfasi eccezionale in quello che possiamo vedere. Può essere applicata alla vista.

Il contenuto simbolico: rappresenta il significato (o i significati) che sono stati attribuiti alla Runa; tuttavia, è facile comprendere come, anche questo aspetto sia solo un pallido riflesso del reale significato della Runa, che resta, comunque, celato ai nostri 5 sensi. Questo perché le Rune esistono in una realtà molto più estesa di quella tridimensionale e possono, quindi, solo essere accennate nel diagramma bidimensionale che siamo superficialmente disposti a concepire. Non può essere applicata, i significati delle rune possono essere concepiti e elucubrati soltanto da alcune menti, che hanno, come dire, un sesto senso, sovraterreno.

Queste sono indicazioni di carattere esoterico o pseudoesoterico, e non informazioni scientifiche. Di un'eventuale interpretazione iniziatica delle rune occorre indicare le origini storiche.
La parola runa è connessa ai concetti di "segreto" e "mistero" per alludere sia alla caratteristica di comunicazione silenziosa, sia all'uso magico che se ne faceva. Molto spesso le Rune venivano incise su strumenti o nel legno delle navi per assicurare virtù sovrannaturali a tali oggetti o solo per indicarne il proprietario o il costruttore. Sin dalle sue prime manifestazioni, la scrittura runica ha presentato forme nettamente diversificate, a seconda che sia stata utilizzata in area continentale, settentrionale o insulare. Nelle isole la tendenza ad adattare la scrittura ai suoni della lingua ha portato ad ampliare il fuþark originario con altre 4 o 5 rune; in Scandinavia si è verificata la tendenza opposta, con la semplificazione del fuþark a 16 segni.
Le "rune medievali" nascono in scandinavia. Perdono ogni uso nella magia e nella divinazione, e perdono anche ogni collegamento con le antiche lingue anglosassoni e scandinave perché vengono usate solo per traslitterare le scritture latine.
Non ci sono evidenze storiche dell'esistenza di una runa bianca, cioè "vuota". Questa ipotetica runa nella divinazione dovrebbe simboleggiare il Wyrd, il fato, secondo alcuni. Ovviamente questa runa non ha alcun uso nella scrittura essendo essa propriamente uno spazio vuoto. Un suo uso nella divinazione è improbabile, anche se non ne abbiamo prove definitive. L'avvento del cristianesimo nelle popolazioni germaniche portò l'introduzione di alfabeti classici, la cui funzione principale era la conservazione e la tradizione della cultura, ma le rune non scomparvero subito, in quanto non condividevano con gli alfabeti la funzione letteraria e rimasero un metodo di scrittura utilizzato per esigenze quotidiane.

Significati accademicamente riconosciuti dei 24 segni dell'antico Futhark
secondo il dipartimento di studi scandinavi dell'Università della Sorbona di
Parigi (settembre 2002)




Nome ---------------Suono-------------- Traduzione

Fehu ---------------------------/f/ ----------- Ricchezza
Uruz ---------------------------/u/ ----------- Uro (animale)
Thurisaz ---------------/th/ ----------- Spina
Ansuz ----------------- /a/ ------------ Bocca? / Dio?
Raidho -----------------/r/ ------------Cavalcata
Kennaz ----------------/c/ -------------Torcia
Gebo ------------------/g/ -------------Generosità
Wunjo -----------------/w/ ------------Gioia
Hagalaz ---------------/h/ -------------Grandine
Nauthis ------------------/n/ -------------Avversità
Isa --------------------/i/ --------------Ghiaccio
Jera -------------------/j/ --------------Anno / Annata
Pertho-----------------/p/ ------------Gioco?
Eihwaz ----------------/ei/ ------------Tasso (albero)
Algiz ---------------/z/ o /r/ -----------Canna?
Sowilo ----------------/s/ --------------Sole
Teiwaz ----------------/t/ --------------Tir? (divinità) / Stella?
Berkano --------------/b/ ---------------Betulla
Ehwaz ----------------/e/ ---------------Cavallo
Mannaz --------------/m/ ---------------Uomo
Laguz ----------------/l/ ----------------Mare
Ingwaz --------------/ng/ ---------------Nome di eroe
Dagaz ----------------/d/ ----------------Giorno
Opila ----------------/o/ ----------------Patrimonio





C'E POI UNA FANTOMATICA RUNA BIANCA DI CUI SI SA' POCO O NULLA , c'e chi dice che non è mai esistita
-------------------------------------------------------------------------------------------------LINK DIRETTO AD UN INTERESSANTE ARTICOLO SULLE RUNE

LE RUNE.
Leggerle, interpretarle e costruirle.

Le Rune
---------------------------------------------------------------------------------------
storia delle Rune




questa la domanda alla quale ci troviamo più frequentemente a dare una spiegazione... E qui non vogliamo fare un trattato storico sulle origini Vichinge/Celtiche e sulla diffusione dei segni in Europa ma offrire a quelle persone che si rivolgono per la prima volta a questo "misterioso segreto sussurrato", la possibilità di riceverlo nel cuore, nella mente e nello spirito. Letteralmente la parola runa significa "segreto, sussurro" e deriva dal Norreno (l'antica lingua norvegese). Oltre ad essere un sistema di scrittura utilizzato dai popoli germanici e scandinavi da più di duemila anni, le rune sono ancora oggi uno strumento divinatorio e di crescita spirituale. La divinazione runica, però, non significa prevedere il futuro, al contrario, ci offre la possibilità di analizzare meglio il percorso su cui ci troviamo e mostrarci l'effetto delle nostre azioni positive o negative, agendo come uno specchio per quello che, in quel momento, non siamo in grado o non vogliamo vedere.

Secondo la leggenda, furono scoperte dal dio Odino che le divulgò tra il suo popolo come simbolo del sapere e del riconoscimento di tutti i misteri degli dei e degli uomini. Esse, infatti, trasmettendoci la loro sapienza ci aiutano ad avere un atteggiamento più positivo nei confronti della vita e ad aumentare la coscienza di noi stessi.

Per spiegare la meccanica delle rune dobbiamo immaginare una gigantesca ragnatela che si dirama nel tempo e nello spazio. Ogni suo filo è un'energia diversa e dal momento della nostra nascita a quello della nostra morte, noi ci troviamo in qualche punto di questa ragnatela a seconda delle nostre azioni positive o negative che siano. Azioni positive ci porteranno su di un filo sempre più positivo al contrario le azioni negative ci costringeranno su di un filo sempre più negativo. Considerando che la ragnatela è la nostra stessa vita, possiamo affermare che il nostro mondo sarà influenzato da questa energia prodotta proprio da noi stessi. Per identificare i diversi tipi di energia si attribuiscono dei simboli. Le rune sono questi simboli.

Per avvalersi delle rune per un consulto è indispensabile che la persona che le adoperi consideri con un sincero sentimento di rispetto l'atto divinatorio serio e veritiero
FONTE E SEGUITO -----> http://www.runica.it/storia.asP



ALTRI LINK
http://www.bibrax.org/europa_arcaica/archeologia/rune.htM
http://www.lacollinadellestreghe.it/pagine/sIndex/wHomePage.aspx?codMenu=529&codGlossario=163
http://www.stonehenge.rimini.it/Celti_e_Vi

----------------------------------------------------------------------------------------------

YOUTUBE DOCET

chinghi.htM




-
http://www.majuro.it/magia_rune.php
CONCLUSIONI
LE SOLITE BOIATE.