giovedì 4 febbraio 2010

La Cucinotta "gira" in città

Ciak si gira in città. Massa sarà la location in cui verranno girate numerose scene del film di "Il bene e il male" del regista carrarese (di Colonnata) Fabrizio Cattani - che firma anche la sceneggiatura -, e prodotto dalla Italian Dreams Factory, società di produzione cinematografica diretta da Maria Grazia Cucinotta. Il cast, quasi tutto al femminile
MASSA. Ciak si gira in città. Massa sarà la location in cui verranno girate numerose scene del film di "Il bene e il male" del regista carrarese (di Colonnata) Fabrizio Cattani - che firma anche la sceneggiatura -, e prodotto dalla Italian Dreams Factory, società di produzione cinematografica diretta da Maria Grazia Cucinotta. Il cast, quasi tutto al femminile vede tra le protagoniste la stessa Cucinotta, Kasia Smutniak, Chiara Marteggiani, Marina Pennafina, Nathalie Caldonazzo. Ma ci sarà anche Neri Marcorè.

Il film sarà ambientato all'interno di un ospedale psichiatrico giudiziario individuato a Roma, mentre per le locations esterne il regista, dietro indicazione del produttore esecutivo su Massa Carrara, Adolfo Drago, ha nella città di Massa il set ideale dove ambientare numerose scene del suo film. Le riprese avranno inizio il 22 febbraio 2010 per la durata di 6 settimane. E cominceranno proprio dalla nostra città, dove la produzione girerà per una settimana.

«Sono contento di lavorare nella zona apuana - ha detto il regista colonnatese, il cui film "Il rabdomante" è andato di recente in onda su Sky - dove ho trovato i luoghi ideali per ambientare le scene in esterno de "Il bene e il male". Ma se ci sono riuscito devo ringraziare la disponibilità del nostro produttore esecutivo Adolfo Drago, di Nino Ianni della Provincia, del consigliere comunale Daniele Carmassi, del sindaco Roberto Pucci, del direttore dell'Apt Antonio Tarantino, dell'assessore provinciale Sara Vatteroni. È grazie a loro, che ci hanno creduto, che gireremo per una settimana a Massa».

Tratto da libro "From Medea" scritto da Grazia Verasani (Sironi Editore Milano), il film racconta la storia dolorosa di un gruppo di donne che si sono macchiate del delitto più "indicibile" per una madre: hanno ucciso il loro figlio.


La Italian Dreams Factory della Cucinotta, ha realizzato numerosi film tra cui l'ultimo, "Viola di mare" uscito nelle sale italiane lo scorso ottobre, ha partecipato in Concorso al Festival del Cinema di Roma e si è aggiudicato il premio come miglior film all'ultima edizione del festival Nice di San Francisco.

«Obbiettivo della nostra società - dicono i produttori - è il cinema di qualità: raccontare e realizzare storie che siano qualitativamente molto valide, idee forti che non si accontentano del nostro microcosmo ma che abbiano anche un respiro internazionale».
Per questo progetto la Film Commission della Regione Toscana ha già confermato la sua partecipazione annunciandolo con entusiasmo nella conferenza stampa dell'ultimo Festival di Venezia.
C.F.