domenica 28 febbraio 2010

MAGAZINE N. sepropriolovuoisaperEtelicontidasolo-partendo-dal-numerozero-.-in-.-sù



attualita
tremendo terremoto in cile ( 8,8 gradi della scala mercalli ) Allarme Tsunami in Cile , Oceano Pacifico e Hawaii


notizie dalla stampa italiana
il corriere
Edifici crollati, gente terrorizzata per le strade nella capitale Santiago
Sisma in Cile, centinaia sotto le macerie
Hawaii: debole tsunami, l'allarme resta
Il bilancio ufficiale ma provvisorio è di 214 morti. Il centro monitoraggio del Pacifico: «Effetti devastanti»

Sisma in Cile, centinaia sotto le macerie
Hawaii: debole tsunami, l'allarme resta

Il bilancio ufficiale ma provvisorio è di 214 morti. Il centro monitoraggio del Pacifico: «Effetti devastanti»


SANTIAGO (Cile) - Prima il violentissimo sisma, poi una impressionante sequenza di repliche, infine l'allarme tsunami. La natura mette in ginocchio il Cile, colpito nella notte da un devastante terremoto. La prima scossa di magnitudo 8,8 gradi della scala Richter, a una profondità di 55 chilometri e con epicentro a 115 chilometri da Concepcion e 325 da Santiago del Cile (LA MAPPA), ha colpito le regioni centrali del Cile alle 3.34 ora locale (le 7.34 in Italia) di sabato. Un'altra cinquantina di scosse sono state poi registrate dall'istituto americano di geofisica Usgs, nelle successive 12 ore, nessuna delle quali inferiore alla magnitudo 5, e tutte lungo una linea di circa 500 chilometri. Il bilancio ufficiale, ancora del tutto provvisorio, è di 214 morti. La maggior parte delle vittime si registra nelle regioni di O’Higgins, Maule e Bio Bio. Un milione e mezzo di case danneggiate, in tutto il Cile, un terzo delle quali in modo grave. Per l'emittente americana Nbc i senzatetto sono 400 mila. E fa paura lo tsunami generato dal sisma nell'Oceano Pacifico: subito dopo il sisma, il Pacific Tsunami Warnin Center ha spiegato che «il livello del mare indica che è stato generato uno tsunami che potrebbe esser devastante per le coste vicino all'epicentro e potrebbe anche minacciare le coste più lontane». Il Noaa, il centro dati statunitense sul clima, ha poi confermato che il forte terremoto che ha colpito il Cile ha generato uno tsunami in tutto l'Oceano Pacifico che si esaurirà intorno al Giappone con onde alte pochi centimetri. Onde alte più di due metri hanno già raggiunto già nel primo pomeriggio la costa cilena nelle città di Talcahuano, Valparaiso e Coquimbo provocando ingenti danni. Poco prima delle 23 (ora italiana) lo tsunami ha raggiunto le Hawaii. Le ondate sono state meno forti del temuto ma l'allarme rimane. «Il terremoto è un duro colpo per la società cilena», ha detto il presidente eletto del Cile Sebastian Pinera, promettendo «totale aiuto» e «impegno» tra la squadra del futuro governo e l’attuale governo della presidente Michelle Bachelet. Il mondo intanto comincia a mobilitarsi in vista degli aiuti alle popolazioni colpite dal sisma. Il presidente americano Barack Obama ha detto che gli Stati Uniti sono pronti ad aiutare il Cile. Le comunicazioni con i territori colpiti dal sisma sono difficili e l'ufficio per gli affari consolari del dipartimento di Stato Usa ha inviato i cittadini statunitensi che cercano i propri cari in Cile a usare i social network. Intanto, il responsabile dell'Unità di crisi della Farnesina, Fabrizio Romano, ha detto che «al momento non si registrano vittime italiane» nel sisma che ha colpito il Cile, «ma purtroppo è un dato provvisorio che richiede verifiche continue»

link per mappa ultimi terremoti in Italia e nel mondo
http://portale.ingv.it/real-time-monitoring/terremoti%20recenti
http://kharita.rm.ingv.it/Gmaps/weq/index.htm#last30
http://mednet.rm.ingv.it/earthquakes.php
--------------------------------------------------------------------------------------------
CHE COS'E' UN TERREMOTO ( meglio sarebbe non averne a che fare mai )

Un terremoto è prodotto dalla brusca liberazione dell'energia accumulata da una roccia sottoposta a sforzo.
A pressioni non elevate le rocce, sottoposte a sforzi, hanno un comportamento "fragile" che può essere illustrato con il diagramma della figura accanto.
La roccia si deforma elasticamente fino ad un valore A dello sforzo, al di sopra del quale la relazione non è più lineare.
Quando lo sforzo raggiunge il valore C (punto di rottura) la roccia si rompe, liberando tutta l'energia accumulata fino a quel momento.
Il punto in cui avviene la rottura (accompagnata da spostamento delle parti), viene chiamata faglia.

Il terremoto si origina in un punto all'interno della terra che prende il nome di IPOCENTRO, la proiezione dell'ipocentro sulla superficie della terra, prende invece il nome di EPICENTRO. L'ipocentro, può essere localizzato, analizzando i sismogrammi che vengono registrati nelle stazioni sismografiche.
Per poter localizzare esattamente l'epicentro, occorrono i dati registrati in più stazioni sismografiche. Infatti con i sismogrammi, si possono calcolare le distanze epicentrali, ed i dati di una sola stazione sismografica, potranno definire solo una zona circolare lungo il cui perimetro si è generato il sisma.
Occorrono almeno tre stazioni sismografiche per poter determinare le coordinate esatte dell'epicentro.In ogni stazione, verrà definito un perimetro circolare, e l'intersezione dei tre cerchi ci darà un punto, coincidente con l'epicentro del terremoto. Le distanze dell'epicentro dalla stazione sismografica, vengono determinate in base alla misura dei tempi di arrivo delle onde P ed S nelle differenti stazioni.
Quando si hanno a disposizione le registrazioni, ottenute in almeno tre stazioni, di un evento sismico che si è verificato nell'istante t0 (tempo d'origine), è possibile determinare le coordinate epicentrali del terremoto se sono note le velocità di propagazione (Vp e Vs) delle onde sismiche e se si suppone isotropo (un mezzo si dice isotropo quando presenta le stesse caratteristiche chimico - fisiche in tutte le direzioni) il mezzo attraverso il quale esse si propagano. Supponiamo di avere i sismogrammi relativi alle stazioni A, B, C, riportati nella figura a fianco. Congiungiamo l'origine degli assi, coincidente nel nostro caso con l'epicentro, con i tempi di arrivo della stessa onda nelle tre stazioni con una linea (rossa) detta dromocrona , ne costruiremo una per ogni tipo di onda, una per le onde P, una per le onde S ed una per le onde superficiali.
Supponendo di conoscere la velocità delle onde P (Vp=1,73 Vs) e delle onde S (Vs), e ricavando dal diagramma la differenza dei tempi di arrivo delle onde P ed S, possiamo ricavare la distanza epicentrale con la formula:

D= (Vp / 0,73) (ts - tp)

dove:
ts= tempo di arrivo delle onde S
tp= tempo di arrivo delle onde P
Per determinare la profondità dell'ipocentro si usa lo stesso metodo, basato sulla differenza dei tempi di arrivo delle varie onde.
In questo caso, però si utilizzano solo i dati relativi alla stazione più vicina all'epicentro, che per convenzione, viene considerata come se fosse sulla verticale dell'ipocentro.
La distanza ottenuta, applicando la formula precedente, sarà in questo caso la distanza verticale, ovvero la profondità, dell'ipocentro dalla superficie.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
tv etc
litizzetto show

parodie

----------------------------------------------------------------------------------------------------
CUCINA, RICETTE ETC.



BATTUTO PER ARROSTI EXTRA

INGREDIENTI E SVOLGIMENTO

PER PRIMA COSA ANDARE DAL PROPRIO FORNITORE E PRENDERE:

1 ) 10 TONNELLATA DI FOGLIE DI ROSMARINO LEGGERMENTE ESSICATO
2 ) 250 KG DI FOGLIE DI SALVIA
3 ) 10 KG DI FOGLIE DI ALLORO
4 ) SPICCHI D' AGLIO A PIACERE ( SBUCCIATI, LA BUCCIA VOLENDO LA POTETE METTERE DA PARTE E TIRARE VIA TUTTA INSIEME A FINE RICETTA ) )
5 ) 30 TONNELLATE DI SALE ( MEGLIO SE FRESCO DI MINIERA )
6 ) AGGIUNGETE PEPE A PIACERE
7 ) AGGIUNGERE VOLENDO ALTRE ERBE AROMATICHE SENZA PERO' ECCEDERE NELLE DOSI
----------------------------------------------------------------------------------------------------
SVOLGIMENTO
PORRE TUTTI GLI INGREDIENTI IN UN TAGLIERE ADATTO E INIZIARE A TRITARE DI BUONA LENA CHE SENNO' VIEN NOTTE, UNA VOLTA TRITATE MOLTO FINEMENTE IL TUTTO PRENDERENE LA DOSE CHE NECESSITA ED USARLA, IL RESTO O LA RIPONETE O LA BUTTATE.


si ringrazia infinitivamente con tanto di inchino da 3 minuti abbondanti la " OSTERIA ULISSE di SERAVEZZA " per l' aiuto fornito nella compilazione della ricetta sopradescritta






------------------------------------------------------------------------
CLIP, APPARIZIONI, LIVE PERFORMANCE, ETC
Rihanna - "Rude Boy" on GMTV

Crookers - Festa Festa (feat. Fabri Fibra & Dargen D'Amico)

MIX






CLASSICO ESEMPIO DI UNA CANZONE CON MILLE INTERPRETAZIONI
ORE D'AMORE ( Canta: Fred Bongusto )

( Autori: C. Sigman - B. Kaempfert - H. Rehbein - F. Migliacci - 1968 )

( Titolo originale: The world we knew )



Ore d'amore non ho

per non innamorarmi più.

Io non ho

che momenti.



Parlo soltanto

se devo

e non chiedo a nessuna mai

di restare con me.



È solo te che vorrei,

soltanto te.

Il tuo posto era quì

vicino a me.



Guardare non so

dove non sei.

Gli occhi miei sopra ai tuoi

e poi, e poi...



Ore d'amore non ho

per non innamorarmi più.

Dopo te

non ho amato mai.



È solo te che vorrei,

soltanto te.

Il tuo posto era quì

vicino a me.



Guardare non so

dove non sei.

Gli occhi miei sopra ai tuoi

e poi, e poi...



Ore non ho

per non innamorarmi più.

Dopo te

non ho amato mai.



Ore non ho

per non innamorarmi più!
---




.----------------------------------------------------------------------------------
TOTO' IN " TOTO' CANTANTE "
La mazurka di Totò
Canta: Antonio de Curtis (Totò) )
( Autori: A. de Curtis - C. A. Bixio - 1949 )
( Dal film "Totò le Mocò" )

Quando sei solo e giovane
quanti sogni in fondo al cuore,
ti senti triste e povero
se la vita è senza amore.
Prendi la fisarmonica,
fai dischiudere un balcone
e a una bella signorina
canti una canzone su per giù così:

Mia bella signorina
che ascolti lassù,
socchiudi gli occhi e sogna,
socchiudi gli occhi e sogna
un giovanotto e un cuor
che ti piace di più
e ad altro non pensare
finchè c'è la gioventù.

Sogna di una casetta
e un bel chiaro di luna,
sogna un bel pupo biondo
o una bambola bruna.
Mia bella signorina
che ascolti lassù,
socchiudi gli occhi e sogna
finchè c'è la gioventù!

-------------------------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------------------
_____________________ FINE ____________ FIN ____________________THE END